I carri armati israeliani raggiungono il centro di Rafah nonostante l’indignazione globale per lo sciopero del campo

Un carro armato dell’esercito israeliano rotola lungo il confine meridionale di Israele con la Striscia di Gaza, martedì scorso.

I carri armati israeliani sono penetrati nel cuore di Rafah martedì, nonostante l’indignazione globale per l’attacco che ha incendiato un campo affollato nell’estrema città meridionale di Gaza, uccidendo 45 persone secondo i funzionari palestinesi.

I carri armati israeliani erano “posizionati sulla rotonda di Al-Awda, nel centro della città di Rafah”, ha detto un testimone. Una fonte della sicurezza palestinese ha confermato che i carri armati erano nel centro di Rafah, dove le truppe israeliane hanno lanciato un controverso assalto all’inizio del mese.

L’attacco al campo di domenica sera, che secondo i medici di Gaza ha lasciato centinaia di civili con ferite da schegge e ustioni, ha attirato la condanna dei leader mondiali e sarà discusso in una riunione d’emergenza del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a partire dalle 19:15 GMT.

La vista della carneficina carbonizzata, dei cadaveri anneriti e dei bambini trasportati d’urgenza negli ospedali ha portato il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres a dichiarare che “non esiste un luogo sicuro a Gaza. Questo orrore deve finire”

Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha definito l’attacco un “tragico incidente”, ma ha anche giurato di continuare la campagna militare per distruggere Hamas per l’attacco del 7 ottobre e riportare a casa tutti gli ostaggi.

Altri attacchi aerei e bombardamenti sono piovuti nella notte su Gaza assediata, compresa l’area di Tal Al-Sultan a Rafah, dove il campo di sfollati è andato in fiamme vicino a una struttura dell’agenzia ONU per i rifugiati palestinesi, l’UNRWA.

“La situazione è molto pericolosa”, ha detto una residente, Faten Jouda, 30 anni. “Non abbiamo dormito tutta la notte. Ci sono stati bombardamenti casuali da tutte le direzioni, compresi bombardamenti di artiglieria e bombardamenti aerei, nonché spari da aerei.

“Abbiamo visto tutti fuggire di nuovo”, ha detto all’AFP. “Anche noi ora andremo ad Al-Mawasi perché temiamo per le nostre vite”, ha detto, riferendosi alla vicina area costiera che Israele ha dichiarato “zona umanitaria” sicura.

L’UNRWA ha dichiarato che un milione di civili è fuggito da Rafah da quando Israele ha lanciato l’assalto alla città all’inizio di maggio, nonostante un coro di avvertimenti internazionali.

“Questo è accaduto senza un posto sicuro dove andare e in mezzo a bombardamenti, mancanza di cibo e acqua, cumuli di rifiuti e condizioni di vita inadatte”, ha scritto l’agenzia ONU su X.

“Giorno dopo giorno, fornire assistenza e protezione diventa quasi impossibile”

– Stato palestinese –

A più di sette mesi dalla guerra di Gaza, la più sanguinosa di sempre, Israele ha affrontato un’opposizione internazionale sempre più forte, nonché cause presso due tribunali internazionali con sede nei Paesi Bassi.

Martedì, in una mossa politica storica, Irlanda, Norvegia e Spagna hanno formalmente riconosciuto lo Stato di Palestina, un passo finora compiuto da oltre 140 membri delle Nazioni Unite ma da pochi governi occidentali.

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha dichiarato alla televisione nazionale che “il riconoscimento dello Stato di Palestina non è solo una questione di giustizia storica… è anche un requisito essenziale se vogliamo raggiungere la pace”.

“È l’unico modo per procedere verso la soluzione che tutti riconosciamo come l’unica possibile per raggiungere un futuro di pace: quella di uno Stato palestinese che viva fianco a fianco con lo Stato di Israele in pace e sicurezza”

Israele ha definito la mossa annunciata come una “ricompensa” per il movimento islamista Hamas, che governa Gaza, e in precedenza ha richiamato i suoi inviati diplomatici da Madrid, Dublino e Oslo.

Martedì il ministro degli Esteri Israel Katz si è spinto oltre e ha attaccato Sanchez su X, dicendogli che “lei è un partner dell’incitamento al genocidio del popolo ebraico”.

Ha inoltre tracciato un parallelo tra il ministro spagnolo Yolanda Diaz, da un lato, e la guida suprema iraniana Ayatollah Ali Khamenei e il capo di Hamas a Gaza Yahya Sinwar, dall’altro, a seguito del suo appello per una Palestina libera “dal fiume al mare”.

Il ministro degli Esteri spagnolo Jose Manuel Albares ha dichiarato che i tre governi “daranno una risposta coordinata” alla rabbiosa reazione di Israele, che a suo dire sarà “calma ma ferma”.

– l’inferno sulla Terra

La guerra di Gaza è stata scatenata dall’attacco di Hamas del 7 ottobre contro il sud di Israele, che ha provocato la morte di oltre 1.170 persone, per lo più civili, secondo un conteggio dell’AFP basato su dati ufficiali israeliani.

I militanti hanno anche preso 252 ostaggi, 121 dei quali rimangono a Gaza, tra cui 37 morti secondo l’esercito.

L’offensiva di rappresaglia di Israele ha ucciso almeno 36.096 persone a Gaza, soprattutto civili, secondo il ministero della Sanità del territorio gestito da Hamas.

L’attacco di domenica sera, che ha ucciso decine di persone nel campo sfollati, aveva come obiettivo due alti membri di Hamas, ha dichiarato l’esercito israeliano.

L’esercito israeliano ha dichiarato che il suo aereo ha “colpito un complesso di Hamas” e ha ucciso Yassin Rabia e Khaled Nagar, alti funzionari del gruppo militante nella Cisgiordania occupata.

L’attacco è arrivato ore dopo che Hamas aveva lanciato una raffica di razzi contro l’area di Tel Aviv, la maggior parte dei quali sono stati intercettati.

Il bilancio dei civili a Gaza ha suscitato un’ondata di condanne, con i palestinesi e molti Paesi arabi che l’hanno definito un “massacro”.

Philippe Lazzarini, capo dell’UNRWA, ha dichiarato lunedì che “le immagini della scorsa notte testimoniano come Rafah si sia trasformata in un inferno sulla Terra”.

Il capo della politica estera dell’UE Joseph Borrell si è detto “inorridito” e il presidente francese Emmanuel Macron si è detto “indignato”.

Un portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha dichiarato che Israele “deve prendere tutte le precauzioni possibili per proteggere i civili”.