giovedì, Aprile 18, 2024
HomeWorldGli investigatori tornano in un villaggio francese per risolvere il mistero della...

Gli investigatori tornano in un villaggio francese per risolvere il mistero della scomparsa di un bambino

A closed access to the French southern Alps village of Le Haut-Vernet where 2 years old Emile went missing while staying with his grandparents.

Gli investigatori hanno isolato un piccolo villaggio delle Alpi francesi giovedì per risolvere il mistero di un bambino scomparso l’estate scorsa, che ha commosso la nazione.

Emile, due anni e mezzo, era ospite dei nonni per il primo giorno di vacanze estive quando è scomparso l’8 luglio dello scorso anno.

Due vicini lo hanno visto per l’ultima volta nel tardo pomeriggio mentre camminava da solo in una strada di Haut-Vernet, un piccolo insediamento di 25 abitanti a circa 1.200 metri di altitudine.

Il bambino, alto appena 90 cm, indossava una maglietta gialla, pantaloncini bianchi e minuscole scarpe da trekking.

Una massiccia ricerca sul campo che ha coinvolto decine di poliziotti e soldati, cani da fiuto, un elicottero e droni non è riuscita a trovarlo a luglio.

La ricerca è stata interrotta dopo alcuni giorni, dopo che un procuratore ha dichiarato che era improbabile che un bambino così piccolo potesse sopravvivere nel caldo estivo.

L’indagine iniziale su una persona scomparsa si è presto trasformata in un’indagine penale su un possibile rapimento. Ma le opzioni di un incidente o di una caduta rimangono aperte.

Gli investigatori francesi hanno convocato 17 persone, tra cui familiari, vicini e testimoni, per rievocare gli eventi del giorno della scomparsa.

Si concentreranno sugli ultimi minuti in cui Emile è stato visto dai vicini, cercando di districare i loro racconti contraddittori.

L’unica speranza della famiglia è che il bambino sia ancora vivo, anche se questa speranza si affievolisce di giorno in giorno”, ha dichiarato l’avvocato del nonno.

– diteci dove si trova

Per evitare interferenze esterne nelle indagini, mercoledì mattina la polizia ha isolato il villaggio dal mondo esterno. Lo resterà fino a venerdì mattina.

Anche i voli sopra il villaggio sono vietati.

Mercoledì mattina presto, circa 15 giornalisti si sono accalcati sotto la pioggia fredda presso la barriera che impedisce l’accesso al villaggio, tenuti a bada da due auto della polizia.

Una ventina di investigatori guideranno la rievocazione degli eventi, mentre alcuni voleranno con i droni per filmare il tutto.

È emerso che il nonno del ragazzo è stato interrogato in un caso degli anni ’90 su presunte violenze e aggressioni sessuali in una scuola privata cattolica.

Ma una fonte vicina al caso ha detto che il suo possibile coinvolgimento nella scomparsa è sempre stato esaminato “allo stesso livello” di altre ipotesi.

Emile era appena arrivato nell’Haut-Vernet per stare con i genitori della madre nella loro casa di vacanza per l’estate quando è scomparso.

I suoi genitori, cattolici devoti che vivono nella città meridionale di La Bouilladisse, non erano presenti quel giorno.

La madre è la maggiore di 10 figli.

Emile era il suo primo figlio e ha anche una figlia minore.

Gli inquirenti hanno ricevuto circa 900 telefonate da parte del pubblico, che sono state tutte archiviate come non correlate.

Hanno anche passato al setaccio infiniti dati di cellulari e registri di chiamate nella speranza di trovare un indizio.

Alla fine di novembre, un giorno prima che Emile compisse tre anni, i suoi genitori hanno pubblicato un appello per ottenere risposte su un settimanale cristiano.

“Diteci dove si trova”, hanno scritto.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Motociclista gravemente ferito in un incidente a Saqqajja

Un motociclista è rimasto gravemente ferito mercoledì in un incidente a Saqqajja. La polizia ha dichiarato che l'incidente, avvenuto alle 15.15 di mercoledì al largo...