Il Partito laburista non può essere “usato” per compromessi con la verità – Abela

Il Partito laburista non può essere “usato” per compromessi con la verità, ha dichiarato il primo ministro…

Il Partito laburista non può essere “usato” per compromessi con la verità, ha dichiarato più volte lunedì il primo ministro Robert Abela in un’intervista a One TV.

Reagendo ai risultati delle elezioni del Parlamento europeo, che hanno visto il suo partito vincere con una maggioranza fortemente ridotta, Abela ha promesso riforme all’interno del Partito Laburista e del governo e decisioni politiche importanti che “saranno guidate esclusivamente dalla verità, senza compromessi”.

Ha anche avvertito i membri della struttura governativa che non possono aspettarsi un lavoro comodo e che coloro che non stanno servendo il popolo nelle loro legittime richieste dovrebbero andarsene prima che la decisione venga presa per loro.

Il popolo, ha detto Abela, ha espresso fiducia nel governo laburista, ma ha anche chiesto un cambiamento, una nuova versione.

Ha promesso di essere “autentico” in ciò che dice e fa, senza temere di disturbare qualche “piccola fazione”.

Il governo, ha detto, ha migliorato gli standard di vita e, di conseguenza, le aspettative della gente sono aumentate. Il governo è determinato a continuare a raggiungere tali aspettative.

È necessario prendere decisioni difficili che sono rimaste in sospeso per anni, come il settore delle costruzioni e il suo impatto sulla vita delle persone e sull’ambiente, oltre ad altre aree come la popolazione, i lavoratori stranieri e altre ancora.

“Il principio fondamentale delle nostre decisioni deve essere quello di difendere la verità e non scendere a compromessi, e tutti sanno cosa intendiamo”, ha affermato.

Abela ha anche insistito sul fatto che il governo, in tutte le sue strutture, deve essere sensibile alle richieste giustificate e legittime della popolazione. Lui si è impegnato a fondo e ha lavorato duramente per il popolo, così come gli altri membri del governo, ma per quanto riguarda coloro che si trovano più in basso nella struttura, ha voluto insistere sul fatto che il loro non è un lavoro comodo e che dovrebbero decidere, prima che altri decidano per loro, di andare avanti.

abbiamo l’impegno e la capacità di riformare e di rimanere umili e in sintonia con la realtà della gente”.

Alla domanda sullo scopo di una riunione dell’esecutivo e del gruppo parlamentare laburista che si terrà lunedì, ha risposto che lo scopo è quello di tracciare il futuro del partito e del governo. Non si trattava di votare la fiducia. Questo, ha detto, è stato richiesto da coloro che volevano prolungare artificialmente la loro presenza. Non era “incollato” alla sua sedia. Aveva la sua professione e quando sentiva che il suo tempo era scaduto, sarebbe stato lui a decidere di andarsene, ha detto.