venerdì, Giugno 14, 2024
HomeSportCalcioJames Calvert: Un pensiero ai ragazzi ricchi...

James Calvert: Un pensiero ai ragazzi ricchi…

La nomina di Vincent Kompany a nuovo manager del Bayern Monaco potrebbe rivelarsi un colpo da maestro, ma al momento è ancora un momento da WTF. Foto: Michaela Stache/AFP

Il dibattito sul numero di partite che i calciatori sono costretti a giocare si sta scaldando, con la FIFA e i sindacati dei calciatori che si avviano a una vecchia resa dei conti.

Le voci secondo le quali le stelle del calcio di tutta Europa si apprestano a intraprendere una vera e propria azione sindacale aumentano di settimana in settimana.

Non ho intenzione di entrare nel merito dei pro, dei contro, dei meriti o meno di questo argomento, ma dirò questo: se i calciatori stanno cercando sostegno e simpatia, i loro rappresentanti dovrebbero scegliere le parole con più attenzione.

La scorsa settimana, l’amministratore delegato dell’Associazione Calciatori Professionisti, Maheta Molango, uno degli uomini chiave di questa battaglia, ha dichiarato quanto segue:

“Posso raccontare una situazione di neanche 10 giorni fa in cui sono andato in uno spogliatoio direttamente interessato e ho detto: ‘Sono felice di abbaiare un po’, ma alla fine dipende da voi. Fino a che punto volete arrivare?”.

“Alcuni di loro hanno detto: ‘Non ci sto, tanto vale scioperare’, altri hanno detto: ‘Che senso ha? Sì, sono milionario ma non ho nemmeno il tempo di spendere i soldi’”.

Wow! Non so voi, ma queste parole non mi fanno esattamente scoppiare a piangere per loro.

Se i calciatori vogliono la nostra compassione, dovrebbero dedicarsi ad argomenti più comprensibili, come gli infortuni, l’esaurimento nervoso e la salute

Sebbene possa essere vero che non hanno molto tempo per spendere le loro immense ricchezze, questo non è certo un incubo per persone che generalmente lasciano il lavoro quando la maggior parte di noi è appena agli inizi. In fin dei conti, la maggior parte di loro andrà in pensione tra i 30 e i 30 anni, con diversi milioni in banca, case completamente pagate e un parco auto che gli fa compagnia.

In questo modo avranno altri 30 o 40 anni per godersi i frutti del loro lavoro, assicurandosi, con una gestione finanziaria intelligente, che i loro figli e i figli dei loro figli siano sistemati per tutta la vita.

Pensano forse che se offrissero a noi comuni mortali un’offerta simile – lavorare sodo per 10, 15, forse 20 anni e poi godersi il resto della vita senza alcuna preoccupazione – non gli strapperemmo le mani di dosso?

Ho detto “lavorare sodo”, il che non è del tutto corretto, no? Non facciamo finta che fare il calciatore sia come fare il pompiere, il medico, l’infermiere, il soldato o qualsiasi altra centinaia di lavori molto duri e stressanti. Si tratta di correre, mangiare correttamente, tirare calci a un pallone, uscire con i compagni e viaggiare per il mondo con un lusso a cinque stelle.

Se i calciatori vogliono la nostra compassione, se vogliono che prendiamo sul serio le loro lamentele sul fatto che giocano troppe partite e se vogliono che i tifosi siano dalla loro parte, allora dovrebbero attenersi ad argomenti più relazionabili, come gli infortuni, il burnout e la salute.

Lamentarsi del fatto che giocando a calcio non si ha abbastanza tempo per andare all’autosalone della Bentley non porterà il tifoso medio dalla loro parte.

Il Kompany che tieni

Anche se ho avuto tutto il tempo di accettare il concetto, sto ancora lottando per elaborare la realtà che Vincent Kompany è il nuovo manager del Bayern Monaco.

Mi sono perso un promemoria o qualcosa del genere, perché ho sempre avuto l’impressione che per ottenere un incarico di tale portata si dovesse essere un vincitore comprovato con trofei e trionfi all’attivo.

Kompany avrà pure del potenziale e potrebbe rivelarsi un ottimo manager in futuro, ma il suo curriculum non suggerisce certo che sia in lizza per uno dei posti più importanti del calcio europeo.

È stato dirigente solo per pochi anni, i primi due dei quali li ha trascorsi all’Anderlecht senza ottenere risultati di rilievo. Poi è passato al Burnley, dove ha fatto seguire a una buona stagione, conclusa con la promozione in Premier League, una pessima stagione, conclusa con la retrocessione in Championship.

E non è che il Burnley sia stato sfortunato a retrocedere. Nonostante abbia speso ingenti somme di denaro per i giocatori, ha lottato a malapena. L’unico motivo per cui non sono finiti in fondo è stato lo Sheffield United, che è stato diabolico.

Non è un curriculum da allenatore che grida “Assumetemi! Assumetemi!”, soprattutto quando si parla di una delle squadre più vincenti e iconiche del continente.

Eppure siamo qui.

Come ho detto, questo potrebbe rivelarsi un colpo da maestro per il Bayern. Ma al momento è ancora un momento molto strano.

Povero vecchio City…

Il Manchester City ha fatto causa alla Premier League. Per discriminazione.

Prendiamoci tutti un momento per farcene una ragione, d’accordo?

Beh, vi dico una cosa. Se la Premier League sta discriminando il Manchester City in qualche bizzarro e contorto tentativo di rovinare le sue possibilità di successo, non sta andando molto bene.

Il club ha vinto quattro titoli di fila ed è stato la forza dominante del calcio inglese per quasi un decennio. Per quanto riguarda le vittime, non sono molto convincenti.

Ad ogni modo, il City, sostenuto da una squadra di avvocati che probabilmente riempirebbe l’intero stadio del Luton Town, sta contestando la regola secondo cui gli accordi di sponsorizzazione con “parti correlate” devono essere controllati da una commissione indipendente per garantire che siano al valore di mercato.

Questa regola esiste per impedire che i club mega ricchi – e non dimentichiamo che il City è di proprietà di uno dei Paesi più ricchi del mondo, gli Emirati Arabi Uniti – utilizzino le sponsorizzazioni gonfiate come un modo per pompare denaro eccessivo nel club.

Per esempio, invece di far pagare a un marchio non correlato X 10 milioni di euro all’anno per avere il suo nome sulle maglie, il City potrebbe convincere un marchio “amico” degli Emirati Arabi Uniti a dargli 100 milioni di euro all’anno per la stessa sponsorizzazione. In questo modo, il club riceve più denaro senza che questo provenga direttamente dai proprietari, il che è categoricamente contrario alle regole.

Non capisco come si possa dire che questa sia discriminazione. La regola esiste solo per impedire che il tessuto stesso del calcio crolli perché, senza di essa, alcuni club – in particolare quelli di proprietà di Paesi – sarebbero in grado di spendere senza limiti.

Ovviamente non è una coincidenza che questa causa contro la Premier League sia stata intentata da un club che sta affrontando 115 accuse di irregolarità nelle spese, con alcuni che suggeriscono che se il City vincesse questa causa, quei casi crollerebbero e la Premier League come competizione verrebbe distrutta.

La stessa Premier League, come istituzione, è nata dall’avidità e dal desiderio di attrarre e guadagnare denaro senza limiti. Non sarebbe ironico se quegli stessi soldi finissero per ucciderla come competizione…?

E-mail:

Twitter:

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE