sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaI truffatori del racket delle prestazioni possono ottenere la grazia solo se...

I truffatori del racket delle prestazioni possono ottenere la grazia solo se il denaro viene restituito

Foto di archivio: Matteo Mirabelli

Solo le persone che hanno restituito i loro guadagni illeciti legati al racket dei benefici saranno prese in considerazione per la grazia presidenziale, ha chiarito il governo in una dichiarazione di sabato.

Questo arriva dopo che giovedì è stato chiuso il processo contro molte delle persone coinvolte nello scandalo, dopo che diversi avvocati hanno espresso la sensazione di non avere abbastanza informazioni per consigliare ai loro clienti la strada da seguire alla luce dell’annuncio dell’indulto.

Sono state avviate cause penali contro centinaia di persone che hanno ricevuto un beneficio monetario destinato a persone con gravi disabilità di cui non soffrivano.

Nel frattempo è stato annunciato che sarà concesso un indulto a queste persone dopo che è emerso che molti di coloro che erano rimasti invischiati nel racket erano realmente malati, poveri o avevano bisogno di denaro.

Il Primo Ministro Robert Abela ha lanciato un appello all’opinione pubblica per evitare che le persone coinvolte, alcune delle quali sono vulnerabili e hanno altri problemi sociali.

Tuttavia, l’indulto è accompagnato da alcune condizioni: gli accusati dovranno restituire tutto il denaro a cui non avevano diritto e dovranno testimoniare in tribunale per ottenere la cancellazione del reato dalla loro condotta di polizia.

Il governo ha dichiarato che le persone coinvolte nel racket avranno diritto al perdono presidenziale se saranno giudicate colpevoli di crimini legati allo schema fraudolento a partire dal 1° gennaio 2022, se stanno attualmente affrontando accuse penali o se è possibile che vengano accusate penalmente in base alle stesse circostanze, cioè per aver ricevuto questo beneficio senza averne diritto.

  • Chiunque sia sospettato di aver organizzato il piano o di averlo istigato e promosso in qualsiasi modo non potrà essere graziato, hanno sottolineato.

    Per essere presi in considerazione per l’indulto, è necessario presentare una richiesta al direttore della Sicurezza sociale attraverso il proprio rappresentante legale. La persona deve anche confermare l’intenzione di restituire il denaro o fornire informazioni su come intende farlo.

    Una volta verificato che il denaro è stato pagato, o che la persona ha stipulato un accordo scritto per la restituzione del denaro attraverso un piano di rimborso, la richiesta di grazia può essere trasmessa al Commissario di Polizia e al Ministero della Giustizia. Quest’ultimo potrà quindi confermare l’emissione della grazia al richiedente.

    RELATED ARTICLES

    ULTIME NOTIZIE