mercoledì, Febbraio 21, 2024
HomeMaltaLa vittima di un suicidio mostrava una riduzione dei sintomi d'ansia pochi...

La vittima di un suicidio mostrava una riduzione dei sintomi d’ansia pochi giorni prima della morte

Un medico che ha visitato la vittima di un suicidio in carcere, Kim Borg Nicolas Virtu’, due volte nell’arco di due settimane, pochi giorni prima che tentasse il suicidio, ha notato un miglioramento dei suoi sintomi d’ansia perché stava lavorando sul suo disturbo di dipendenza.

Il medico ha testimoniato in videoconferenza nel procedimento contro le ex guardie carcerarie Annabelle Cauchi, 52 anni, e Alison Vassallo, 42 anni.

La detenuta ha tentato il suicidio il 16 giugno 2021 ed è deceduta all’ospedale Mater Dei il 4 luglio.

Entrambi gli ex agenti penitenziari sono accusati di omicidio involontario e di aver commesso un crimine che avevano il dovere di prevenire. Si dichiarano non colpevoli.

Quando il procedimento contro la coppia è proseguito questa settimana, il medico ha confermato di aver visitato la vittima il 13 maggio e il 3 giugno, confermando che nella seconda visita l’aveva “trovata molto meglio di prima”.

Alla richiesta degli avvocati della difesa di fornire ulteriori spiegazioni, il medico David Cini ha detto che i sintomi di ansia di Kim erano migliorati.

Ha detto che le autorità mediche stavano preparando un piano per ridurre gradualmente le dosi di metadone e che la ragazza aveva anche chiesto di partecipare a un programma di riabilitazione presso la RISE (un’organizzazione di assistenza ai detenuti).

La sua ansia è stata attribuita principalmente a un disturbo da dipendenza.

Quando l’ha vista a luglio, però, era meno ansiosa perché stava lavorando sulla sua dipendenza.

Alla domanda su quali siano i fattori di rischio comuni presi in considerazione dai professionisti del settore medico quando conducono una revisione psichiatrica, il medico ha elencato eventuali tentativi di suicidio passati, gravi malattie mentali e la frequenza delle visite al Mount Carmel Hospital.

Questi fattori sono stati controllati quando ha valutato Kim per la prima volta, ma lei non aveva nessuno dei tre, ha detto il testimone, ma aveva un disturbo da dipendenza.

Alla domanda della difesa se ci fosse un legame tra questo disturbo e il suicidio, il medico ha spiegato che un paziente con un disturbo da dipendenza potrebbe avere problemi mentali.

“Quindi potrebbe esserci [un legame], ma la situazione non è così chiara come per gli altri fattori di rischio”, ha detto il medico.

Il caso, presieduto dal magistrato Caroline Farrugia Frendo, proseguirà in aprile.

L’ispettore Paul Camilleri ha esercitato l’azione penale.

Gli avvocati Herman Mula e Mario Mifsud sono i difensori.

Gli avvocati Rachel Tua e Edmond Cuschieri rappresentano la famiglia della vittima.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE