337 milioni di anni di vita persi a causa della pandemia

Quasi 337 milioni di anni di vita sono andati persi nei primi due anni della pandemia di COVID-19, con milioni di morti premature, ha dichiarato venerdì l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il rapporto annuale dell’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite sulle statistiche mondiali ha mostrato anche una crescente minaccia da parte delle malattie non trasmissibili (NCD), come le malattie cardiache, il cancro e il diabete.

Il dato più drammatico, basato su dati fino al 2022, è la stima del numero di anni di vita sottratti dalla COVID, ha dichiarato l’OMS.

La pandemia ha provocato una devastazione globale e ha ufficialmente ucciso quasi sette milioni di persone, ma si ritiene che la cifra reale sia più vicina ai 20 milioni.

Il rapporto dell’OMS mette a nudo come il virus stesso e l’impatto più ampio della crisi abbiano bruscamente stroncato la vita di milioni di persone.

Mentre l’OMS ha ufficialmente registrato 5,4 milioni di morti per la COVID nel 2020 e 2021, i suoi dati sulla mortalità in eccesso mostrano che circa 14,9 milioni di persone sono probabilmente morte a causa della crisi in quel periodo.

Ancora più sorprendente, forse, è che le statistiche mostrano che solo in quei due anni la COVID ha comportato la perdita a livello globale di 336,8 milioni di anni che altrimenti sarebbero stati vissuti.

“È come perdere 22 anni di vita per ogni decesso in eccesso”, ha dichiarato ai giornalisti Samira Asma, assistente capo dell’OMS per i dati e l’analisi, prima del lancio.

Fuori strada

Significative disuguaglianze sono alla base della distribuzione dei casi e dei decessi di COVID-19, così come dell’accesso alle vaccinazioniOMS

L’OMS ha avvertito che la pandemia ha contribuito a far perdere di vista molti indicatori sanitari che erano migliorati per anni.

Nei primi due decenni del secolo, il mondo ha visto miglioramenti significativi nella salute materna e infantile, con una riduzione dei decessi rispettivamente di un terzo e della metà.

Anche l’incidenza di malattie infettive come l’HIV, la tubercolosi e la malaria è diminuita in modo significativo, così come il rischio di morte prematura a causa delle MNT.

L’aspettativa di vita globale è passata da 67 anni nel 2000 a 73 nel 2019.

Ma dopo la pandemia, le disuguaglianze esistenti nell’accesso a un’assistenza sanitaria di alta qualità, alle vaccinazioni di routine e alla protezione finanziaria si sono accentuate, facendo tra l’altro precipitare nella direzione opposta le tendenze da tempo migliorate in materia di malaria e tubercolosi.

un messaggio crudele

E mentre il mondo gode ancora di progressi sanitari in generale, la quota di decessi causati ogni anno dalle MNT è cresciuta, ha dimostrato lo studio.

Nel 2000, circa il 61% dei decessi annuali a livello mondiale era legato alle MNT. Nel 2019, quasi il 74%.

“Se questa tendenza continua, si prevede che le MNT rappresenteranno circa l’86% dei 90 milioni di decessi annuali entro la metà del secolo”, ha dichiarato l’OMS in un comunicato.

“Il rapporto invia un messaggio chiaro sulla minaccia delle malattie non trasmissibili, che hanno un tributo immenso e crescente”, ha dichiarato il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

I risultati dimostrano la necessità di “un aumento sostanziale degli investimenti nella salute e nei sistemi sanitari per tornare in carreggiata verso gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

Secondo l’OMS, i decessi per le MNT sono in aumento nonostante la riduzione dell’esposizione a molti rischi per la salute, tra cui l’uso di tabacco, il consumo di alcol e l’utilizzo di acqua e servizi igienici non sicuri.

L’esposizione ad altri rischi, come l’inquinamento atmosferico, rimane tuttavia elevata.

Il rapporto avverte in particolare che la prevalenza dell’obesità sta crescendo senza alcun segno di inversione.