giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaI liquami si infiltrano quasi quotidianamente nella baia di Xgħajra, dicono i...

I liquami si infiltrano quasi quotidianamente nella baia di Xgħajra, dicono i residenti

Uno screenshot del video mostra le acque reflue grezze che creano una melma bianca nel mare. Foto: Peter Agius/Facebook

I liquami grezzi si infiltrano nella baia di Xgħajra “quasi ogni giorno”, dicono i residenti della città, con un video che mostra fanghi bianchi che attraversano le acque limpide e blu della baia.

Il video, girato il 16 marzo e postato per la prima volta sul gruppo Facebook dei residenti della città, è stato condiviso lunedì scorso dal candidato al Parlamento europeo Peter Agius. Nel suo post, Agius ha accusato la Water Services Corporation di pompare liquami nella baia tre volte alla settimana.

Tuttavia, un residente che ha parlato con Times of Malta ritiene che questa sia una stima prudente, affermando che negli ultimi due anni le acque reflue si sono infiltrate nella baia quasi quotidianamente. Sebbene l’episodio registrato sia stato “particolarmente grave”, non si tratta affatto di un incidente isolato, ha detto il residente.

Spulciando tra i gruppi Facebook dei residenti si scoprono diversi video quasi identici di fanghi di fogna nello stesso punto, risalenti a diversi anni fa.

Parlando con Times of Malta, Agius ha messo in guardia dai potenziali impatti sulla salute delle infiltrazioni, affermando che le acque contaminate possono portare a diversi problemi, che vanno dalle malattie della pelle alle infezioni da E.coli e salmonella, potenzialmente letali.

“Per non parlare dell’impatto sul turismo. L’estate scorsa sono state chiuse otto baie a causa di fuoriuscite di liquami. Di questo passo, la prossima estate potrebbe essere ancora più alta”.

Il candidato indipendente Arnold Cassola aveva sollevato preoccupazioni simili in un post su Facebook alla fine dello scorso anno, chiedendo se l’impianto di trattamento delle acque reflue “non sia in grado di tenere il passo con la produzione di liquami”.

I residenti hanno affermato che le autorità hanno detto che il problema è stato innescato perché l’infrastruttura fognaria dell’impianto di Ta’ Barkat non è in grado di far fronte alla domanda.

L’impianto, inaugurato nel 2011, purifica le acque reflue e le trasforma nella cosiddetta acqua nuova, ovvero in acqua utilizzabile per l’irrigazione. Questa viene poi distribuita agli agricoltori delle vicinanze per essere utilizzata nei loro campi.

La WSC afferma che l’impianto è in grado di trattare 60.000 metri cubi di acque reflue al giorno, il che lo rende di gran lunga il principale impianto di trattamento delle acque di Malta. Nel frattempo, la Commissione europea afferma che l’impianto “può trattare volumi di acque reflue equivalenti a quelli normalmente prodotti da una popolazione di 500.000 persone”. Secondo stime recenti, nel 2022 la popolazione di Malta supererà di poco i 540.000 abitanti.

L’infiltrazione ripresa nel video era semplicemente il risultato di lavori “pianificati come parte del nostro programma di manutenzione” per l’impianto di trattamento delle acque reflue di Ta’ Barkat – portavoce del WSC

In una serie di commenti di risposta al video, il sindaco di Xgħajra Neil Attard ha detto ai residenti di aver segnalato la questione all’amministratore delegato della Water Services Corporation, Karl Cilia, che gli ha comunicato che il problema sarebbe stato risolto entro la prossima settimana, una volta che l’impianto di trattamento di Sant’Antnin a Marsascala fosse stato operativo.

Nel 2021 è stato annunciato che l’impianto di Sant’Antnin avrebbe iniziato a trattare i rifiuti agricoli e a trasformarli in nuova acqua, dopo un aggiornamento di 9 milioni di euro. In questo modo si porrà fine alla pratica di scaricare i rifiuti agricoli nel sistema fognario, spesso bloccando le tubature, ha dichiarato all’epoca il WSC.

L’impianto inizierà ora a trattare direttamente le acque reflue, in quello che il WSC ha descritto come “parte dei nostri sforzi strategici per soddisfare il previsto aumento della domanda nei prossimi anni”.

In un breve commento a Times of Malta, un portavoce della Water Services Corporation ha dichiarato che le infiltrazioni riprese nel video erano semplicemente il risultato di lavori “programmati come parte del nostro programma di manutenzione” per l’impianto di trattamento delle acque reflue di Ta’ Barkat.

I lavori si sono svolti tra il 14 e il 16 marzo.

La manutenzione è “essenziale per garantire che le nostre strutture continuino a funzionare in modo efficiente e sostenibile”, ha dichiarato il portavoce, aggiungendo che tutti i lavori di manutenzione sono stati eseguiti in linea con un permesso rilasciato dall’Autorità per l’ambiente e le risorse.

Il portavoce non ha risposto alle domande se incidenti simili si siano verificati regolarmente negli ultimi due anni o se i residenti possano aspettarsi che il problema persista.

Nel frattempo, lo scarico di acque reflue nelle acque maltesi rimane una preoccupazione pressante, con la Commissione europea che ha portato Malta in tribunale per la questione nel 2022.

Nella causa in corso, la Commissione sostiene che Malta non ha rispettato la direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane, che impone agli Stati membri di raccogliere e trattare correttamente le acque.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Motociclista gravemente ferito in un incidente a Saqqajja

Un motociclista è rimasto gravemente ferito mercoledì in un incidente a Saqqajja. La polizia ha dichiarato che l'incidente, avvenuto alle 15.15 di mercoledì al largo...