venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaRitiro dei progetti per l'impianto di asfaltatura e betonaggio di Mqabba

Ritiro dei progetti per l’impianto di asfaltatura e betonaggio di Mqabba

L’impianto doveva essere costruito in una cava dismessa proprio dietro il parco solare visibile in questa foto. Foto: Chris Sant Fournier

I piani per un controverso impianto di betonaggio e asfalto che doveva essere trasferito a Mqabba sono stati ritirati.

In una lettera inviata martedì all’Autorità di pianificazione, l’architetto del progetto Ivan Bondin ha dichiarato che i richiedenti, la BIP Ltd, “non sono più interessati a portare avanti questa richiesta” e ha chiesto di ritirarla.

Nella breve corrispondenza non sono stati forniti ulteriori dettagli.

I piani per spostare l’impianto da Ħal Far a una cava dismessa a Mqabba sono stati portati all’attenzione dell’opinione pubblica quando, l’anno scorso, un gruppo di residenti si è opposto ai progetti, definendoli “folli” e affermando che l’inquinamento generato avrebbe finito per rinchiudere le persone nelle loro case.

Il mese scorso, il Primo Ministro Robert Abela ha annunciato che non era giusto che l’industria dell’asfalto e del catrame “si avvicinasse ai residenti”.

Abela ha riconosciuto al Ministro dell’Economia Silvio Schembri e all’agenzia statale INDIS di aver “trovato una soluzione” che avrebbe portato all’abbandono dei piani, anche se durante il discorso non sono stati forniti dettagli su quale possa essere.

I piani della BIP Ltds avrebbero visto l’impianto di betonaggio spostarsi a soli 500 metri dalle case dei residenti, dicono gli abitanti del luogo. I piani sono stati raccomandati per l’approvazione dal funzionario della PA.

La società è di proprietà di Sandra Axiak e Francesca Penza, figlie dell’imprenditore Carmel Penza.

I consigli comunali di Qrendi, Mqabba, Safi, Rabat, Żurrieq, Kirkop e Siġġiewi si sono opposti ai piani, facendo eco alle preoccupazioni espresse dai residenti secondo cui l’impianto di asfaltatura potrebbe avere un impatto sulla loro salute a lungo termine.

I residenti che hanno parlato con Times of Malta del progetto hanno affermato che i piani e l’area sono già stati sfruttati dalle cave, con i residenti che subiscono il peso dell’inquinamento da polveri e delle discariche che vi hanno luogo.

Anche gli agricoltori che coltivano i campi e allevano il bestiame nelle aree circostanti hanno espresso preoccupazione per l’impatto che avrebbe avuto l’impianto, se fosse stato costruito lì.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE