sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaDivieto temporaneo di divulgare il nome di una madre accusata di furto...

Divieto temporaneo di divulgare il nome di una madre accusata di furto e frode

Una madre già accusata di frode è di nuovo indagata dopo aver presumibilmente rubato un libretto di assegni, usato per pagare il conto di una farmacia e comprare biglietti per il catamarano per 12 persone che si sono accorte solo in seguito di essere state truffate.

Alla quarantenne di Marsaxlokk è stata negata la libertà su cauzione al momento dell’accusa, oggi pomeriggio, ma è stato concesso un divieto temporaneo di rendere pubblico il suo nome richiesto dal suo avvocato per salvaguardare il figlio minorenne della donna, che dovrebbe partecipare a una cerimonia di fine scuola domani.

Il divieto, piuttosto insolito, è arrivato al termine di un’udienza durante la quale il tribunale ha sentito come la polizia abbia iniziato a indagare sul caso dopo che una donna si era presentata alla stazione di polizia di Żejtun per denunciare un sospetto illecito.

La donna aveva ricevuto una telefonata da una banca locale dopo che due assegni, apparentemente emessi con la sua firma, erano stati inviati al traente.

Uno era di 270 euro, a favore di una farmacia di Gudja, l’altro era di importo superiore a 2.000 euro, a favore di Virtu Ferries.

Gli assegni erano stati respinti perché la banca aveva notato una discrepanza nella firma del traente.

Pochi minuti dopo aver presentato la denuncia, la donna è tornata alla stazione di polizia, dicendo che l’imputata aveva ammesso di aver preso il libretto degli assegni dalla casa del proprietario e di aver compilato quegli assegni.

Ma la donna ha promesso di restituire il denaro e l’ha pregata di non aggravare la situazione.

La polizia ha poi controllato i filmati delle telecamere a circuito chiuso dell’ufficio prenotazioni della compagnia di navigazione e ha confermato che era stata proprio l’accusata a pagare i biglietti per 12 passeggeri.

Il denaro per quei biglietti le era stato consegnato da una terza persona che lo aveva raccolto dal gruppo e le aveva affidato le prenotazioni per il viaggio in Sicilia.

In seguito sono stati informati che la prenotazione era stata sospesa perché l’assegno era stato respinto, ha spiegato l’ispettore Jonathan Cassar.

L’indagata ha poi dichiarato di aver gettato via il libretto degli assegni.

Durante l’interrogatorio non ha risposto a nessuna domanda, tranne che per dire che “era disposta a rimborsare tutto”.

In effetti, il padre le aveva fornito il denaro per farlo, è intervenuto il suo avvocato, Noel Bianco.

Oggi si è dichiarata non colpevole di furto aggravato del libretto degli assegni, di tentato furto nel tentativo di acquistare i biglietti del traghetto e di frode.

È stata anche accusata di recidiva e di aver violato quattro decreti di libertà provvisoria.

Il suo avvocato ha spiegato che l’imputata era in cura per una condizione mentale che l’ha portata a mettersi nei guai con la legge.

La donna aveva una “doppia personalità” con periodi chiari e altri in cui ricadeva.

Questa volta, però, si era subito resa conto del suo errore e aveva cercato di fare ammenda, confessando tutto alla vittima e offrendosi di rimborsarla.

La donna ha sempre rispettato le condizioni della cauzione ed è stata lei stessa vittima di usura, ha sostenuto Bianco nel presentare le sue osservazioni sulla cauzione.

L’accusa si è opposta alla libertà su cauzione non solo per la gravità dei reati, ma anche per il carattere dell’imputata e la sua mancanza di affidabilità.

C’erano 13 testimoni civili, ovvero la persona derubata e le 12 che sono state truffate, ha sostenuto Cassar.

Dopo aver ascoltato le osservazioni, il magistrato Kevan Azzopardi ha dichiarato che la corte non aveva la certezza che l’imputata avrebbe rispettato le condizioni della cauzione.

C’era anche il rischio di manomissione.

La richiesta di cauzione è stata quindi respinta.

Per quanto riguarda la richiesta di divieto di pubblicazione del nome dell’imputato, la corte ha osservato che se il divieto non fosse stato accolto, i minori estranei al caso, tranne che per il fatto di essere figli dell’imputato, avrebbero subito conseguenze senza alcuna colpa.

Questa considerazione valeva in particolare per il minore che, venerdì, avrebbe dovuto affrontare una cerimonia di fine scuola.

Per questo motivo, il tribunale ha ordinato un divieto temporaneo di pubblicazione del nome dell’imputata fino alla fine della settimana, dopodiché la stampa sarà autorizzata a divulgare l’informazione.

Anche l’ispettore Elisia Scicluna ha esercitato l’azione penale. L’avvocato Noel Bianco era il difensore.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE