venerdì, Marzo 1, 2024
HomeMaltaViolenza domestica: "innumerevoli" raccomandazioni e nessuna azione

Violenza domestica: “innumerevoli” raccomandazioni e nessuna azione

L’inchiesta nominata dal governo sul femminicidio di Bernice Cassar “non ci dice nulla di nuovo”, ma mette in evidenza l’urgente necessità di agire sulle raccomandazioni fatte ripetutamente nel corso degli anni.

Questo è il verdetto generale delle persone che lavorano nel campo della violenza domestica e la conclusione dello stesso giudice inquirente.

Sappiamo tutti quali sono i problemi, ma in pratica non si fa nulla”– Il giudice Geoffrey Valenzia

Il giudice in pensione Geoffrey Valenzia ha sottolineato la mancata attuazione delle “innumerevoli” raccomandazioni fatte nel corso degli anni.

Nel suo rapporto d’inchiesta ha scritto: “Ci sono innumerevoli ricerche, documentazioni e raccomandazioni sulla violenza domestica, tanto che alcuni hanno commentato che questa inchiesta non era necessaria… Sappiamo tutti quali sono i problemi (ritardi e mancanza di risorse)… ma in pratica non si fa nulla e le cose continuano ad andare avanti anche se si sa che il sistema non funziona… Ci sono molte proposte, ma l’attuazione è carente”.

Un recente rapporto che ha formulato diverse raccomandazioni per migliorare il modo in cui vengono gestiti i casi di violenza domestica proviene da uno studio da 20.000 euro commissionato dal governo e intitolato “Perpetratori di violenza domestica: Statistics and Perceptions of Risk Factors for Harmful Behaviour”.

Realizzato dalla Facoltà di Benessere Sociale dell’Università di Malta, è stato pubblicato poco dopo l’omicidio di Cassar, avvenuto nel novembre dello scorso anno, ma un anno dopo il suo completamento.

Lo scorso 22 novembre, la madre di due bambini Bernice Cassar è stata uccisa a colpi di pistola mentre si recava al lavoro.

Aveva presentato diverse denunce alla polizia contro l’ex marito Roderick. Giorni prima di essere uccisa, il suo avvocato, Marita Pace Dimech, aveva pregato la polizia di agire contro di lui per aver violato un ordine di protezione.

In seguito al suo omicidio, il governo ha nominato l’inchiesta Valenzia per verificare se le autorità fossero o avrebbero dovuto essere consapevoli che la vita di Cassar era in pericolo e se ci fossero state delle mancanze nell’applicazione della legge sulla violenza domestica.

Il governo ha pubblicato le conclusioni e le raccomandazioni dell’inchiesta, 10 pagine di un documento di 72 pagine.

In una nota del 17 gennaio 2023 Valenzia ha raccomandato solo la pubblicazione delle conclusioni e delle raccomandazioni, per assicurarsi che i procedimenti giudiziari in corso non siano compromessi.

Valenzia conclude che non si può dire che quanto accaduto sia colpa di una persona in particolare, ma che l’intero sistema della violenza domestica non ha funzionato come avrebbe dovuto, non proteggendo una persona che ha chiesto ripetutamente protezione.

Ciò è dovuto alla mancanza di risorse e all’aumento del carico di lavoro della polizia e dei tribunali.

vogliamo un’azione

Andrew Azzopardi, preside della Facoltà di benessere sociale, si è detto lieto di vedere che l’indagine non solo ha individuato le carenze, ma ha chiesto che vengano intraprese azioni tangibili.

“Credo che, tra le righe, l’indagine faccia appello a un migliore uso delle risorse e a un migliore coordinamento. Il risultato dell’indagine per molti versi (e questo è spaventoso) non ci dice nulla di nuovo rispetto a ciò che abbiamo detto negli ultimi anni…

“Abbiamo bisogno di grandi cambiamenti istituzionali, di dedicare risorse… abbiamo bisogno di un cambiamento di mentalità, soprattutto per quanto riguarda il patriarcato e il misoginismo in cui le nostre comunità sono ancora così immerse, di una buona leadership dedicata nel settore sociale, di più dati empirici e di un forte impegno per la causa”.

Sabine Cabourdin Agius, fondatrice e presidente della Fondazione Fidem, che garantisce l’accesso all’istruzione e l’orientamento al benessere a donne, adolescenti e bambini vulnerabili, ha affermato che “se non abbiamo azioni concrete e un piano d’azione, queste indagini non servono a nulla”.

Oltre alla necessità di investire nei dipartimenti che si occupano delle vittime di violenza domestica, come la polizia e i tribunali, l’autrice ha chiesto una revisione del sistema educativo che alimenta una società patriarcale.

Ha aggiunto che è necessaria una campagna di sensibilizzazione per far luce sulla realtà della violenza domestica, i cui dati mostrano che una donna su quattro a Malta ne è vittima.

Lara Dimitrijevic, direttrice della Women’s Rights Foundation, ha affermato che è giunto il momento di agire, aggiungendo che “non c’è la volontà di lavorare concretamente sull’attuazione”.

Conclusioni dell’inchiesta

– Aumentare le risorse dell’unità di polizia che si occupa di violenza domestica e dei tribunali e la carenza di assistenti sociali.

– Nominare un secondo magistrato che si occupi dei casi di violenza domestica. Dovrebbero essere tenute più sedute sulla violenza domestica e i casi dovrebbero essere filtrati in modo che i più urgenti siano ascoltati prima.

– Migliorare il coordinamento tra il Tribunale per la famiglia e la Magistratura per evitare che, come è successo nel caso Cassar, la Magistratura emetta un ordine di protezione mentre il Tribunale per la famiglia concede tre visite settimanali (dei figli) all’autore della violenza.

– Aggiornare la definizione di violenza domestica nella legge, poiché è troppo ampia e comporta un aumento della casistica. Attualmente la violenza commessa da chiunque viva nella stessa casa, compresi i coinquilini, è considerata violenza domestica.

– Introdurre un sistema di triage per filtrare le denunce di violenza domestica presentate alla polizia. Tutti i casi di violenza domestica segnalati alle stazioni di polizia vengono inviati alla sede della polizia di Floriana. Un sistema di triage garantirebbe che i casi urgenti vengano trattati prima in sede.

– Creare hub, da tempo promessi, nel nord e nel sud dell’isola, con squadre specializzate in violenza domestica. Ciò richiede risorse. La sede centrale non è il luogo ideale per trattare questi casi.

– Rivedere o sostituire lo strumento di valutazione del rischio DASH (Domestic Abuse, Stalking and Honour Risk Identification), poiché spesso la valutazione viene effettuata a vuoto. (Bernice Cassar si era classificata a medio rischio). Chi esegue la valutazione dovrebbe essere meglio addestrato.

– Emettere ordini di protezione non solo su richiesta della vittima, come spesso accade, e agire immediatamente se l’autore del reato è inadempiente. Per tenere traccia degli ordini di protezione si sta valutando la possibilità di utilizzare un sistema di etichettatura elettronica.

– Rendere obbligatoria la formazione della polizia sulla violenza domestica. Al momento è facoltativa.

– Impartire ordini di trattamento agli autori di violenza e monitorare i loro progressi.

– Educare il pubblico per sradicare le credenze culturali misogine.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Hamilton ammette che “è uno shock” quando la Mercedes è in testa alle prove in Bahrain

Lewis Hamilton in testa alla classifica dei tempi nelle seconde prove del Gran Premio del Bahrain. Foto: AFP Lewis Hamilton ha avvertito il suo team...