domenica, Febbraio 25, 2024
HomeMaltaRisparmiata una condanna a 15 mesi di carcere per l'errata ubicazione del...

Risparmiata una condanna a 15 mesi di carcere per l’errata ubicazione del libretto di cauzione

La corte d’appello ha stabilito che la donna avrebbe avuto maggiori possibilità di affrontare i suoi problemi fuori dal carcere. Foto del file: Matthew Mirabelli

Una donna è stata risparmiata da 15 mesi di carcere e dalla detenzione a tempo indefinito per un caso separato dopo che un tribunale ha accertato che il registro delle cauzioni per cui era stata condannata per non aver firmato era presso una diversa stazione di polizia rispetto a quella menzionata nell’atto d’accusa.

Charlene Gatt, 37 anni di St Paul’s Bay, è stata condannata per non aver firmato il libretto della cauzione come parte delle sue condizioni di libertà provvisoria per un caso in cui era accusata di aver presumibilmente colpito la sua vicina di casa con una mazza da carne.

Il tribunale ha appreso che la donna ha improvvisamente smesso di firmare il libretto di cauzione tra l’ottobre 2021 e il febbraio 2022, quando è stata infine riarrestata e accusata di violazione della cauzione.

È stata incarcerata per nove mesi ed è stata applicata la sospensione condizionale della pena per sei mesi. Il tribunale aveva anche ordinato la sua detenzione fino alla decisione del caso e la revoca di una cauzione di 5.000 euro.

Presiedendo l’appello, il giudice Consuelo Scerri Herrera ha osservato che il primo tribunale non avrebbe mai potuto dichiararla colpevole di non aver firmato il libretto della cauzione presso la stazione di polizia di Żebbuġ, poiché il decreto di cauzione presentato in tribunale dall’accusa affermava che il libretto della cauzione si trovava presso la stazione di polizia di Paola.

Sulla base di questo solo dato, la corte ha stabilito che l’accusa non aveva provato il suo caso contro Gatt.

Inoltre, la corte ha osservato che dalle testimonianze di esperti che conoscevano la Gatt, tra cui un medico di famiglia che la conosceva da almeno 15 anni, la donna aveva problemi che sarebbero stati affrontati meglio fuori dal carcere. Era una madre single che lottava contro la tossicodipendenza, tra gli altri problemi.

Il giudice Scerri Herrera ha affermato che la Gatt starebbe meglio fuori dal carcere, dove può essere seguita da vicino da un agente di sorveglianza e da altri esperti che possono aiutarla a rimettere la sua vita sulla giusta strada.

Pertanto, l’ha scagionata dalle accuse e ha annullato la pena detentiva effettiva imposta dal primo tribunale.

Avvocati Franco Debono e Marion Camilleri.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...