giovedì, Novembre 30, 2023
HomeMaltaMalta ha bisogno di turisti che spendono tanto, insiste De Marco

Malta ha bisogno di turisti che spendono tanto, insiste De Marco

Alcune persone hanno interesse a far sì che gli alloggi turistici senza licenza non vengano fatti rispettare in modo adeguato dall’Autorità per il Turismo di Malta, teme il Ministro ombra per il Turismo Mario de Marco.

Parlando in Parlamento durante il dibattito sul bilancio di lunedì, de Marco ha anche sottolineato la necessità che Malta si concentri sempre di più sui turisti che spendono meglio, piuttosto che sui numeri.

Il deputato dell’opposizione ha sottolineato la mancanza di pianificazione da parte del Governo, che sta avendo un impatto sull’industria del turismo.

Esempi, ha detto, sono la rapida crescita della popolazione che ha portato a strade congestionate, una mancanza di pulizia e un deterioramento dei servizi.

Ha anche deplorato una maggiore dipendenza dagli stranieri nella fornitura di servizi ai turisti, spesso da parte di persone che non hanno una formazione adeguata. Ha chiesto quali sforzi si stiano facendo per attirare più maltesi a lavorare nei servizi turistici.

La mancanza di pianificazione da parte del Governo, ha detto, è stata anche esemplificata dal modo in cui La Valletta è stata trasformata in un’altra Paceville.

Focus sui numeri

È deplorevole, ha detto, che il governo si concentri sui numeri del turismo e non sull’attrazione di turisti di qualità superiore.

“I numeri sono importanti, ma lo è ancora di più la spesa dei turisti. Dobbiamo concentrarci sulla qualità e non solo sulla qualità”, ha insistito.

Per esempio, ha chiesto: quali sforzi sono stati fatti per attrarre turisti con una spesa elevata dal Nord America, come sta facendo con successo la Grecia?

È necessario anche un esercizio di capacità di carico, non solo per Malta nel suo complesso, ma anche per le spiagge.

“Dobbiamo chiederci: che tipo di turista visiterà Malta tra 10 anni?”, ha chiesto. E dato il cambiamento climatico e l’aumento delle temperature, quale pianificazione è stata fatta per il suo impatto, come ad esempio uno spostamento del turismo verso i mesi di spalla e l’inverno?

Il prodotto turistico di Malta, ha detto, appare stanco e deve essere ringiovanito. Cosa si sta facendo al riguardo?

Il Governo deve anche salvaguardare le attrazioni di Malta, come il patrimonio edilizio nei nuclei dei villaggi e l’ambiente in campagna. In questo contesto, il permesso per un condominio vicino ai Templi di Ġgantija, protetti dall’UNESCO, è stato vergognoso.

Equità e trasparenza nella spesa pubblica

De Marco ha criticato il modo in cui vengono spesi i fondi governativi, sottolineando la mancanza di trasparenza e il fatto che i fondi sembrano andare sempre alle stesse persone.

Mellieħa non è l’unica destinazione turistica e ci deve essere un’iniziativa, ha detto. Il Ministro del Turismo Clayton Bartolo proviene dalla città settentrionale.

Per quanto riguarda i piani di chiusura di Air Malta e la sua sostituzione con una nuova compagnia aerea, De Marco ha chiesto se gli stakeholder del turismo sono stati consultati e ha chiesto se la nuova compagnia aerea avrà le stesse priorità di Air Malta.

Il precedente governo nazionalista, ha detto, aveva aumentato la connettività aerea senza mandare in bancarotta Air Malta. Lo stesso non si può dire dell’attuale governo. L’attuale Governo era soddisfatto del fatto che, sotto la sua guida, Ryanair era diventata la compagnia aerea dominante e si faceva chiamare “Air Malta”?

De Marco ha criticato il governo per non essere riuscito a regolamentare in modo efficace gli alloggi turistici senza licenza rispetto agli alloggi collettivi e ha detto che sembra che ci siano persone che hanno interesse a garantire che l’unità di applicazione dell’MTA rimanga senza denti.

La situazione a Malta era tale che gli hotel a cinque stelle, nonostante avessero alcuni dei tassi di occupazione più alti del Paese, avevano anche tariffe medie giornaliere basse. Anche i rendimenti dei ristoranti erano così bassi da scoraggiare gli investimenti.

Il Ministro ombra per il Turismo ha anche chiesto cosa stia facendo il Governo per il calo del numero di studenti di lingue che visitano Malta.

Tra gli altri oratori c’erano i deputati del PN Robert Cutajar, Julie Zahra e Stanley Zammit. Il dibattito è ancora in corso.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Borg chiede di rivitalizzare l’OSCE, mentre Malta si prepara ad assumerne la presidenza

Il Ministro degli Esteri Ian Borg ha invitato giovedì gli Stati membri dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) a rivitalizzare...