mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeMaltaLavoratori stranieri cadono vittima di agenzie truffatrici, ma Identity Malta impotente nel...

Lavoratori stranieri cadono vittima di agenzie truffatrici, ma Identity Malta impotente nel prendere provvedimenti

I lavoratori in cerca di un lavoro a Malta vengono spesso caricati di migliaia di euro dalle agenzie di reclutamento straniere, ma l’amministratore delegato di Identity Malta afferma che l’agenzia non pu√≤ fare nulla al riguardo.

Times of Malta ha contattato Identity Malta dopo che un’agenzia di reclutamento illegale nelle Filippine che offriva lavoro a Malta √® stata chiusa dalle autorit√† del Paese.

L’agenzia filippina, che operava senza licenza, chiedeva 7.000 euro come tassa di elaborazione per coloro che speravano di trovare lavoro a Malta o in Polonia come lavoratori d’albergo, addetti alle pulizie o camerieri.

Spesso sentiamo dire che nelle giurisdizioni straniere, soprattutto in Asia, gli agenti chiedono fino a 12.000 euro per i loro servizi, ha detto l’amministratore delegato dell’agenzia Mark Mallia. Ma Identity Malta non pu√≤ fare nulla al riguardo. Identity Malta non ha alcuna autorit√† legale su pratiche e azioni che avvengono all’estero. Durante tutto il processo, l’agenzia Identity Malta tratta solo con i datori di lavoro e i richiedenti stessi e non riconosce altre parti terze.Mallia

Il Dipartimento per i lavoratori migranti (DMW) nelle Filippine ha chiuso la OVM Visa Assistance and Travel Consultancy all’inizio di questo mese, dopo che le indagini hanno dimostrato che la societ√† forniva servizi di reclutamento per stranieri senza licenza.

Secondo il DMW, l’azienda addebitava ai potenziali lavoratori 420.000 euro (7.000 euro) di tasse di elaborazione, un anticipo di 60.000 euro (1.000 euro) e altri 100.000 euro (1.650 euro) una volta ottenuto il permesso di lavoro.

Il proprietario dell’agenzia di reclutamento sar√† accusato di reclutamento illegale, ha dichiarato il DMW.

Il numero di lavoratori extracomunitari a Malta √® decuplicato in un decennio. Nel 2011, meno di 5.000 cittadini stranieri extra UE lavoravano a Malta. Il numero √® salito a oltre 50.000 nell’agosto 2022.

Una parte significativa di questi lavoratori proviene dalle Filippine. Secondo i dati di Jobsplus, nel dicembre 2022 erano pi√Ļ di 8.200 i filippini registrati come lavoratori a Malta. L’unico Paese non appartenente all’UE con un numero maggiore di suoi cittadini che lavoravano a Malta in quel momento era l’India.

La maggior parte dei cittadini di Paesi terzi (TCN) ha bisogno di un unico permesso di lavoro con scadenza annuale per vivere e lavorare legalmente a Malta.

I TCN che hanno bisogno di un visto per arrivare a Malta devono affrontare un processo pi√Ļ lungo.

Le aziende locali spesso ricorrono ad agenzie di lavoro interinale per colmare le lacune occupazionali, il che significa che i lavoratori vengono subappaltati alle aziende ma sono tecnicamente assunti dalle agenzie di reclutamento.

Molte di esse sono state macchiate da controversie sui diritti dei lavoratori.

RecruitGiant ha assunto corrieri alimentari con un contratto di lavoro allettante, per poi far loro firmare un secondo contratto con condizioni molto meno favorevoli al loro arrivo a Malta.

Quando i lavoratori si sono dimessi per protesta, l’azienda ha comunicato loro che dovevano pagare 4.000 euro per essersi licenziati, ha rivelato Times of Malta lo scorso agosto.

Un’inchiesta di aprile ha inoltre rivelato che i corrieri che consegnano cibo a domicilio, impiegati da diverse agenzie, continuano a lavorare in condizioni precarie nonostante le norme governative.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

La capitale indiana registra la temperatura pi√Ļ alta di sempre, 49,9 gradi Celsius

Un bambino gioca con l'acqua durante una calda giornata estiva a Chennai il 28 maggio 2024. Foto: R.Satish Babu / AFPLe temperature nella capitale...