sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaIl documentario sulla guerra in Ucraina, premiato con l'Oscar, viene proiettato a...

Il documentario sulla guerra in Ucraina, premiato con l’Oscar, viene proiettato a Malta

Un fotogramma che mostra una donna trasportata su una barella dopo il bombardamento di un ospedale materno a Mariupol nelle prime settimane dell’invasione russa dell’Ucraina.

Il vincitore del premio per il miglior documentario agli Academy Awards di quest’anno – 20 days in Mariupol – sarà proiettato allo Spazju Kreattiv Cinema di La Valletta.

Il film racconta i 20 giorni che il giornalista Mstyslav Chernov e i suoi colleghi hanno trascorso nella città assediata di Mariupol nel febbraio e marzo 2022, nelle prime settimane dell’invasione russa su larga scala dell’Ucraina.

Chernov ha compilato i filmati raccolti a Mariupol insieme a un team del programma di documentari investigativi Frontline, distribuito dal Public Broadcasting Service negli Stati Uniti e dall’Associated Press.

A still showing coffins being lowered into a mass grave in Mariupol.Un fotogramma che mostra le bare che vengono calate in una fossa comune a Mariupol.

Essendo gli unici reporter internazionali rimasti in città, il team di giornalisti ucraini cattura quelle che in seguito diventeranno immagini emblematiche della guerra: bambini morenti, fosse comuni e il bombardamento di una maternità, tra le altre cose.

Parlando con Times of Malta, Yevhen Tuzov, uno dei protagonisti del documentario, afferma che i corrispondenti, trovandosi ai margini degli eventi, filmano quelli che poi diventano eventi storici.

“Viviamo in un’epoca di guerre dell’informazione. Chi ha le informazioni vince”, dice Tuzov, “e su questo campo di battaglia i guerrieri sono i giornalisti”.

A still showing a journalist capturing footage in Mariupol in the first weeks of the Russian invasion of Ukraine.Un fotogramma che mostra un giornalista che cattura filmati a Mariupol nelle prime settimane dell’invasione russa dell’Ucraina.

Parlando del ruolo dei giornalisti nel catturare informazioni ed eventi, Tuzov ha detto che la loro affidabilità dipende dal modo in cui il giornalista li presenta.

“Purtroppo, nel nostro mondo ci sono pochissimi giornalisti imparziali. Ma nel marzo 2022 ho avuto la fortuna di incontrare Mstyslav, Vasilisa ed Evgeniy. Il loro lavoro ha mostrato a tutti che la barbarie e la spietatezza possono esistere anche nell’apparentemente sviluppato XXI secolo.

“Il mondo intero ha visto l’aspetto dell’imperialismo e le ambizioni che le persone raggiungono ad ogni costo, calpestando tutti i valori umani universali. Il lavoro del vero giornalista è ora molto importante”.

A still showing the destruction inflicted on an apartment complex in Mariupol during the invasion of Ukraine.Un fotogramma che mostra la distruzione di un complesso di appartamenti a Mariupol durante l’invasione dell’Ucraina.

Il film ha vinto il premio per il miglior documentario alla 96ª edizione degli Academy Awards, nonché il premio Pulitzer 2023 per il servizio pubblico, tra gli altri riconoscimenti.

Dopo quasi un decennio trascorso a coprire i conflitti internazionali, compresa la guerra tra Russia e Ucraina, per l’Associated Press, 20 Days in Mariupol è il primo lungometraggio di Chernov.

Il film si basa sui dispacci quotidiani di Chernov e sulle riprese personali del suo Paese in guerra e offre un resoconto vivido dei civili coinvolti nell’assedio, nonché una finestra su cosa significhi fare reportage da una zona di conflitto e sull’impatto di questo tipo di giornalismo in tutto il mondo.

20 Days in Mariupol sarà proiettato al cinema Spazju Kreattiv il 4, 10, 19 e 25 maggio. Per ulteriori informazioni, visitare il sito Spazju Kreattiv.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE