sabato, Marzo 2, 2024
HomeMaltaPN dice che Malta ha bisogno di un secondo ospedale nazionale

PN dice che Malta ha bisogno di un secondo ospedale nazionale

Delia ha dichiarato di non avere problemi a considerare il St. Luke come sede del nuovo ospedale. Foto: Chris Sant Fournier

Malta ha “sicuramente” bisogno di un nuovo ospedale generale, ha dichiarato martedì il ministro ombra della Sanità Adrian Delia.

Il deputato del PN ha reagito ai commenti del Ministro della Salute Jo Etienne Abela, che la scorsa settimana ha affermato che Malta ha bisogno di tenere il passo con la crescita demografica del Paese.

Abela ha affermato che l’area di Guardamangia, che comprende gli ospedali St. Luke e Karin Grech, si trova in una posizione ideale per svolgere questa funzione come parte di un più ampio “villaggio sanitario”.

Martedì, Delia ha dichiarato: “Sono assolutamente d’accordo con lui (Abela) sulla necessità di un secondo ospedale”.

Ha detto che il PN non ha alcun problema a che il secondo ospedale sia ubicato a St. Luke o che il settore privato sia coinvolto nella sua gestione, come suggerito anche dal ministro.

La battaglia del PN, ha detto, è stata contro l’assegnazione del contratto per la gestione dell’ospedale fatiscente a Vitals Global Healthcare, non contro il restauro dell’ospedale e il suo utilizzo.

A causa di questa esperienza, il governo deve essere trasparente nelle modalità di un eventuale coinvolgimento del settore privato, ha osservato il deputato del PN.

“Dobbiamo sapere esattamente cosa succederà, in quanto tempo, chi sarà responsabile del progetto e che il progetto si realizzi davvero”, ha detto Delia.

Allo stato attuale, i piani del ministro sembrano vaghi, ha detto.

“Il ministro dovrebbe dire esattamente quali sono i suoi piani e noi, come opposizione, siamo disposti a sederci con lui, ascoltare, partecipare e condividere le nostre idee”, ha detto Delia.

Il ministro ombra ha fatto i suoi commenti durante una conferenza stampa tenuta insieme al portavoce del PN per la salute primaria Ian Vassallo. I due hanno parlato dello stato dell’assistenza sanitaria a Malta.

Hanno affermato che la mancanza di spazio, le lunghe liste d’attesa per le operazioni, l’indisponibilità dei farmaci prescritti nella formula governativa e la mancanza di risorse umane sono gravi problemi del sistema sanitario.

Delia ha affermato che il sistema sanitario è in crisi e che sono necessari maggiori investimenti nella sanità per far fronte alle esigenze attuali e future.

“Per coloro che aspettano un’operazione che non è avvenuta, il sistema è già rotto, e coloro che aspettano un intervento che non è mai avvenuto perché sono morti nell’attesa, hanno superato il punto di rottura”, ha detto.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE