L’uomo ammette l’omicidio di Marsa e viene incarcerato per 30 anni

Lunedì un uomo è stato incarcerato per 30 anni dopo aver ammesso di aver subito un accoltellamento mortale nel luglio 2022.

Ali Mahy Ezzo Saeed, di nazionalità sudanese, si è dichiarato colpevole di aver ucciso un egiziano di 21 anni a Triq Felicjan Bilocca, Marsa, il 24 luglio.

Inizialmente si era dichiarato non colpevole, ma ha cambiato la sua dichiarazione presso il Tribunale penale presieduto da Consuelo Scerri Herrera poco prima dell’inizio del processo con giuria.

Durante la raccolta delle prove, un testimone ha descritto come ha messo a frutto il suo addestramento militare quando ha inseguito Saeed, lo ha catturato e disarmato.

Lo ha anche schivato quando ha lanciato il coltello nella sua direzione.

Il testimone, un cittadino della Sierra Leone, ha raccontato di essersi recato a Marsa per comprare del cibo quando ha visto l’accusato “tirare un pugno al defunto”.

Entrambi gli uomini erano estranei per lui, ma nel momento in cui ha visto l’accusato estrarre un coltello, il suo istinto militare ha preso il sopravvento.

“Come ex militare, quando vedo un coltello so cosa significa”, ha spiegato il testimone, Sesai Abdulla, parlando in inglese mentre un interprete di lingua araba traduceva il procedimento all’imputato.

Dopo “le prime due pugnalate alla schiena”, ci sono stati altri due colpi sul petto della vittima e un quinto sul lato destro dell’addome, ha ricordato Abdulla, gesticolando per spiegare la posizione delle ferite.

Ha lasciato cadere i suoi prodotti alimentari e ha chiamato la polizia, ma non ha ricevuto risposta. Si è quindi recato alla stazione di polizia di Marsa, ma non ha trovato polizia.

Mentre suonava invano il campanello, ha sentito una voce femminile che lo ha indirizzato alla più vicina stazione di polizia di Ħamrun.

Abdulla è tornato sulla scena del crimine giusto in tempo per vedere la vittima accasciarsi vicino a un furgone parcheggiato, mentre l’aggressore si faceva strada attraverso uno stretto passaggio tra alcuni alberi nelle vicinanze.

“Amico mio, resta finché non arriva la polizia”, gli disse il testimone.

“Come posso restare?”, ha risposto l’uomo, che il testimone ha identificato in tribunale come l’imputato.

“Sì, hai accoltellato qualcuno e devi restare fino all’arrivo della polizia”, ha insistito il testimone.

L’uomo si è rifiutato, ha agitato il coltello e si è scagliato contro di lui. Ma Abdulla si è scansato e ha reagito, ha detto alla corte. L’uomo è scappato e il testimone e altre persone lo hanno inseguito.

Abdulla ha detto di aver afferrato l’aggressore mentre cercava di arrampicarsi su una recinzione. È riuscito a bloccargli il braccio finché non si è arreso e ha obbedito all’ordine di rimettere il coltello nella custodia.

Il testimone ha detto di essersi sentito “malissimo” mentre guardava la vittima crollare, allungando lentamente le braccia in avanti mentre giaceva a terra, con “molto sangue” intorno a lui.

“Come si può accoltellare il proprio fratello? Anche se appartiene a una razza diversa”, ha osservato il testimone. Anche quando Malta, ha aggiunto, sarebbe intervenuta per salvare una vita.

“Per questo ho affrontato l’accusato… mi sono tolto la camicia e ho cercato di applicare le precauzioni di sicurezza apprese nell’esercito”.

Un altro testimone oculare, Mbali Mohammed, di nazionalità nigeriana, ha dichiarato: “Ho visto uno dei miei fratelli litigare con uno dei miei fratelli. Ho detto loro di fermarsi”.

Ha precisato che non si trattava di “fratelli” e che non conosceva il loro Paese di origine.

Mentre uno tirava fuori un coltello e accoltellava l’altro, ha gridato “fermati!”.

“Non l’ha fatto e l’ha fatto di nuovo”, ha detto, spiegando che la vittima è stata poi pugnalata nella parte superiore destra del petto.

Altre persone si sono unite a lui nel tentativo di interrompere l’aggressione e hanno poi chiamato un’ambulanza e la polizia mentre l’aggressore scappava.

Ha detto di aver afferrato un oggetto di plastica per difendersi dall’uomo armato e di averlo inseguito.

Era presente quando l’accusato è stato messo alle strette e consegnato alla polizia.

La vittima è caduta a terra, con sangue ovunque, mentre lui e altri cercavano di salvarla.

“Mi sono sentito dispiaciuto. Quando l’abbiamo visto a terra, abbiamo deciso di affrontare l’imputato”.

Ha descritto l’arma come un lungo coltello.

“L’ho visto, con i miei occhi… Abbiamo cercato di rimuoverlo per evitare che uccidesse un’altra persona”.