venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaIl settore finanziario è fondamentale per individuare i segni della tratta di...

Il settore finanziario ̬ fondamentale per individuare i segni della tratta di esseri umani РAIFU

L’AIFU ha dichiarato che il settore finanziario svolge un “ruolo fondamentale” nella prevenzione della tratta di esseri umani. Foto: Shutterstock (principale)/Matthew Mirabelli (a lato).

Secondo l’agenzia di intelligence finanziaria, i clienti che evitano il contatto diretto, cambiano spesso numero di telefono, mostrano segni di depressione e sono spesso accompagnati da terze persone potrebbero essere legati al traffico di esseri umani.

Questi modelli di comportamento sono tra le bandiere rosse evidenziate dalla Financial Intelligence Analysis Unit (FIAU) in una recente pubblicazione di linee guida per il settore finanziario su come individuare il riciclaggio di denaro legato alla tratta di esseri umani e alla schiavitù moderna.

L’agenzia ha anche evidenziato bandiere rosse specificamente legate allo sfruttamento del lavoro – che secondo l’agenzia costituisce la maggior parte dei casi di traffico di esseri umani a Malta, citando un rapporto del Consiglio europeo sull’argomento – e allo sfruttamento sessuale.

L’AIFU ha inoltre rilevato che le imprese edili e i saloni di massaggi sono tra le attività comunemente utilizzate per riciclare i profitti derivanti dalla tratta di esseri umani e dalla schiavitù moderna.

Sottolineando il “ruolo centrale” del settore finanziario nell’individuazione dei reati di tratta, l’AIFU ha affermato che è “molto difficile” identificare il riciclaggio di denaro da un solo segnale e ha sottolineato l’importanza di combinare tali segnali con altre “bandiere rosse”.

L’Aifa ha affermato che, mentre gli “indicatori morbidi” riconosciuti dagli operatori finanziari sono utili per identificare le vittime di sfruttamento o i membri di basso rango delle organizzazioni criminali, il monitoraggio automatizzato delle transazioni potrebbe aiutare a individuare i membri di rango superiore.

Citando un rapporto del Consiglio europeo sulla tratta di esseri umani del 20201, che ha rilevato che il 77% delle 44 vittime identificate di tratta di esseri umani a Malta dal 2017 al 2020 sono state trafficate a scopo di sfruttamento lavorativo, l’AIFU ha elencato diversi indizi di questa pratica.

Tra questi, indicatori soft come un numero elevato di abitanti che vivono in un unico indirizzo e clienti che mostrano scarsi standard igienici o segni di lividi e altri abusi fisici.

Tra i segnali di allarme di natura finanziaria, invece, vi sono l’utilizzo di specifici sportelli bancomat a intervalli regolari, trasferimenti regolari a terzi – che indicano una possibile servitù da debito – e pagamenti ricorrenti inferiori al salario minimo, tra gli altri.

Per quanto riguarda lo sfruttamento sessuale, l’AIFU ha dichiarato che le istituzioni finanziarie dovrebbero prestare attenzione alle transazioni di basso valore verso giurisdizioni legate a questa pratica e alle “transazioni sospette legate a noti quartieri di locali notturni”.

Tra gli indicatori soft, invece, sono stati segnalati i diversi stili di scrittura nelle comunicazioni via e-mail con i clienti e un “numero insolito” di titolari di conti congiunti.

L’agenzia ha anche messo in guardia dai clienti con informazioni di contatto che risultano essere collegate alla pubblicità di servizi di escort, agenzie di modelle e di spettacolo o “servizi sessuali”.

L’AIFU ha dichiarato che l’obiettivo del rapporto è quello di sensibilizzare il settore finanziario sui “rischi” di riciclaggio di denaro legati alla tratta di esseri umani e alla schiavitù moderna e di fornire gli “strumenti necessari” per prevenirli.

“Una migliore qualità e quantità di… rapporti a Malta aiuterà l’AIFU e le altre autorità governative, in particolare quelle preposte all’applicazione della legge, a comprendere e combattere meglio il problema”.

Metodi di riciclaggio del denaro

L’agenzia ha dichiarato che i trafficanti di esseri umani e i moderni schiavisti riciclano il denaro in quattro modi principali in diversi Paesi, tra cui Malta.

Uno di questi metodi è l’uso di “società di facciata” che si spacciano per imprese legittime per mascherare le illegalità finanziarie. Tali attività includevano comunemente saloni di massaggi, saloni per unghie, bar e ristoranti, aziende agricole ed edili.

L’AIFU ha dichiarato che in uno di questi esempi, una società di giochi d’azzardo è stata usata come copertura per spostare circa 350.000 euro di fondi legati a un’organizzazione criminale che ha guadagnato oltre 20 milioni di euro abusando di circa 500 donne in cinque anni.

Altre vie di riciclaggio includono pratiche occupazionali abusive come la frode dei visti e il trattenimento di parte dei salari delle vittime, i “conti imbuto” – in cui i fondi vengono depositati su un conto e rapidamente prelevati da altre persone in diverse località – e l’utilizzo di metodi di pagamento online anonimi come le criptovalute.

Settori ad alto rischio

L’agenzia ha dichiarato che tra i settori ad alto rischio identificati a livello globale come legati alla tratta di esseri umani e alla schiavitù moderna, alcuni erano “particolarmente rilevanti” per Malta.

Tra questi, il settore edile, il lavoro di assistenza residenziale, i taxi e la consegna di cibo, il lavoro domestico come la pulizia della casa e le attività dei saloni di massaggi, citando una “tavola rotonda” sul tema tenutasi nel luglio dello scorso anno.

Saloni di massaggio e legami con il lavoro sessuale

In un documento separato sui saloni di massaggio a Malta e sui possibili legami con lo sfruttamento, pubblicato nello stesso periodo, l’AIFU ha parlato della “realtà allarmante” dello sfruttamento sessuale in alcuni saloni del Paese.

L’agenzia ha dichiarato che la ricerca ha mostrato che delle donne identificate come a rischio nel settore, circa la metà erano europee e l’altra metà asiatiche. Le donne maltesi rappresentano circa un terzo del totale, mentre le cinesi e le thailandesi costituiscono un numero significativo della popolazione asiatica.

Sottolineando che mentre un “numero molto limitato” di segnalazioni di sfruttamento sessuale giungeva all’autorità, nella maggior parte delle segnalazioni ricevute l’unico motivo di sospetto era “un elemento di ricchezza inspiegabile” da parte del proprietario o di un suo stretto collaboratore.

L’AIFU ha dichiarato che diversi rapporti parlavano anche di “individui asiatici che depositavano contanti ritenuti eccessivi e non in linea con il loro profilo conosciuto”, con fondi trasferiti nel loro Paese d’origine in diversi casi.

Tuttavia, l’agenzia ha osservato che tali pagamenti possono avere spiegazioni ragionevoli, come l’invio di denaro a membri della famiglia.

L’analisi dei saloni di massaggio maltesi ha evidenziato la necessità di una “maggiore consapevolezza e di sforzi concertati per combattere questo problema pervasivo”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE