sabato, Marzo 2, 2024
HomeMaltaUomo ferito in un sospetto attacco di pitbull a Siġġiewi

Uomo ferito in un sospetto attacco di pitbull a Siġġiewi

I passanti hanno dovuto trattenere i cani che hanno attaccato Joe Azzopardi. Foto: Claudia Azzopardi/Facebook

La polizia sta cercando il proprietario di due cani di grossa taglia, ritenuti pitbull, dopo che un uomo è stato aggredito mentre portava a spasso il suo cane a Siġġiewi.

Joe Azzopardi stava portando a spasso il suo King Charles spaniel lungo Triq Mons Mikiel Azzopardi, la circonvallazione di Siġġiewi, quando sono stati attaccati da due cani sguinzagliati, secondo quanto dichiarato dalla moglie Claudia.

Pubblicando le foto dei due cani su Facebook, Azzopardi ha raccontato che gli animali si sono avventati sul marito, che ha dovuto essere aiutato da alcuni passanti per trattenerli.

“L’hanno spinto a terra e hanno cercato di uccidere il nostro cane di piccola taglia”, ha detto Azzopardi, “vorrei che tutti fossero consapevoli del fatto che questi cani sono autorizzati a vagare senza guinzaglio in questa zona”.

Un portavoce della polizia ha confermato l’attacco e ha detto che è avvenuto poco dopo le 8 di giovedì.

È in corso un’indagine e la polizia sta cercando il proprietario dei due cani.

Azzopardi è stato leggermente ferito e il suo cane ha ricevuto cure veterinarie, ha dichiarato il portavoce della polizia.

In un rapporto del 2021, il commissario per il benessere degli animali Alison Bezzina ha raccomandato che l’allevamento e l’importazione di pitbull e razze prepotenti siano “strettamente controllati, se non temporaneamente bloccati”.

La Bezzina ha affermato che questo dovrebbe essere applicato fino a quando gli allevatori non potranno essere adeguatamente valutati e autorizzati e “il Paese sarà in una posizione migliore per accogliere queste razze”.

  • L’anno scorso il Noah’s Ark Pet Sanctuary, l’ultimo ente di beneficenza che ha accettato di ospitare questa razza, ha annunciato di aver dovuto farlo a causa del crescente numero di cani abbandonati.

    Il santuario ha dichiarato che questi cani erano più difficili da ricollocare e che dovevano essere portati a spasso e alloggiati separatamente dagli altri cani.

    Bezzina ha anche avvertito in precedenza che se lo stress e la mancanza di risorse per i rifugi per animali dovessero continuare, Malta si sta dirigendo verso l’introduzione di.

    Nel 2020 i pitbull dell’allevatore Andre Galea sono stati uccisi dalla zia 95enne Inez.

    In un altro incidente, l’anno scorso, i suoi cani sono stati attaccati nella sua casa di Msida, con un filmato che lo mostrava mentre si rifugiava sopra un’auto in strada per sfuggire ai cani.

    RELATED ARTICLES

    ULTIME NOTIZIE