venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaLa clinica Mater Dei IVF chiuderà per sei mesi, i pazienti saranno...

La clinica Mater Dei IVF chiuderà per sei mesi, i pazienti saranno trattati privatamente

La clinica FIV di Mater Dei resterà chiusa per sei mesi Foto: Matteo Mirabelli

La clinica che esegue procedure di fecondazione assistita a Mater Dei sarà chiusa per sei mesi durante i lavori di ampliamento e ammodernamento, e i pazienti saranno inviati a una clinica privata.

Lunedì il ministro della Salute Jo Etienne Abela ha illustrato i piani per sospendere i servizi della clinica e affidare temporaneamente le procedure di fertilità al settore privato, rispondendo alle critiche dell’Associazione medica di Malta.

L’associazione, che rappresenta i medici, la scorsa settimana ha chiesto al governo di impedire l’esternalizzazione delle procedure di fecondazione assistita al settore privato.

L’associazione ha affermato che ciò viola un accordo con il governo che prevedeva una consultazione “significativa” con l’associazione prima di procedere con la privatizzazione dei servizi offerti dal servizio sanitario nazionale.

Il mese scorso il governo ha annunciato un investimento di 6 milioni di euro per far sì che i pazienti in lista d’attesa per i trattamenti di fecondazione assistita vengano trattati in una clinica privata.

La risposta di JoEtienne Abela. Video: Ministero della Salute

Lunedì, il Ministro della Salute ha dichiarato che la clinica Mater Dei sarà chiusa per sei mesi. Durante questo periodo intermedio, la clinica ha in programma di espandersi, rinnovarsi e assicurarsi che sia completamente equipaggiata con la tecnologia necessaria.

“Per sei mesi i servizi di FIV saranno forniti nella comunità, nel settore privato, finché non ripristineremo i servizi presso l’ospedale Mater Dei”, ha dichiarato.

“Pensate che il governo lascerà queste persone vulnerabili senza cure? No”, ha proseguito, “vorrei rassicurare le persone che riceveranno questo servizio che io e il governo che rappresento, su questa questione saremo il vostro scudo”.

Ha insistito sul fatto che ha discusso i suoi piani con il MAM e altri sindacati in diverse occasioni.

“Non si tratta di mancanza di trasparenza”, ha detto.

“Quando si è trattato di annunciare l’espansione della Mater Dei, non solo ho discusso la mia presentazione con loro e con tutti i dipendenti della Mater Dei… Ma prima di andare al gabinetto, ho discusso di tutte queste cose con coloro con cui ritenevo di doverle discutere”

In precedenza il MAM aveva dichiarato di non avere problemi a ricorrere al settore privato se ciò significa ridurre le liste d’attesa, anche per la FIVET, ma che ciò non dovrebbe avvenire a scapito del rispetto degli obblighi.

I trattamenti per l’infertilità, come la FIV, vengono attualmente eseguiti presso la clinica ART della Mater Dei.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE