martedì, Maggio 28, 2024
HomeMaltaIl figlio della vittima di un incidente nautico dichiara che Jason Azzopardi...

Il figlio della vittima di un incidente nautico dichiara che Jason Azzopardi ha “riaperto le ferite”

Jason Azzopardi dice che si riferiva a un altro caso, ma non ha voluto fornire dettagli. Foto: Matteo Mirabelli

Il figlio di un uomo ucciso in un incidente nautico ha attaccato l’avvocato Jason Azzopardi per aver “riaperto le ferite” sulla morte del padre.

In un post su Facebook di lunedì, Azzopardi ha fatto un riferimento criptico al Primo Ministro Robert Abela e a un incidente in mare a Marsascala 12 anni fa.

“Primo Ministro, per quanto tempo resterà aggrappato alla boa? La verità dell’inchiesta verrà fuori. Non si tratta di un incidente in mare. Quelli del sud non hanno dimenticato quello che è successo a Marsascala nel 2012”, ha scritto.

Nell’agosto 2012, Charles Brignone fu colpito alla testa da un’elica mentre faceva snorkeling a Żonqor, Marsascala. Il conducente dell’imbarcazione che ha ucciso il 44enne non è mai stato identificato.

Charles Brignone died in August,12-years ago following a boating hit and run
Charles Brignone è morto nell’agosto di 12 anni fa in seguito a un incidente nautico

Giovedì, il figlio della vittima ha commentato il post di Azzopardi che ha riaperto questioni sulla morte del padre, per le quali aveva accettato di non poter mai avere una risposta.

“Quasi 12 anni, ecco quanto tempo ci è voluto perché questa ferita si riaprisse per me, mia madre Josianne Brignone e altri membri della famiglia riguardo al caso di mio padre”, ha dichiarato Romario Brignone.

Brignone ha raccontato di aver contattato personalmente Azzopardi per sapere se avesse ulteriori informazioni rispetto a quanto pubblicato su Facebook.

“La sua risposta è stata semplice: non sa nulla del caso di mio padre e non si riferiva a quel caso ma a un altro”.

Romario Brignone ha detto che non ci sono stati altri casi di omissione di soccorso in mare nel 2012 a Marsascala.

“Se avete cercato di usare il caso di mio padre per secondi fini o per mandare un messaggio, non avete cuore. Non si lancia una bomba del genere dopo 12 anni senza considerare nulla. Vergogna. Non posso crederci”, ha aggiunto.

Contattato per un commento da Times of Malta, Azzopardi ha detto che nel suo post non si riferiva a quel particolare incidente ma a un altro.

Alla richiesta di specificare a quale caso si riferisse, Azzopardi non ha voluto rispondere.

Brignone, appassionato di snorkeling, era in campeggio con la famiglia a Żonqor, nei pressi di Marsascala, quando è andato a fare snorkeling verso le 10 del mattino del 4 agosto 2012.

Quando non è tornato a metà pomeriggio, sua moglie, Josianne, ha chiamato i soccorsi e il suo corpo è stato ritrovato la mattina seguente.

Ha riportato ferite mortali alla testa dopo essere stato colpito dall’elica di una barca, ma gli investigatori non sono riusciti a rintracciare l’imbarcazione coinvolta.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...