L’accordo UE sull’immigrazione non offre a Malta tranquillità -Byron Camilleri

I Paesi dell’UE hanno raggiunto un accordo su una revisione delle regole del blocco, da tempo in stallo, per condividere in modo più equo l’accoglienza dei richiedenti asilo e dei migranti.

L’accordo – che richiedeva l’approvazione di una maggioranza di Paesi che rappresentassero almeno il 65% della popolazione del blocco – giunge dopo anni di dispute sulla politica di asilo.

Polonia e Ungheria hanno votato contro le proposte, mentre Malta, Bulgaria, Lituania e Slovacchia si sono astenute.

In una dichiarazione, il governo ha affermato che Byron Camilleri ha detto a una riunione del Consiglio dei ministri degli Affari interni che Malta continuerà a lavorare “per tenere sotto controllo gli arrivi di migranti irregolari”.

“Gli arrivi a Malta provengono principalmente dalla Libia e stiamo costantemente investendo in un rapporto proficuo, mentre si sta facendo un forte sforzo affinché coloro che non hanno i requisiti per l’asilo e abusano del sistema non rimangano nel nostro Paese e vengano rimpatriati nel loro Paese d’origine”Byron Camilleri

Camilleri ha sottolineato che, sebbene di recente il numero di arrivi irregolari sulle nostre coste sia stato basso, Malta rimane vulnerabile a causa delle sue piccole dimensioni e della sua posizione geografica.

L’incontro di giovedì si è concentrato sul Regolamento sulla gestione dell’asilo e della migrazione e sul Regolamento sulle procedure di asilo, due pilastri del Patto sulla migrazione e l’asilo presentato dalla Commissione europea nel settembre 2020.

Durante l’incontro, Camilleri ha affermato che la situazione e le vulnerabilità di Malta sono diverse da quelle degli altri Stati membri. Mentre il numero di arrivi irregolari e le responsabilità rappresentano un onere per ogni Stato membro, per Malta questi oneri sono maggiori a causa delle dimensioni del Paese.

“Dovremmo avere la certezza che se si verifica una situazione in cui abbiamo bisogno di assistenza, questa non solo sarà disponibile, ma le nostre esigenze saranno pienamente soddisfatte”, ha detto Camilleri, aggiungendo che lo strumento legislativo in questione non offre alcuna tranquillità.

Il ministro ha affermato che, sebbene Malta comprenda che diversi Stati membri hanno un problema con la circolazione secondaria, è necessario uno sforzo collettivo per ridurre gli arrivi irregolari.

La riforma del settore, secondo Camilleri, deve garantire un equilibrio tra i nuovi oneri sostenuti dai Paesi situati alla frontiera, come Malta, e la solidarietà degli altri Stati membri.

L’accordo, ha detto, non ha raggiunto un buon equilibrio tra responsabilità e solidarietà: mentre le responsabilità esistenti aumenteranno, il meccanismo di solidarietà proposto, pur essendo obbligatorio, rimane flessibile e piuttosto debole perché non fornisce le necessarie garanzie che le esigenze degli Stati membri saranno soddisfatte.

Camilleri ha affermato che la solidarietà dovrebbe basarsi su criteri oggettivi che riflettano la realtà dei Paesi di confine, soprattutto dei piccoli Stati membri.