domenica, Aprile 14, 2024
HomeMaltaIl magistrato "chiude" l'inchiesta sul caso Sofia

Il magistrato “chiude” l’inchiesta sul caso Sofia

Il magistrato che conduce l’inchiesta sulla morte in edilizia di Jean Paul Sofia sta “concludendo” la sua relazione, sei mesi dopo l’incidente mortale.

Fonti vicine al caso hanno detto che l’ufficio del magistrato Marse-Ann Farrugia sta informando le parti che la sua relazione sta per essere conclusa. Non hanno fornito una scadenza.

Sofia, 20 anni, è rimasta uccisa nel crollo di un edificio in costruzione a Corradino a dicembre. Cinque operai sono stati salvati dalle macerie del crollo e il corpo della vittima è stato ritrovato dopo 14 ore di ricerche.

Da allora la madre si è battuta per un’inchiesta pubblica indipendente sull’incidente, sostenuta dal Partito Nazionalista, che il primo ministro ha respinto.

Il magistrato Farrugia è sempre più sotto pressione perché concluda la sua inchiesta, in modo che la polizia possa prendere visione delle sue raccomandazioni e agire di conseguenza.

Ad aprile, il Primo Ministro Robert Abela ha scritto al Presidente della Corte Suprema Mark Chetcuti chiedendogli di garantire che l’inchiesta giudiziaria sulla morte di Sofia sia conclusa il prima possibile. Aveva scritto che il verbale del processo non era ancora stato ultimato, ritardando la conclusione dell’inchiesta giudiziaria.

“Se si considera la delicatezza del caso, si tratta di un ritardo assolutamente inaccettabile”, ha scritto.

Ha chiesto al presidente della Corte Suprema di usare i suoi poteri e le sue prerogative per assicurare che l’inchiesta sia conclusa, affinché il corso della giustizia progredisca e i responsabili siano chiamati a rispondere delle loro azioni.

Abela ha resistito agli sforzi di Isabelle Bonnici, che dice di non volere che la morte del figlio sia stata vana e di voler essere un “raggio di speranza per una maggiore sicurezza nei luoghi di lavoro e per la giustizia”.

Il Partito Nazionalista ha a lungo criticato il Primo Ministro, affermando che le sue azioni e il suo rifiuto di ordinare un’inchiesta pubblica indipendente sull’incidente hanno dimostrato che non era interessato a conoscere tutta la verità su questa tragica morte.

In quanto firmataria della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, Malta aveva il dovere di salvaguardare i diritti umani e di introdurre strutture che tutelassero e proteggessero la vita. Tali strutture potrebbero essere raccomandate dall’inchiesta pubblica richiesta dai genitori di Sofia.

Le inchieste giudiziarie di solito richiedono tempo per essere compilate, soprattutto in un caso come quello di Sofia, in cui viene chiesto a esperti nominati dal tribunale di effettuare diversi test sul materiale da costruzione utilizzato nel progetto.

Fonti legali hanno precisato che non si tratta di un caso aperto e chiuso, soprattutto quando si tratta di attribuire le colpe. Sofia è morta e altre cinque persone sono rimaste ferite quando l’edificio a più piani in costruzione in una zona industriale è parzialmente crollato il 3 dicembre.

Sofia." src="https://cdn-attachments.timesofmalta.com/8604bb9dc867523211661410f99df922e0c9f2be-1686500879-946eee25-1920x1280.jpg" alt="Part of the building that came crashing down on Sofia." width="630" height="420" /> Parte dell’edificio che è crollato su Sofia.

Il cantiere della zona industriale di Corradino in cui Sofia è stata uccisa stava per diventare una fabbrica di legname.

Matthew Joseph Schembri, che gestisce un’impresa “chiavi in mano” e un’azienda di condizionamento dell’aria, si è presentato come richiedente del progetto. Il terreno è affittato a Kurt Buhagiar, un alto funzionario della Lands Authority. Entrambi sono stati chiamati a testimoniare nell’ambito dell’inchiesta giudiziaria sul crollo.

Anche l’architetto dietro al progetto, Adriana Zammit, lavora per Infrastructure Malta.

L’Autorità per le Costruzioni e l’Edilizia e l’Autorità per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro, che avevano dichiarato di stare indagando, non hanno rilasciato alcuna dichiarazione pubblica.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE