giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaUn impostore viene condannato a 16 mesi di carcere

Un impostore viene condannato a 16 mesi di carcere

Un giovane che è riuscito a ottenere una carta d’identità maltese spacciandosi per un’altra persona è stato condannato a 16 mesi di carcere dopo aver cercato di richiedere un passaporto sostenendo che quello in suo possesso era stato smarrito.

Abdulkani Mohamed, 20 anni, di nazionalità somala e residente a Sliema, è stato accompagnato in tribunale nel pomeriggio, un giorno dopo essersi presentato agli uffici di Identity Malta a Ħal Far presentando una carta d’identità che riportava i dati di una terza persona insieme alla propria foto.

Ulteriori controlli con le autorità di immigrazione hanno rivelato che il richiedente era un impostore.

In precedenza era riuscito a ottenere un’autentica carta d’identità maltese presentando una falsa dichiarazione.

Ma quando nella giornata di ieri ha tentato di ripetere il gesto per la seconda volta, il giovane è stato ripescato.

Le autorità si sono accorte che i dati del documento e la foto non corrispondevano.

Dopo aver consultato il suo avvocato di fiducia, l’imputato ha ammesso l’accusa di aver reso una falsa dichiarazione in un documento pubblico per ottenere un vantaggio personale e di aver fatto uso di tale documento.

Il giovane ha confermato la sua dichiarazione di colpevolezza dopo che il tribunale gli ha spiegato le conseguenze di tale ammissione e gli ha concesso del tempo per ripensarci.

Nel presentare le argomentazioni sulla pena, l’ispettore dell’accusa Jonathan Cassar ha osservato che, prima della sua ammissione, l’imputato non aveva collaborato con la polizia, ma continuava a insistere di essere l’altra persona che stava impersonando.

I reati erano molto gravi e avrebbero potuto portare a conseguenze ancora più gravi se le azioni dell’imputato non fossero state bloccate, ha sostenuto il procuratore suggerendo una pena detentiva minima effettiva come punizione adeguata.

La difesa ha ribattuto che i documenti non erano stati ottenuti tramite furto, ma erano stati dati all’imputato da un amico.

Inoltre, una carta d’identità valida era stata rilasciata da funzionari maltesi che non si erano preoccupati di controllare che il richiedente non fosse la stessa persona di cui erano stati presentati i dati.

“Quindi non è stata completamente colpa sua”, ha sostenuto l’avvocato.

Dopo aver preso atto di queste argomentazioni e delle circostanze del caso, la corte, presieduta dal magistrato Elaine Mercieca, ha condannato l’imputato a 16 mesi di carcere.

La corte ha anche ordinato la confisca del documento falso, osservando che i reati erano molto gravi e avrebbero potuto avere ripercussioni sulla sicurezza nazionale.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE