giovedì, Aprile 18, 2024
HomeWorldDonald Trump incriminato nell'ambito di un'inchiesta su documenti riservati

Donald Trump incriminato nell’ambito di un’inchiesta su documenti riservati

Donald Trump ha dichiarato di essere stato incriminato per la gestione di documenti riservati dopo aver lasciato l’incarico, la più grave minaccia legale dell’ex presidente degli Stati Uniti, mentre una tempesta di indagini penali mette a rischio la sua candidatura per un secondo mandato alla Casa Bianca.

“La corrotta amministrazione Biden ha informato i miei avvocati che sono stato incriminato, apparentemente per la Boxes Hoax”, ha scritto Trump sulla sua piattaforma social Truth, dando la notizia bomba di un momento storico per gli Stati Uniti: la prima volta che un presidente in carica o un ex presidente ha dovuto affrontare accuse federali.

Il Dipartimento di Giustizia non ha confermato immediatamente l’affermazione di Trump.

L’avvocato di Trump, Jim Trusty, ha dichiarato alla CNN che il suo cliente è stato incriminato per sette capi d’accusa, tra cui la conservazione intenzionale di documenti in violazione della legge sullo spionaggio, il rilascio di false dichiarazioni, l’ostruzione della giustizia e un’accusa di cospirazione.

Anche se i dettagli precisi delle accuse non sono stati immediatamente chiariti, persone che hanno familiarità con la questione hanno detto al New York Times che l’accusa di cospirazione era legata all’ostruzione della giustizia.

Nel suo post, Trump, che si candida nuovamente alla presidenza, ha dichiarato di essere stato convocato presso un tribunale federale di Miami martedì prossimo, il giorno prima del suo 77° compleanno.

“Non avrei mai pensato che una cosa del genere potesse accadere a un ex presidente degli Stati Uniti”, ha scritto.

L’annuncio è arrivato un giorno dopo che i media statunitensi hanno dichiarato che i procuratori federali hanno informato gli avvocati dell’ex presidente di essere l’obiettivo dell’indagine sulla sua gestione di documenti riservati.

È già stato il primo ex presidente o presidente in carica a essere accusato di un crimine, nel suo caso per il pagamento del silenzio elettorale a una pornostar che diceva di aver avuto una relazione con lui. L’accusa è stata formulata dal procuratore distrettuale di Manhattan a marzo.

In una dichiarazione rilasciata dopo i suoi primi post online, la campagna di Trump si è scagliata contro quello che ha definito un “abuso di potere senza precedenti” e ha chiesto l’annullamento dell’accusa.

Donald Trump and wife Melania Trump departed from the White House on Trump's final day in office, in Washington, DC. Photo: AFP" src="https://cdn-attachments.timesofmalta.com/e9b39317bf961ba107dc55f496b8602b02744e78-1686286462-f52cc085-1920x1280.jpg" alt="A January 20, 2021 photo shows aides carrying boxes to Marine One before US president Donald Trump and wife Melania Trump departed from the White House on Trump's final day in office, in Washington, DC. Photo: AFP" width="630" height="405" /> Una foto del 20 gennaio 2021 mostra gli aiutanti che trasportano gli scatoloni al Marine One prima che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la moglie Melania Trump partano dalla Casa Bianca nell’ultimo giorno di mandato di Trump, a Washington, DC.

“Giornata buia”

In un video di sfida pubblicato dopo aver condiviso la notizia, Trump ha ripetutamente dichiarato la sua innocenza e ha inquadrato l’incriminazione come una forma di interferenza elettorale da parte di un Dipartimento di Giustizia “armato” dall’amministrazione di Joe Biden.

“Mi danno la caccia perché ora siamo di nuovo in testa nei sondaggi contro Biden”, dice Trump nella clip. “Il nostro Paese sta andando all’inferno e loro se la prendono con Donald Trump…. Non possiamo permettere che questo continui”

I suoi alleati al Congresso si sono subito schierati al suo fianco, come il presidente della Commissione giudiziaria della Camera Jim Jordan.

Anche i vertici repubblicani, tra cui il presidente della Camera dei Rappresentanti Kevin McCarthy, che ha avuto un rapporto burrascoso con l’ex presidente, si sono affrettati a difendere Trump.

Oggi è davvero un giorno buio per gli Stati Uniti d’America. È inconcepibile che un Presidente metta sotto accusa il principale candidato che gli si oppone”, ha dichiarato il presidente della Camera Kevin McCarthy in un comunicato.

“Io e tutti gli americani che credono nello Stato di diritto siamo al fianco del Presidente Trump

Il consulente speciale Jack Smith, nominato dal procuratore generale degli Stati Uniti Merrick Garland, sta indagando su una serie di documenti riservati che Trump aveva conservato nella sua residenza di Mar-a-Lago in Florida dopo aver lasciato la Casa Bianca.

L’FBI ha portato via circa 11.000 documenti dopo aver notificato un mandato di perquisizione a Mar-a-Lago nel mese di agosto, e le accuse di ostruzione alla giustizia potrebbero essere il risultato della sua resistenza agli sforzi per recuperare il tesoro.

Alla fine Trump ha consegnato 15 scatole contenenti quasi 200 documenti classificati agli Archivi Nazionali nel gennaio 2022, ma è stato citato in giudizio per tutti i documenti ancora in suo possesso.

Quando gli è stato chiesto delle accuse ieri sera, il portavoce di Smith, Peter Carr, ha dichiarato all’AFP: “Ci rifiutiamo di commentare”

I crescenti problemi legali

Alcuni legislatori democratici si sono espressi dopo la straordinaria rivelazione di ieri.

L’incriminazione di Trump “è un’altra affermazione dello stato di diritto“, ha detto il democratico Adam Schiff.

“Per quattro anni si è comportato come se fosse al di sopra della legge”, ha aggiunto Schiff. “Ma dovrebbe essere trattato come qualsiasi altro trasgressore della legge. E oggi lo è stato”

Trump ha ripetutamente negato di aver commesso illeciti nel caso dei documenti, affermando in un evento di Fox News del 1° giugno che “tutto ciò che ho fatto era giusto”

Ma ha riconosciuto apertamente di aver preso e conservato i documenti, minando l’ipotesi dei suoi avvocati che abbia preso la scorta inavvertitamente nella confusione di una partenza caotica.

Queste prove si aggiungono alla montagna di materiale già esistente, e nessun pezzo è il “tutto e la fine di tutto”, ma quando li metti insieme, il caso è così forte”, ha detto l’ex procuratore del Watergate Jill Wine-Banks alla MSNBC.

“Non si può immaginare che la faccia franca”

L’ultima incriminazione arriva mentre Trump sta affrontando numerose altre indagini mentre si candida come sfidante repubblicano contro il presidente Joe Biden alla presidenza nel 2024.

Smith sta anche valutando se Trump debba essere incriminato e i procuratori della Georgia stanno indagando se Trump abbia tentato illegalmente di ribaltare l’esito delle elezioni presidenziali del 2020.

L’ex presidente è già stato accusato di decine di crimini finanziari nell’ambito di un presunto piano di pagamento per mettere a tacere una pornostar che sosteneva di aver avuto rapporti sessuali con lui e sarà processato il prossimo marzo, nel bel mezzo della stagione delle elezioni primarie.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE