Malta criticata per le vecchie leggi sulle locazioni

Le vecchie leggi sulle locazioni a Malta sono state criticate dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, che ha ordinato allo stato di compensare i proprietari con più di €350.000 in sei casi separati.

I casi, tutti risolti nella scorsa settimana, hanno stabilito una violazione del diritto fondamentale dei proprietari a godere delle loro proprietà senza ostacoli. La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha anche affermato che la Corte costituzionale maltese non ha offerto un sollievo sufficiente ai proprietari immobiliari.

I casi riguardavano proprietà in cui i proprietari erano stati costretti a instaurare un rapporto unilaterale di locazione per un periodo indeterminato senza riflettere un affitto equo ed adeguato, risultante dalle leggi sulle locazioni del 1979.

Malta è stata ripetutamente richiamata all’ordine per la violazione della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo attraverso le sue vecchie leggi sulle locazioni. Si è affermato che “un onere sproporzionato ed eccessivo” è stato imposto agli richiedenti e che lo stato maltese “non è riuscito a trovare il giusto equilibrio tra gli interessi generali della comunità e la protezione del diritto di proprietà degli richiedenti”.

I proprietari avrebbero dovuto ricevere oltre €1,1 milioni di affitti dal 1987, ma l’importo effettivamente ricevuto è stato di circa €2.450.

Nel caso intentato da Francesca Bonnici, Anthony e Joseph Vassallo su una proprietà ereditata a Gżira, il tribunale ha stabilito che, come stabilito dai tribunali locali, agli richiedenti è stato imposto un onere sproporzionato. Sono stati anche costretti a mantenere lo status di vittime perché il rimedio fornito dai tribunali maltesi “non ha offerto un sollievo sufficiente”. Di conseguenza, è stata assegnata una compensazione di €12.000 per danni pecuniari e ulteriori €5.000, più eventuali tasse che potrebbero essere addebitate su quella somma, per danni non pecuniari.

Nel caso intentato da Simone Galea e Dorothy Borg sulla proprietà in Nicolò Isouard Street, Sliema, la Corte Europea ha notato che i €20.000 di compensazione assegnati dalla corte maltese non erano adeguati considerando che i proprietari ricevevano poco più di €1.000 all’anno per una proprietà con un valore di affitto superiore a €14.000. Di conseguenza, ha aumentato il risarcimento assegnato a €81.000.

In un altro caso, la Corte Europea non solo ha riscontrato una violazione del diritto di proprietà dei locatori per il noleggio di una residenza in Dingli Street, Sliema, ma ha anche ritenuto che le Corti costituzionali maltesi fossero inefficaci nel affrontare il problema che essi hanno affrontato. Ha stabilito che i locatori, le famiglie Grima e Parnis England, avevano subito una violazione anche del loro diritto a un rimedio efficace, per cui è stata loro assegnata una compensazione di €35.000.

Un altro caso affrontato dalla Corte Europea riguardava il noleggio di una proprietà a Naxxar utilizzata come sede del Naxxar Lions Football Club. Dal 1945, la proprietà era stata affittata per soli €66, aumentati leggermente nel 2014 e nuovamente nel 2019, quando l’affitto annuale era di €108. Dal 2015, i proprietari avevano anche diritto al cinque per cento sui profitti realizzati dagli inquilini nell’attività economica svolta dal club, che in questo caso ammontava a circa €550 all’anno. La Corte Europea ha sentito un esperto nominato dal tribunale dichiarare che i proprietari avrebbero dovuto ricevere oltre €1,1 milioni di affitto dal 1987, ma l’importo effettivamente ricevuto era di circa €2.450.

I tribunali maltesi hanno assegnato ai locatori €256.000 in compensazione e gli richiedenti hanno intentato procedimenti di sfratto davanti al Rent Regulation Board, che ha ordinato lo sfratto degli inquilini nel giugno 2021. Gli inquilini inizialmente non hanno ottemperato all’ordine, ma un mandato esecutivo di sfratto è stato infine eseguito nel gennaio dello scorso anno e i richiedenti, Lillian Martinelli e altri, hanno riacquistato la proprietà. Sono stati assegnati ai locatori ulteriori €200.000 in compensazione.

In un altro caso intentato dalla famiglia Abela per violazioni dei loro diritti di proprietà su una residenza a Cospicua, il tribunale ha raddoppiato i €10.000 assegnati dai tribunali maltesi come compensazione dopo aver stabilito che non solo erano stati violati i diritti di proprietà, ma lo stato non aveva fornito ai locatori un rimedio efficace. È stato anche aggiunto €1.000 in danni non pecuniari.

L’ultimo caso è stato presentato da J&C Properties Limited per una proprietà a St Joseph High Street, Ħamrun. La Corte Europea ha aggiunto €7.000 ai €15.000 assegnati dai tribunali maltesi dopo aver riscontrato una violazione del diritto della società di godere della sua proprietà. Gli avvocati Michael Camilleri, Karl Micallef ed Edward Debono hanno rappresentato i richiedenti, mentre l’Avvocato dello Stato Chris Soler ha rappresentato lo stato.