giovedì, Maggio 30, 2024
HomeMaltaIl ministro Miriam Dalli ricorda quando un uomo dubitava della sua capacità...

Il ministro Miriam Dalli ricorda quando un uomo dubitava della sua capacità di diventare un politico

Miriam Dalli ha ricordato martedì un momento specifico in cui un uomo le ha chiesto perché non fosse a casa a prendersi cura del figlio appena nato invece di fare campagna elettorale per le elezioni del Parlamento europeo del 2014.

“Per quanto abbia trovato sostegno intorno a me, ho anche trovato persone che pensavano che stessi commettendo un errore“, ha detto.

“È ancora vivido nella mia mente, questa persona in particolare, ricordo dove mi trovavo, ricordo il suo volto e cosa indossava. Mi guardò e mi disse: ‘Cosa stai cercando di dimostrare? Perché non vai a casa e non ti occupi di tuo figlio?””.

Ha detto che il commento non ha fatto altro che alimentare la sua voglia di “lottare più duramente e spingere più forte“.

Il Ministro dell’Ambiente, ex parlamentare europeo, è intervenuto durante il Social Innovation and Global Ethics Forum 2023 (SIGEF), tenutosi all’Hotel Phoenicia.

Il SIGEF2023, edizione speciale del Women Summit, ha approfondito temi quali le donne nel mondo degli affari e dell’innovazione, l’uguaglianza di genere e le sue opportunità nell’intelligenza artificiale, nonché il coinvolgimento delle donne nella costruzione di un futuro più sostenibile e inclusivo.

La madre di Dalli: la sua più grande ispirazione

In apertura della tavola rotonda “Donne: leadership e viaggio d’ispirazione”, Dalli ha parlato del suo percorso politico, iniziato in giovane età quando si è unita ai comitati politici giovanili all’università.

Dalli ha detto che la sua più grande ispirazione e mentore è stata sua madre.

“Nonostante non fosse popolare all’epoca, mia madre gestiva la sua piccola impresa e investiva nella nostra istruzione e educazione“, ha detto.

“In un mondo che diceva alle donne di stare a casa, nostra madre si è assicurata che sviluppassimo le competenze necessarie per affrontare il mondo e credo che ci abbia insegnato la lezione più grande di tutte. Non accettare mai un no come risposta e non tirarsi mai indietro“.

Ha ricordato come durante gli studi si sia “immersa” nel mondo del giornalismo.

Prima di diventare europarlamentare, Dalli ha lavorato per oltre 15 anni nel giornalismo e nel settore della comunicazione.

“Questo mi ha aiutato a imparare a bilanciare lavoro, studio e famiglia”, ha detto.

Ha detto che nel corso degli anni le donne hanno lasciato un impatto e un contributo duraturi alla politica, alla società e all’arte, ma c’è ancora molto lavoro da fare per raggiungere la parità di genere.

“Se me lo chiedete, ho ancora dei dubbi sul fatto che abbiamo raggiunto l’uguaglianza di genere, penso che ci sia ancora molta strada da fare. Nel corso della storia, abbiamo visto le donne affrontare discriminazioni, pregiudizi e ostacoli che hanno impedito il nostro cammino”.

Ha detto che è importante che ci siano più donne emancipate, che a lungo andare ispireranno e daranno alle giovani donne la possibilità di ottenere di più.

Ha inoltre sottolineato l’importanza di fornire alle ragazze gli strumenti necessari per ottenere l’indipendenza e la crescita a cui hanno diritto.

Parliamentary Secretary for Reforms and Equality Rebecca Buttigieg (furthest left) during the SIGEF panel on Tuesday. Photo: Matthew Mirabelli
Il Segretario parlamentare per le Riforme e l’Uguaglianza Rebecca Buttigieg (più a sinistra) durante il panel SIGEF di martedì. Foto: Matteo Mirabelli

“Perché agli uomini non viene chiesto perché entrano in politica?”

Il Segretario parlamentare per le Riforme e l’Uguaglianza, Rebecca Buttiġieġ, è stata una delle cinque relatrici intervenute alla conferenza.

“Le donne in politica devono lavorare molto di più per essere qui. Mi chiedo sempre perché agli uomini non venga mai chiesto perché hanno deciso di entrare in politica, come invece viene chiesto costantemente alle donne“, ha detto.

Buttiġieġ è stata eletta deputato l’anno scorso e, a 29 anni, è il membro più giovane del gabinetto, un risultato di cui ha detto di essere molto orgogliosa.

“Il ruolo delle donne in politica è importante, l’effetto che abbiamo è importante – siamo quelle che ispireranno le ragazze ad assumere ruoli di leadership

Buttiġieġ ha sottolineato un rapporto delle Nazioni Unite lanciato lunedì, che ha rivelato come la metà delle persone in tutto il mondo ritenga che gli uomini siano più bravi delle donne.

“Più del 40% ritiene che gli uomini siano migliori leader aziendali rispetto alle donne e il 25% delle persone crede che sia giustificato per un uomo picchiare la moglie“, ha detto, citando lo studio.

Esorto tutti i presenti a dimostrare che queste statistiche sono sbagliate, queste statistiche nel 2023 sono scioccanti e dobbiamo andare avanti insieme“.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Riscoperto il più grande rifugio bellico della Floriana

Conrad Neil Gatt nel rifugio. Foto: Conrad Neil Gatt PhotographyQuando il ricercatore freelance Steve Mallia è stato contattato dal consiglio comunale di Floriana per...