martedì, Maggio 28, 2024
HomeMaltaVerifica dei fatti: Malta avrebbe dovuto vendere gli ospedali in caso di...

Verifica dei fatti: Malta avrebbe dovuto vendere gli ospedali in caso di fallimento di Steward?

Il colosso sanitario statunitense ha dichiarato bancarotta la scorsa settimana. Foto del file: Matthew Mirabelli


Affermazione: il fallimento di Steward significa che i tre ospedali sarebbero stati messi in vendita se l’accordo con Vitals non fosse stato annullato.

Verdetto: il contratto dell’accordo prevede che, in caso di insolvenza di Steward, il governo interverrebbe e risolverebbe l’accordo, riprendendo il controllo di tutti e tre gli ospedali.


La recente notizia che Steward, il conglomerato sanitario statunitense a cui era stata data in concessione la gestione di tre ospedali pubblici maltesi, si √® rifugiato negli Stati Uniti ha portato a nuove speculazioni su cosa sarebbe successo agli ospedali se l’accordo fosse stato ancora in vigore.

L’accordo “fraudolento” √® stato giudicato dai tribunali con una decisione storica all’inizio del 2023, con il governo che ha immediatamente ripreso il controllo degli ospedali. La decisione iniziale del tribunale √® stata impugnata pi√Ļ tardi nello stesso anno, con i tribunali che hanno riscontrato una “collusione” tra i funzionari governativi.

La situazione ha preso una nuova piega nelle ultime settimane, con un’inchiesta giudiziaria sull’accordo che ha portato a incriminare decine di persone, tra cui figure governative di spicco, legate all’accordo.

Pochi giorni dopo, Steward ha annunciato di essere entrata negli Stati Uniti, dopo aver accumulato circa 9 miliardi di dollari di debiti. L’azienda ha poi rivelato di aver messo in vendita tutti i suoi 31 ospedali negli Stati Uniti, nel tentativo di coprire parte dei debiti.

Steward's short-lived spell in charge of Malta's hospital came to an abrupt end in 2023. File photo: Matthew MirabelliIl breve periodo di Steward alla guida dell’ospedale di Malta si √® concluso bruscamente nel 2023. Foto del file: Matthew Mirabelli

Questa notizia ha portato molti a speculare su uno scenario teorico in cui i tre ospedali fossero ancora nelle mani di Steward.

Alcuni hanno sostenuto che se non si fosse svolta la causa giudiziaria per l’annullamento dell’accordo, avviata dall’allora leader del PN Adrian Delia, i tre ospedali sarebbero attualmente in vendita, insieme agli altri 31 ospedali di Steward.

Altri ancora hanno suggerito che gli ospedali sarebbero stati sequestrati e consegnati a un amministratore, e potenzialmente utilizzati per pagare i creditori dell’azienda.

Some Facebook posts speculated that the hospitals could have been put up for sale.

Alcuni post su Facebook hanno ipotizzato che gli ospedali sarebbero stati messi in vendita.

Several others wondered if they would have been in the hands of an administrator.

Altri si sono chiesti se sarebbero stati nelle mani di un amministratore.

Cosa dice l’accordo di concessione?

Innanzitutto, l’accordo chiarisce che si tratta di una concessione a tempo, non di un trasferimento permanente di propriet√†.

Il contratto dice che una volta terminato il periodo di concessione di 30 anni, il governo “manterr√† l’opzione di richiedere la reversibilit√† del titolo” dei tre ospedali.

In breve, il governo stava trasferendo i tre ospedali e la loro gestione a Vitals (e, successivamente, a Steward) per 30 anni. Ma alla fine gli ospedali sarebbero tornati al governo dopo la scadenza della concessione.

L’accordo di concessione parla anche di cosa dovrebbe accadere se Steward dovesse diventare insolvente, proprio lo scenario che si √® verificato la scorsa settimana. L’insolvenza √® specificamente elencata nell’accordo come uno dei vari esempi di inadempienza.

Alcune inadempienze possono essere sanate, ma l’insolvenza non √® una di queste

A questo proposito, l’accordo distingue tra un “inadempimento rettificabile” e un “inadempimento non rettificabile”.

Il primo comprende il mancato rispetto da parte di Steward delle tappe previste dall’accordo, compresa la realizzazione degli investimenti promessi. Un inadempimento rettificabile significa che il governo pu√≤ intervenire per trovare una soluzione adeguata, ma non per riprendere il controllo degli ospedali.

Many of the long-promised investments into the three hospitals never materialised. File photoMolti degli investimenti promessi da tempo per i tre ospedali non si sono mai concretizzati. Foto d’archivio

Ma l’insolvenza √® un’altra questione.

L’insolvenza √® elencata come uno dei diversi casi definiti nell’accordo come “inadempienza non correggibile”.

An excerpt from the contract defining a non-rectifiable default.Un estratto del contratto che definisce l’inadempienza non sanabile.

In questi casi, si legge nell’accordo, il governo “assumer√† il controllo dei siti, dei servizi in concessione e dei servizi sanitari”.

In questi casi, il contratto prevede che il governo “avr√† il diritto di risolvere gli Accordi di Transazione”, ponendo di fatto fine all’intero accordo.

The contract sets out the conditions for when the government can retake control of the hospitals.Il contratto stabilisce le condizioni per cui il governo può riprendere il controllo degli ospedali.

Come avverrebbe in pratica?

Il contratto e un rapporto del NAO del 2021 sul contratto illustrano in dettaglio come si svolgerebbe la vicenda.

Il governo dovrebbe emettere una notifica di risoluzione che stabilisca una data entro la quale l’accordo sar√† annullato e quindi richiedere la garanzia di performance “fino all’indebitamento finanziario del Concessionario nei confronti del Governo”.

Tuttavia, il governo dovrebbe essenzialmente assumersi i debiti di Steward sul progetto, il che significa che dovrebbe pagare il prestito BOV di 36 milioni di euro di Steward – cosa che sembra probabile in ogni caso.

Il revisore generale ha definito questa scelta “onerosa per l’onere del rischio che il governo deve assumersi”, nonostante il governo abbia insistito sul fatto che si tratta di una pratica standard in questo tipo di progetti.

E la clausola segreta di uscita di 100 milioni di euro?

Ma questa √® diversa dalla famigerata clausola di 100 milioni di euro stipulata a porte chiuse dall’allora ministro Konrad Mizzi.

Then-Minister Konrad Mizzi negotiated a €100m exit clause. File photo: Matthew MirabelliL’allora ministro Konrad Mizzi negozi√≤ una clausola di uscita di 100 milioni di euro. Foto d’archivio: Matteo Mirabelli

Questa clausola proteggeva Steward e BOV in caso di inadempienza contrattuale da parte del governo, il che significava che il governo avrebbe dovuto pagare 100 milioni di euro se avesse voluto abbandonare l’accordo per qualsiasi motivo, anche perch√© Steward non aveva raggiunto i suoi obiettivi.

Questa clausola si sarebbe potuta applicare anche nel caso in cui l’accordo fosse stato bocciato dai tribunali, come sarebbe poi accaduto. La procedura di arbitrato sulla questione √® in corso presso la Camera di Commercio Internazionale.

Ma questa clausola di 100 milioni di euro probabilmente non entrer√† in gioco quando l’inadempienza sar√† causata da Steward, anzich√© dal governo, come accadrebbe in caso di fallimento di Steward.

Il verdetto

Il contratto dell’accordo descrive chiaramente l’insolvenza di Steward come un “inadempimento non sanabile”, il che significa che il governo sarebbe in grado di intervenire e di annullare immediatamente l’accordo inviando una notifica di risoluzione.

In questo scenario, il governo avrebbe ripreso il controllo degli ospedali, rispecchiando di fatto quanto accaduto quando l’accordo √® stato annullato dai tribunali di Malta all’inizio del 2023.

Tuttavia, il governo avrebbe dovuto assumersi i debiti di Steward sul progetto, dovendo probabilmente sborsare circa 36 milioni di euro per coprire, tra l’altro, un prestito BOV in sospeso.

Ma la clausola d’uscita di 100 milioni di euro, ideata dall’ex ministro Konrad Mizzi, non si applicherebbe in questo caso, poich√© l’inadempienza sarebbe stata provocata da Steward, non dal governo.

L’affermazione √® quindi falsa, poich√© le prove confutano chiaramente l’affermazione.

Il Times of Malta fa parte di The Times of Malta e di The Times of Malta, un osservatorio indipendente con sedi in tutti i 27 Stati membri dell’UE, finanziato dal programma Digital Europe dell’UE. Le verifiche dei fatti si basano sul nostro .

Fateci sapere cosa vorreste che verificassimo, capite il nostro sistema di valutazione o consultate le nostre risposte alle domande sul servizio.

MedDMOMedDMO

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non √® una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...