martedì, Maggio 28, 2024
HomeMaltaIl magistrato coinvolto nell'inchiesta Vitals ha oltre 90 indagini in corso

Il magistrato coinvolto nell’inchiesta Vitals ha oltre 90 indagini in corso

Fonti legali affermano che la maggior parte dei ritardi nel completamento delle indagini magistratuali sono causati dal limitato numero di esperti del tribunale. L’immagine mostra le colonne del tribunale di La Valletta.

Il magistrato accusato dal Primo Ministro Robert Abela di aver impiegato un tempo eccessivo per concludere l’inchiesta Vitals ha già altre 94 inchieste nella sua agenda, come dimostrano le analisi dei tribunali.

Il magistrato Gabriella Vella deve destreggiarsi tra questo carico di lavoro e 99 casi giudiziari che sta presiedendo.

Il carico di lavoro di Gabriella Vella non è un caso unico tra i suoi colleghi: la maggior parte dei magistrati ha decine di inchieste giudiziarie in corso e casi giudiziari che devono ancora essere conclusi. In alcuni casi, questi numeri raggiungono le tre cifre.

Vella, che la scorsa settimana ha concluso un’inchiesta sulla privatizzazione di tre ospedali statali, è stata bersaglio di critiche da parte dell’ex primo ministro Joseph Muscat – oggetto di quell’inchiesta – e del suo successore, Abela.

Abela ha ripetutamente affermato che, per legge, Vella avrebbe dovuto concludere la sua indagine nel giro di 60 giorni e che il periodo di quattro anni che le è servito per completare il lavoro su Vitals fosse “esagerato”.

Ma un fact-check del Times of Malta all’inizio di quest’anno ha concluso che ogni inchiesta richiede generalmente più tempo per essere conclusa, e una su cinque richiede più di quattro anni per essere completata. Alcune inchieste in corso risalgono agli anni Settanta, Ottanta e Novanta.

Fonti giuridiche hanno affermato che la maggior parte dei ritardi è causata dal limitato numero di esperti del tribunale, che impiegano più tempo del previsto per completare le loro valutazioni, a volte a causa di test elaborati, alcuni dei quali devono essere eseguiti all’estero.

Secondo le ultime statistiche giudiziarie pubblicate ad aprile e relative alla fine di febbraio, ci sono 1.735 indagini giudiziarie in corso.

“Alcune inchieste risalgono agli anni ’70, ’80 e ’90”.

I magistrati con il maggior carico di inchieste sono Monica Vella, Victor Axiak, Yana Micallef Stafrace, Philip Galea Farrugia, Antoine Agius Bonnici e Ian Farrugia. Questi ultimi tre, insieme al magistrato Joe Mifsud, che ha 30 inchieste in corso, sono i quattro magistrati scelti che si concentreranno esclusivamente sulle indagini.

Il magistrato Astrid May Grima ne ha più di 90 in corso, il magistrato Noel Bartolo ne ha 85 e Rachel Montebello ne ha 81. Gli altri magistrati contano tra le 20 e le 66 inchieste in corso.

Oltre a questi, tutti i magistrati, ad eccezione di quelli che si concentreranno sulle indagini, hanno tra le mani quasi 2.700 raccolte di prove in sospeso. I magistrati con il maggior carico di lavoro sono Elaine Rizzo (351), Claire Stafrace Zammit (331), Marseann Farrugia (263), Caroline Farrugia Frendo (231), e Astrid May Grima e Rachel Montebello, che hanno rispettivamente 203 e 201 casi.

Inoltre, Grima ha quasi 1.400 cause distrettuali pendenti, Monica Vella ne ha 945 e Farrugia Frendo ne ha poco meno di 500.

Oltre a 149 inchieste pendenti, il magistrato Victor George Axiaq ha 2.522 casi di traffico in sospeso e 3.235 ricorsi in appello contro le decisioni del tribunale locale.

Sono poco più di 2.040 i casi di violenza domestica che vengono trattati da due magistrati, Abigail Critien e Nadia Helena Vella.

In totale, la Corte dei Magistrati ha poco meno di 20.400 casi pendenti.

A Gozo, i magistrati che presiedono il tribunale locale hanno 410 cause pendenti, la maggior parte delle quali sono udienze distrettuali e sul traffico, oltre a 52 raccolte di documenti probatori.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...