sabato, Marzo 2, 2024
HomeBusinessTecnologiaI ricercatori iniziano a trovare indizi sulle tracce del lungo COVID

I ricercatori iniziano a trovare indizi sulle tracce del lungo COVID

Si ritiene che tra il 10 e il 20% delle persone infettate dalla relazione COVID presentino sintomi a lungo termine. Foto: Matteo Mirabelli

Si ritiene che decine di milioni di persone in tutto il mondo soffrano di COVID lunga, ma a quattro anni dalla dichiarazione della pandemia questa condizione sfuggente non può ancora essere testata, né tantomeno trattata.

Tuttavia, la ricerca potrebbe finalmente iniziare a trovare i primi indizi sulle tracce della COVID lunga, facendo sperare in future scoperte che potrebbero illuminare anche altre sindromi croniche ostinatamente ambigue.

La COVID lunga è il nome dato a un’ampia varietà di sintomi di cui le persone continuano a soffrire settimane e mesi dopo aver contratto il virus della SARS-CoV-2. I più comuni sono affaticamento, mancanza di respiro e mancanza di ossigeno.

I più comuni sono l’affaticamento, la mancanza di respiro, i dolori muscolari e la nebbia cerebrale.

Uno studio importante, pubblicato il mese scorso, ha dimostrato l’esistenza di differenze significative nelle proteine del sangue di oltre 110 pazienti affetti da COVID da lungo tempo.

Onur Boyman, ricercatore svizzero e autore senior dello studio, ha dichiarato all’AFP di ritenere che si tratti di un “pezzo centrale del puzzle” che spiega perché la COVID continui a imperversare così a lungo nel corpo di alcune persone.

Una parte del sistema immunitario del corpo, chiamata sistema del complemento, che normalmente combatte le infezioni uccidendo le cellule infette, rimane attiva nelle persone con COVID prolungata, continuando ad attaccare bersagli sani e causando danni ai tessuti, hanno detto i ricercatori.

Boyman ha detto che quando le persone guariscono dalla COVID lunga, anche il loro sistema del complemento migliora, suggerendo un forte legame tra i due.

“Questo dimostra che la COVID lunga è una malattia e che è possibile misurarla”, ha detto Boyman, aggiungendo che il team spera che questo possa portare a un test futuro.

I ricercatori non coinvolti nello studio hanno avvertito che questa “disregolazione” del sistema del complemento non può spiegare tutti i diversi modi in cui la COVID lunga sembra attaccare i pazienti.

Tuttavia, è “fantastico vedere che ora escono documenti che mostrano segnali che potrebbero iniziare a spiegare la COVID lunga”, ha detto Claire Steves, professore di invecchiamento e salute al King’s College di Londra.

ogni aspetto della mia vita

Lucia, una persona affetta da COVID lunga che vive negli Stati Uniti e che ha preferito non fornire il proprio cognome, ha dichiarato all’AFP che “studi come questi ci avvicinano molto alla comprensione” della condizione.

Ha citato un altro recente lavoro che ha rilevato danni e un minor numero di mitocondri nei muscoli dei pazienti affetti da COVID lunga, il che potrebbe indicare il motivo per cui molti pazienti si esauriscono anche dopo un minimo esercizio fisico.

Per Lucia, la COVID lunga ha trasformato il salire le scale del suo appartamento in una battaglia quotidiana.

Quando si è ammalata per la prima volta di COVID nel marzo 2020, Lucia ha detto che non poteva immaginare come la condizione avrebbe “influenzato ogni aspetto della mia vita, anche dal punto di vista sociale e finanziario”.

Lucia, membro della Patient-Led Research Collaborative, ha sottolineato che le persone affette da COVID lunga non devono solo affrontare i loro numerosi problemi di salute.

Devono anche “affrontare l’incredulità o il rifiuto da parte della comunità medica o dei loro circoli sociali”, ha detto.

L’importanza del sostegno ai pazienti è stata sottolineata da uno studio del BMJ di questa settimana, secondo cui la riabilitazione di gruppo ha migliorato la qualità della vita dei pazienti COVID di lunga durata.

Perché è stato così difficile?

Ziyad Al-Aly, epidemiologo clinico presso la Washington University di St Louis, ha affermato che la COVID lunga è stata così sfuggente perché è una “malattia multisistemica”.

“Le nostre menti sono allenate a pensare a malattie basate su sistemi di organi”, come le malattie cardiache o polmonari, ha detto all’AFP.

Ma la comprensione dei meccanismi alla base della COVID lunga potrebbe rispondere in modo più ampio al “perché e al come le infezioni acute causano malattie croniche”.

Ciò significa che la soluzione del mistero della COVID lunga potrebbe contribuire alla lotta contro altre condizioni come la sindrome da affaticamento cronico o i sintomi persistenti dopo l’influenza, sempre più spesso definiti “influenza lunga”.

Sebbene sia difficile determinare il numero reale di persone affette da COVID lunga, l’Organizzazione Mondiale della Sanità sostiene che potrebbe essere tra il 10 e il 20% di tutte le persone che hanno contratto la malattia.

Una ricerca dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie ha suggerito che la percentuale di persone che si ammalano di COVID lunga è diminuita in quanto le nuove varianti di coronavirus sono diventate meno gravi.

È stato dimostrato che la vaccinazione contro la COVID riduce significativamente la possibilità di contrarre la COVID lunga, sottolineando l’importanza dei richiami, affermano i ricercatori.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE