L’uomo ha cercato di vendicarsi dopo una lite distruggendo la porta d’ingresso della ‘vittima’

Una lite in famiglia, martedì sera, ha scatenato la “vendetta” di una delle parti in causa che, più tardi, è stata trovata in possesso di due coltelli da cucina dopo aver presumibilmente sfondato la porta di casa di un altro uomo.

Manuel Barbara, 54enne residente a Paola, è stato intercettato dalla polizia nelle prime ore di mercoledì mattina mentre vagava lungo una strada della sua città, poco dopo essere stato avvisato della sua presenza da una terza persona.

Qualcuno aveva chiamato la stazione di polizia locale per segnalare la presenza di un uomo che aveva danneggiato la porta d’ingresso di un’abitazione per poi proseguire a piedi.

Arrivata in strada, la polizia ha confermato che una delle abitazioni aveva effettivamente la porta danneggiata.

Hanno bussato e sono stati accolti dall’occupante che ha detto agli agenti di non aver sentito nulla.

Più avanti nella strada, gli agenti hanno raggiunto il sospetto che, perquisito, è stato trovato in possesso di due coltelli da carne.

L’uomo portava segni visibili di ferite che ha scrollato, dicendo agli agenti di essersi ferito in una caduta.

È stato portato al centro sanitario per le cure mediche.

In seguito è emerso che l’uomo era stato coinvolto in un litigio la sera stessa mentre partecipava a un evento familiare a Birżebbuġa.

L’incidente era stato sedato e le persone coinvolte avevano preso strade diverse.

Ma più tardi, intorno alle 3 del mattino, l’accusato si sarebbe diretto verso una casa di Paola dove viveva una delle persone con cui aveva litigato.

Interrogato dalla polizia, avrebbe dichiarato di essere andato lì “per vendicarsi“, ha spiegato l’ispettore dell’accusa Paul Camilleri.

L’imputato è stato accusato di aver minacciato la vittima, di averla presa di mira con insulti e minacce che hanno superato i limiti della provocazione, di aver danneggiato intenzionalmente la sua porta d’ingresso e di aver portato con sé due coltelli senza un permesso di polizia.

Si è dichiarato non colpevole.

La richiesta di cauzione è stata respinta non solo perché la presunta vittima doveva ancora testimoniare, ma anche perché l’imputato aveva portato armi per strada e aveva espresso la sua intenzione di “vendicarsi“.

Inoltre, secondo l’accusa, i suoi precedenti penali non lo rendevano sufficientemente affidabile per essere lasciato libero di circolare. L’avvocato dell’uomo ha controbattuto che al momento dell’arresto l’imputato era ubriaco.

Inoltre, durante la festa era stato aggredito da diversi individui e aveva paura della presunta vittima.

Sebbene entrambi vivessero nella stessa località, le loro case erano piuttosto distanti, ai lati della città.

Dopo aver ascoltato le osservazioni, la corte, presieduta dal magistrato Kevan Azzopardi, ha respinto la richiesta in considerazione delle circostanze del caso, in particolare del fatto che l’imputato viveva nelle vicinanze della vittima che doveva ancora testimoniare.

I precedenti penali dell’uomo, inoltre, non hanno dato alla corte la certezza che avrebbe rispettato le condizioni se gli fosse stata concessa la libertà provvisoria.

Anche l’ispettore Antonello Magri ha esercitato l’azione penale.