venerdì, Giugno 14, 2024
HomeWorldBlinken in Israele per promuovere il piano di cessate il fuoco a...

Blinken in Israele per promuovere il piano di cessate il fuoco a Gaza

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken incontra il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu a Gerusalemme. Foto: AFP

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken terrà dei colloqui con figure chiave dell’opposizione israeliana martedì, un giorno dopo essere arrivato nel Paese per promuovere un piano di cessate il fuoco per la guerra a Gaza.

La sua visita fa parte di un’iniziativa degli Stati Uniti per garantire un cessate il fuoco nella guerra di otto mesi tra Israele e il gruppo militante palestinese Hamas.

Lunedì, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione redatta dagli Stati Uniti a sostegno di un piano di cessate il fuoco di sei settimane, in base al quale Israele si ritirerebbe dai centri abitati di Gaza e Hamas libererebbe gli ostaggi presi durante gli attacchi del 7 ottobre che hanno scatenato la guerra.

Martedì Blinken incontrerà a Tel Aviv Benny Gantz, centrista ed ex capo dell’esercito che domenica ha lasciato il governo del primo ministro Benjamin Netanyahu, e il leader dell’opposizione Yair Lapid.

Gli Stati Uniti, un fedele alleato di Israele, sono stati ampiamente criticati per aver bloccato diverse precedenti bozze di risoluzione delle Nazioni Unite che chiedevano un cessate il fuoco.

L’ambasciatore statunitense Linda Thomas-Greenfield ha dichiarato che il Consiglio di Sicurezza ha “votato per la pace”.

“Questo Consiglio ha inviato un chiaro messaggio ad Hamas: accettate l’accordo di cessate il fuoco sul tavolo. Israele ha già accettato questo accordo e i combattimenti potrebbero cessare oggi se Hamas facesse lo stesso”, ha dichiarato dopo la sessione delle Nazioni Unite.

Hamas ha detto lunedì che “accoglie con favore” il voto e ha ribadito la sua volontà di cooperare con i mediatori.

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha descritto il voto delle Nazioni Unite come un “passo nella giusta direzione”.

Gli Stati Uniti hanno espresso la speranza che l’Autorità palestinese di Abbas, che ha sede in Cisgiordania e non ha autorità su Gaza, possa svolgere un ruolo nella gestione del territorio in futuro.

La strada verso la calma?

Dopo una tappa in Egitto, dove ha invitato i governi regionali a “fare pressione su Hamas affinché dica sì” alla proposta di cessate il fuoco, lunedì Blinken ha incontrato Netanyahu a Gerusalemme.

Al suo ottavo tour nella regione dall’inizio della guerra, Blinken dovrebbe fare tappa anche in Giordania e Qatar.

Il piano di tregua era stato inizialmente annunciato il 31 maggio dal Presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

A Gerusalemme, Blinken ha detto a Netanyahu che “sbloccherà la possibilità di una calma lungo il confine settentrionale di Israele e di un’ulteriore integrazione con i Paesi della regione”, secondo il Dipartimento di Stato.

Le forze israeliane e i combattenti Hezbollah sostenuti dall’Iran in Libano si sono scambiati regolarmente fuoco transfrontaliero durante la guerra di Gaza.

Nella Striscia di Gaza, le forze israeliane hanno effettuato nuovi attacchi all’inizio di martedì, con fonti ospedaliere che hanno riferito di diversi palestinesi uccisi nel centro del territorio.

In precedenza, testimoni nel nord e nel centro di Gaza hanno riferito di spari di elicotteri e di bombardamenti navali che hanno colpito Gaza City, e di attacchi aerei su Deir al-Balah.

Nelle aree meridionali di Rafah e Khan Yunis sono infuriati gli scontri di strada, dove sono stati visti corpi giacere nelle strade e civili palestinesi in fuga, ha riferito un corrispondente dell’AFP.

A Jabaliya, nel nord di Gaza, Soad Al-Qanou ha detto che il suo piccolo Amjad soffre di malnutrizione.

“Questa guerra ha distrutto le nostre vite e le ha stravolte”, ha detto all’AFP.

“Non c’è cibo, non c’è da bere, c’è assedio e distruzione ovunque”

una vera vittoria

Netanyahu ha subito un duro colpo politico quando Gantz e un secondo membro del suo gabinetto di guerra si sono dimessi domenica.

Gantz ha criticato Netanyahu per non aver delineato un piano di governance post-bellica per Gaza e ha detto che il primo ministro “ci sta impedendo” una “vera vittoria”.

Martedì, il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha criticato una legge controversa approvata dal Parlamento e sostenuta da Netanyahu per consentire la coscrizione militare degli ebrei ultraortodossi.

Netanyahu ha mantenuto l’obiettivo di distruggere Hamas, al potere nella Striscia di Gaza dal 2007 e considerata un’organizzazione terroristica da Israele, Stati Uniti e Unione Europea.

L’attacco di Hamas di ottobre ha causato la morte di 1.194 persone, per lo più civili, secondo un conteggio dell’AFP basato su dati ufficiali israeliani.

I militanti hanno anche sequestrato 251 ostaggi, più di 100 dei quali sono stati rilasciati durante la tregua di novembre.

In risposta, l’esercito israeliano ha lanciato un’offensiva sulla Striscia di Gaza, che ha causato almeno 37.124 morti, la maggior parte dei quali civili, secondo i dati del ministero della Sanità del governo di Gaza guidato da Hamas.

Dopo un’operazione di salvataggio sabato, 116 ostaggi rimangono a Gaza, anche se l’esercito dice che 41 di loro sono morti, secondo l’esercito israeliano.

Mentre gli israeliani hanno festeggiato il ritorno dei quattro prigionieri in buona salute fisica, i palestinesi hanno condannato il bilancio dell’operazione di salvataggio, secondo cui i funzionari sanitari del territorio governato da Hamas hanno ucciso 274 persone e ne hanno ferite quasi 700, molte delle quali donne e bambini.

Tra gli ostaggi dichiarati morti dall’esercito israeliano c’era Yoram Metzger, 80 anni. Sua moglie Tami Metzger incolpa il proprio governo per la sua morte.

“Se il governo avesse fermato la guerra” sarebbe ancora vivo, ha detto la Metzger, il cui marito è rimasto a Gaza dopo la sua liberazione a novembre.

Anche molti altri parenti di ostaggi hanno chiesto un cessate il fuoco.

Orit Meir, il cui figlio Almog Meir Jan è stato salvato, ha detto lunedì che gli ostaggi “hanno bisogno di un accordo per tornare a casa sani e salvi”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE