sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaL'AP respinge il complesso per i lavoratori stranieri a Qormi

L’AP respinge il complesso per i lavoratori stranieri a Qormi

Il sito, attualmente adibito a magazzino, dove è stato proposto un complesso residenziale per lavoratori stranieri. Foto: PA

Giovedì l’Autorità di pianificazione ha respinto la proposta di costruire un complesso residenziale in cima a un grande magazzino di Qormi, composto da 142 stanze da condividere con persone che si recano a Malta per lavoro.

Proposto dal Vella Falzon Group – un’azienda che opera nel settore dei bagni, dei pavimenti, dei mobili e dell’edilizia – lo sviluppo avrebbe fornito stanze dove gli espatriati avrebbero potuto vivere a prezzi accessibili, è stato detto al consiglio dell’Autorità di Pianificazione.

Tuttavia, il consiglio non è stato convinto, soprattutto perché temeva che il complesso residenziale proposto non avrebbe fornito alloggi decenti alle persone che si recano a Malta per lavoro.

Il progetto di “alloggio residenziale assistito”, finalizzato a fornire “assistenza alle persone bisognose”, è stato proposto su un magazzino che in precedenza era l’edificio GDL tra Triq il-Furnar e Triq tal-Bajjada a Qormi.

La richiesta di massima, che è stata immediatamente respinta nella fase di progettazione, avrebbe dovuto includere una reception e uffici al piano terra, una mensa, una sala giochi, uffici e una sala computer al primo piano e 142 stanze dal secondo al quarto livello con lavanderia.

Le dimensioni, con una superficie totale di quasi 3.200 metri quadrati, avrebbero visto ogni stanza costruita con una superficie media di poco meno di 37 metri quadrati.

La Direzione per la gestione dello sviluppo della PA ha osservato che il sito scelto per tale proposta era incompatibile con le politiche di pianificazione. L’area è caratterizzata da diversi tipi di sviluppo, è dominata da usi commerciali e si trova ai margini di una zona a uso misto. Il sito stesso è coperto da un permesso approvato per un magazzino.

“La struttura proposta è considerata incompatibile con l’uso [industriale] esistente e non può essere considerata accettabile in termini di amenità per l’uso proposto”, ha concluso il funzionario nella relazione che raccomanda un rifiuto.

Inoltre, la proposta non prevedeva un parcheggio adeguato in loco e non soddisfaceva i requisiti dell’Ufficio tecnico sanitario e della Commissione per i diritti delle persone con disabilità, ha aggiunto.

Un architetto dello studio A360 ha dichiarato che la proposta comprendeva quello che ha descritto come un “atrio” che attraversa l’intera profondità della proprietà, pari al 20% del sito. Ha detto che questo “inondava” le stanze di luce naturale e ventilazione.

Ha detto che il magazzino sottostante era un negozio e non aveva usi industriali e che il progetto mirava a servire coloro che venivano a Malta per lavoro e faticavano a trovare una sistemazione decente.

Il richiedente Alex Vella Falzon ha detto che queste persone vengono a Malta per lavoro ma non trovano un posto dove vivere a prezzi accessibili.

proponiamo un complesso sicuro e sorvegliato, che fornisca cibo in loco, invece di permettere a questi lavoratori di vivere in garage, stalle o stipati come sardine in appartamenti”, ha detto.

“Affitteremo a un prezzo estremamente basso che nessuno può battere sul mercato. Ho già due aziende locali che vogliono affittare tutte le stanze per i loro dipendenti perché capiscono che è meglio che avere 17 persone stipate in un appartamento con tre camere da letto.

“Qual è la loro alternativa con uno stipendio di 900 euro al mese? Noi forniamo questa alternativa”, ha detto ai membri del consiglio di amministrazione della PA.

Tuttavia, il presidente della PA Martin Camilleri ha espresso preoccupazione per il fatto che le stanze proposte “non sembrano una sistemazione decente con finestre così piccole”.

Ha inoltre affermato che, a parte la mancanza di parcheggio, il sito non è adatto allo sviluppo proposto.

Quando ha messo ai voti il progetto, i membri del consiglio di amministrazione lo hanno respinto all’unanimità.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE