martedì, Aprile 23, 2024
HomeMaltaL'uomo che ha trascorso altri 274 giorni in carcere ha subito una...

L’uomo che ha trascorso altri 274 giorni in carcere ha subito una violazione dei suoi diritti

Foto d’archivio dell’udienza preliminare di Gheorghe Popa nel 2016.

Un uomo che ha trascorso altri 274 giorni in carcere in attesa dell’appello per la sua condanna per aver accoltellato la sua ex compagna Yana Mintoff Bland e il figlio di lei, ha ottenuto un risarcimento di 10.000 euro dopo che il tribunale ha stabilito che i suoi diritti umani sono stati violati.

Il tribunale ha stabilito che Gheorghe Popa ha trascorso più tempo in carcere a causa dei ritardi del tribunale quando il suo appello è rimasto bloccato per più di cinque anni.

Il 45enne rumeno era stato accusato di aver ferito Mintoff Bland e suo figlio nell’ottobre 2016.

Mintoff Bland, figlia del defunto Primo Ministro Dom Mintoff, è un’ex candidata elettorale del Partito Laburista.

La corte ha sentito come Mintoff Bland e Popa avessero litigato quando lui aveva resistito ai suoi tentativi di interrompere la loro relazione. Dopo aver aggredito lei e suo figlio, Popa aveva .

Nel condannarlo a sei anni di carcere, il primo tribunale aveva stabilito che Popa era un pericolo non solo per Mintoff Bland e suo figlio, ma anche per la società in generale.

“Questo tipo di violenza non sarà tollerata”, aveva detto il magistrato nella sua sentenza.

“Nella nostra società assistiamo a relazioni spesso costruite sulla sabbia o attraverso i social network e quando queste cadono a pezzi ci possono essere individui che si rifiutano di accettare che tali relazioni hanno una data di scadenza”, ha continuato.

Popa ha presentato appello alla sentenza nel 2018, ma il caso era ancora pendente davanti al giudice Giovanni Grixti nel 2023, costringendo il presidente della Corte Suprema a riassegnarlo a un altro giudice, Neville Camilleri, che ha rapidamente ascoltato l’appello e ha deciso di confermare la condanna e la pena detentiva di sei anni.

Presiedendo la Prima Aula del Tribunale Civile nella sua giurisdizione costituzionale, il giudice Joanne Vella Cuschieri ha ascoltato Popa lamentarsi dell’esagerato ritardo con cui il suo appello è stato ascoltato e deciso, che equivale a una violazione del suo diritto umano a essere giudicato in tempi ragionevoli.

Popa si è anche lamentato del fatto che, poiché la cauzione era stata fissata a 5.000 euro, un importo che non poteva permettersi, ha dovuto trascorrere più tempo in “arresto illegale”.

La corte ha sentito come Popa abbia trascorso fino al 2021 in carcere perché non è mai stato rilasciato.

Il giudice ha osservato che il caso di Popa non è complesso e ha messo in discussione il fatto che la corte d’appello abbia ascoltato l’appello in poche sedute, ma non abbia ancora emesso la sentenza fino a quando il caso non è stato riassegnato a un altro giudice.

Il giudice ha osservato che quando l’appello è stato deciso, Popa aveva già scontato la sua pena detentiva. La corte ha accolto l’argomentazione di Popa secondo cui il suo arresto era illegale. Invece di scontare i 1.440 giorni che doveva scontare in carcere, ha finito per scontare 1.714 giorni.

Il giudice Vella Cuschieri ha osservato che, dall’analisi delle prove, Popa ha trascorso circa 274 giorni in più in carcere a causa del ritardo.

l’unico motivo per cui è stato tenuto in carcere, a parte l’impossibilità di pagare la cauzione, è stato il ritardo ingiustificato della Corte nel prendere una decisione in fase di appello”.

“La corte ritiene che tale detenzione oltre la pena [detentiva] fosse di fatto arbitraria e ingiustificata, dato che era effettivamente in violazione del diritto fondamentale”, ha sentenziato il giudice.

“La corte ritiene che questa violazione sia stata molto grave [perché] nessuno può restituire al ricorrente i 274 giorni di libertà persi dalla sua vita”, ha detto, concedendo danni morali.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Taiwan colpita da numerose scosse di terremoto, la più forte di magnitudo 6,3

Questa immagine pubblicata dalla Central News Agency (CNA) di Taiwan il 22 aprile 2024 mostra rocce cadute sull'autostrada Suhua a Hualien. Foto: AFPLa capitale...