giovedì, Marzo 23, 2023
HomeMaltaMetsola traccia la sua visione politica per Malta: "Sono qui e sono...

Metsola traccia la sua visione politica per Malta: “Sono qui e sono qui per restare”

Metsola alla conferenza Mabel Strickland al Casino Maltese. Foto: Chris Sant Fournier

Sabato Roberta Metsola ha esposto la sua visione politica per Malta, sottolineando la necessità di eliminare il breve termine, la corruzione e lo sfruttamento, nonché la necessità di scelte difficili e di far sentire la voce dei cittadini.

Il presidente del Parlamento europeo ha criticato in particolare lo stato dell’ambiente e la mancanza di pianificazione edilizia a Malta, ma ha sottolineato le opportunità del Paese di sfruttare l’energia pulita.

Sabato mattina, al Casino Maltese di La Valletta, Metsola ha tenuto un discorso dal titolo “Malta in un panorama europeo in evoluzione”.

Nel suo discorso, la leader, spesso indicata come potenziale leader del PN, si è allontanata in modo inusuale dalla politica continentale e si è concentrata quasi esclusivamente sulla sua visione di Malta.

Ma quando le è stato chiesto come ha risposto al fatto che molti si aspettavano un suo ritorno alla politica interna per garantire un equilibrio democratico a Malta, ha risposto: “Sono qui, e sono qui per restare”.

“Vedo che non ci sono differenze tra i membri del Parlamento nazionale o del Parlamento europeo, siamo il risultato del nostro sistema elettorale. Sono orgoglioso di me e dei miei colleghi perché siamo scelti direttamente, selezionati per nome, e lavoriamo ogni giorno per rendere conto di quel voto. Non c’è alcun problema di ritorno”

Metsola ha affermato che l’equilibrio democratico può essere raggiunto solo quando le persone si esprimono e non hanno paura di far parte di una minoranza.

Durante il suo approfondito discorso, Metsola ha affermato che l’UE deve lavorare per garantire che mantenga le sue promesse di fare meglio e di salvaguardare lo stato di diritto e gli standard.

“La folla che abbiamo visto a La Valletta questa settimana ne è la prova. Persone che vogliono gli standard e la responsabilità che abbiamo promesso che l’Europa avrebbe garantito”, ha detto Metsola.

Metsola si riferiva al fatto che la folla si è radunata fuori dal Parlamento, mentre la Camera deliberava sulla mozione del PN per condannare l’accordo sugli ospedali.

Il mese scorso, un tribunale ha condannato l’accordo controverso che ha consegnato la gestione degli ospedali statali, il St Luke’s, il Karin Grech e il Gozo General Hospital, a un operatore privato, definendolo “fraudolento”.

“La corruzione è l’antitesi di ciò che dovrebbe essere la politica. Purtroppo è un crimine vecchio come il mondo, ma la vera misura della solidità dei nostri sistemi è il modo in cui rispondiamo quando accade”, ha detto.

“Aiutiamo la giustizia a fare il suo corso o facciamo di tutto per cercare di insabbiare il tutto?”.

Ha riflettuto sullo scandalo che ha colpito il Parlamento europeo a dicembre, quando la vicepresidente Eva Kaili è stata rimossa dal suo incarico dopo essere stata arrestata dalla polizia belga in relazione all’inchiesta sul Qatar.

Ha detto che lo scandalo ha colpito come un “pugno nello stomaco”, ma che per lei c’era solo una linea d’azione da seguire.

“Sapevamo di dover prendere provvedimenti immediati o di rischiare che la gente perdesse la fiducia nella politica, nell’Europa, nelle nostre istituzioni”, ha dichiarato.

“Abbiamo visto cosa succede quando chi è in posizione di potere cerca di nascondere il problema sotto il tappeto”

“La corruzione non può pagare. Questo è il messaggio che voglio che i cittadini sentano. Questo è il messaggio che voglio che gli investitori sentano”

Malta dovrebbe essere in cima al dibattito sull’ambiente

Nonostante il cattivo stato dell’ambiente, Metsola ha affermato che Malta è in grado di fare da apripista in Europa su questo tema.

“Dovremmo essere il manifesto di una nazione in grado di sfruttare il potenziale dei veicoli ecologici, ad esempio. Dovremmo avere pannelli solari su ogni tetto. Generare energia pulita e a basso costo – in tutti i sensi -, abbassare le bollette e pulire l’aria”

“Possiamo farlo”, aggiunge.

Rischiamo di uccidere la gallina dalle uova d’oro per una rapida iniezione di liquidità

Secondo l’autrice, Malta non potrà sfruttare appieno il potenziale dell’energia solare se la politica edilizia dell’isola rimarrà invariata. Se ogni edificio rimane all’ombra di blocchi più grandi, non potrà mai accedere alla luce solare.

“Il modo in cui costruiamo, il modo in cui sono state prese decisioni arbitrarie, la percepita mancanza di un processo adeguato, significano che rischiamo di uccidere la gallina dalle uova d’oro per una rapida iniezione di denaro”, ha detto.

la cultura maltese e il nostro patrimonio dovrebbero riflettersi meglio nel modo in cui costruiamo, nel luogo in cui costruiamo e in ciò che costruiamo…”. Possiamo trovare questo equilibrio”

Ha rivelato di aver incontrato la madre di Giovanni Paolo Sofia, ucciso nel crollo di un edificio a Corradino lo scorso dicembre.

“Mi ha chiesto perché riceve solo risposte vuote”, ha detto Metsola.

Isabelle Bonnici ha chiesto un’inchiesta pubblica sull’incidente. La settimana scorsa, l’opposizione ha presentato una mozione parlamentare per sollecitare il governo ad avviare un’inchiesta pubblica sul crollo.

“La stessa cosa è accaduta tre anni fa per Miriam Pace. Dov’è la responsabilità e la fiducia nelle istituzioni?”, ha chiesto Metsola, “Nessuna madre dovrebbe vivere con un governo che le dice che non aprirà un’inchiesta. Perché dovrebbe? Io non lo farei di certo, e nessuno si merita questo, né a Malta né altrove”.

Metsola ha anche parlato della possibilità di Gozo di diventare l’hub digitale d’Europa, e di come la risposta e la possibilità di questo risieda nella regolamentazione e nelle infrastrutture.

“Le nostre leggi, la protezione e il supporto che diamo alle start-up sono insufficienti. Ci sono così tante opportunità da cogliere… dobbiamo solo avere il coraggio di coglierle”

Migliorare le condizioni dei lavoratori migranti

Metsola ha anche fatto riferimento alle condizioni di lavoro dei lavoratori immigrati a Malta e alla necessità di una maggiore integrazione nella forza lavoro e nella comunità.

“Le condizioni dei lavoratori migranti a Malta devono essere migliorate. Alcune storie sono terribili”, ha detto.

“Una forza lavoro più integrata nelle nostre comunità è una situazione vantaggiosa per tutti noi”

Le realtà e lo sfruttamento che i lavoratori migranti devono affrontare sull’isola sono un problema crescente.

Solo il mese scorso, uno studio ha rivelato che i lavoratori migranti sono stati costretti a pagare, e l'”affitto” viene detratto dal loro salario. Un lavoratore edile, dopo essere caduto in una betoniera, è stato costretto a dormire per strada perché non riusciva a pagare l’affitto.

Metsola ha anche fatto riferimento alla necessità di migliorare la questione della migrazione in Europa. Ha detto che, sebbene non sia un problema che può essere affrontato da un solo Paese, questo non dovrebbe essere una scusa per “l’inazione”.

“Quando i bambini muoiono di sete nei nostri mari, la politica dovrebbe passare in secondo piano”, ha detto.

L’estate scorsa, una bambina di quattro anni, Loujin, sarebbe morta di sete e Malta è stata accusata per la vicenda

Più di 700 bambini sono morti dal 2014 e più di 17.000 persone hanno perso la vita nel cimitero del Mediterraneo, ha aggiunto Metsola.

Il Parlamento europeo ha detto di aver concordato una via da seguire in materia di migrazione, che sia equa e ferma ma anche umana. È una strada che protegge le frontiere e garantisce che i trafficanti non traggano vantaggio dalla disperazione umana.

Le donne rompono un tetto per trovarne un altro

Metsola ha anche parlato delle sfide senza fine che le ragazze e le donne devono affrontare, sia nel passato che nel presente.

Ha detto di avere un “grande debito di gratitudine” nei confronti delle donne maltesi che l’hanno preceduta, come Mabel Strickland, che hanno aperto la strada alla politica e si sono battute con passione per una stampa libera e indipendente.

Mabel Strickland, figlia di Lord Strickland, ex governatore e primo ministro di Malta, ha co-fondato il Times of Malta con il padre nel 1935 e ha ricoperto il ruolo di direttore del giornale mentre intraprendeva una carriera politica.

“(Strickland) Che è riuscita – e ha prosperato – in un mondo dominato dagli uomini. Che ha cambiato le cose in molti modi grandi e piccoli”.

Metsola ha anche ricordato la giornalista assassinata Daphne Caruana Galizia, che secondo lei “avrebbe dovuto essere qui oggi”.

Ha detto che nessuno avrebbe dovuto sopportare quello che è successo a Daphne e che la ricerca della giustizia deve unire il Paese, non dividerlo.

ci sono differenze abissali nel modo in cui uomini e donne vengono trattati nel giornalismo, nella politica, in ogni ambito che mi viene in mente”. Mabel Strickland le ha affrontate nel suo campo. Una generazione dopo, Daphne l’ha affrontato con un nuovo elemento digitale che si aggiunge alla pressione costante. Tutte le donne che conosco l’hanno affrontato nella loro carriera”.

Ha detto che i progressi sono stati “lenti e dolorosi” e che dopo aver infranto un soffitto, le donne ne incontrano un altro. Ha continuato dicendo che il cambiamento può avvenire quando la società capisce che deve liberarsi degli “approcci obsoleti, inefficaci e patriarcali” radicati al suo interno.

“Non possiamo avere paura del cambiamento. Voglio che l’Europa e Malta guidino questo processo di rinnovamento. La nostalgia non ha posto in politica. Dobbiamo essere orientati al futuro e dobbiamo avere la lungimiranza di capire che le sfide di domani possono essere affrontate adeguatamente solo se prendiamo decisioni difficili oggi”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Inwettqu Flimkien: Più inventimenti per un trasporto più pulito, intelligente e sostenibile

Transport Malta ha lanciato altre otto sovvenzioni per incoraggiare un trasporto più pulito e sostenibile, nonché modalità di trasporto alternative. Oltre agli altri programmi...