domenica, Aprile 14, 2024
HomeMaltaperché le nostre strade sono così mortali? Attivisti in protesta davanti al...

perché le nostre strade sono così mortali? Attivisti in protesta davanti al Parlamento

Foto: Chris Sant Fournier

Sabato mattina un gruppo di attivisti ha inscenato una protesta di fronte al Parlamento per dimostrare che le politiche di trasporto inefficienti causano morti su strada evitabili.

gli attivisti “morti” sono stati visti distesi a terra in Piazza della Libertà, a La Valletta, tra biciclette rovesciate e cartelli con le scritte “people not petrol”, “fix our streets” e “safer roads now”.

In una dichiarazione, le ONG Moviment Graffitti, Rota e Friends of the Earth Malta hanno chiesto un “sistema di trasporto sicuro ed efficiente” e hanno invitato il Ministro dei Trasporti Aaron Farrugia a nazionalizzare tutti i servizi di trasporto pubblico a Malta.

“Il modello di trasporto promosso dalle autorità passate e attuali privilegia le auto private a scapito della garanzia di un accesso sicuro e affidabile alla mobilità per tutti, e nel peggiore dei casi si traduce in un numero inaccettabilmente elevato di incidenti stradali e di morti”, hanno dichiarato.

“Ha inoltre provocato costanti problemi di traffico e congestione, compromettendo gravemente la capacità delle persone di spostarsi da un luogo all’altro”

Una visione dei trasporti che si affida principalmente alle auto pubbliche amplia le disuguaglianze e non riesce a fornire una mobilità equa, hanno detto, ma tutto lascia pensare che le autorità continueranno a dare priorità alle infrastrutture per le auto.

“Queste infrastrutture perpetuano la mancanza di sicurezza e di efficienza percepita da molti che vorrebbero passare ad altre forme di trasporto”, hanno affermato.

I servizi di trasporto pubblico, hanno proseguito, sono essenziali e non dovrebbero essere gestiti da aziende a scopo di lucro “che corrono il rischio di compromettere la qualità per ottenere profitti con il denaro dei contribuenti”.

“Questo modello ha portato alla grande delusione del Gozo Fast Ferry negli ultimi mesi, con il governo che mira a impegnare altri milioni di fondi pubblici per soddisfare le imprese private”, hanno detto.

“L’incapacità delle autorità di riconoscere che gran parte della popolazione dipende dagli autobus e dai traghetti per gli spostamenti quotidiani – a causa dell’età, delle capacità, delle finanze o della scelta – è un grave disservizio”

Photo: Chris Sant FournierFoto: Chris Sant Fournier

I politici devono adottare misure coraggiose per sostituire la dipendenza dall’auto con metodi di viaggio più sostenibili e inclusivi e smettere di usare i lavori stradali come veicolo per “elargire favori ed enormi quantità di denaro pubblico ad appaltatori privati”.

“Insistiamo sul fatto che la nostra sicurezza e la qualità della vita valgono molto di più dell’obbligo percepito dai politici nei confronti di coloro che hanno finanziato le loro campagne, e ricordiamo loro che i loro veri elettori sono i cittadini”, hanno dichiarato.

“Se il Ministro dei Trasporti Aaron Farrugia vuole evitare altre morti sulle nostre strade ed essere ricordato come il Ministro dei Trasporti che ha risolto i problemi di congestione stradale, la strada da seguire è chiara. L’opinione pubblica ha aspettato abbastanza, ed è giunto il momento di passare ai fatti”

I gruppi chiedono al ministro di nazionalizzare il trasporto pubblico e di aumentare gli investimenti, di pubblicare gli standard per le infrastrutture pedonali e ciclabili, di pubblicare una politica nazionale sulla mobilità ciclistica giuridicamente vincolante, di aggiornare il Codice della Strada per includere una gerarchia di utenti della strada e di dare ai conducenti dei veicoli la responsabilità maggiore per ridurre il pericolo sulle strade, di introdurre leggi sulla responsabilità presunta e di dare priorità alla mobilità attiva nei centri abitati.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE