venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaI laburisti mantengono un vantaggio del 10,4% e guadagnano poco - Sondaggio...

I laburisti mantengono un vantaggio del 10,4% e guadagnano poco – Sondaggio del Times of Malta

La PL ha un vantaggio di 10 punti percentuali a una settimana dalle elezioni. Foto di archivio.

I laburisti hanno un vantaggio di 10,4 punti percentuali nella corsa per le elezioni del Parlamento europeo della prossima settimana, aumentando marginalmente il divario tra i due principali partiti di Malta nell’ultimo mese, come rivela un nuovo sondaggio del Times of Malta .

Il divario è ora del 10,4%, leggermente superiore al 10,2% registrato in un sondaggio simile ad aprile.

L’affluenza alle urne attualmente prevista è del 72,4%, il che si tradurrebbe in una differenza di circa 30.500 voti, anche se questo numero potrebbe cambiare se l’affluenza finale fosse più alta o più bassa. Lo scarto era di 28.000 voti ad aprile, quando l’affluenza prevista era del 68%.

In particolare, la maggior parte delle persone che hanno intenzione di non recarsi in cabina elettorale si trova nelle regioni a maggioranza laburista. Ciò potrebbe indicare che il divario tra i due partiti potrebbe aumentare se i laburisti riuscissero a mobilitare gli elettori riluttanti in queste aree.

Tuttavia, sembra improbabile che questo si traduca in un quarto seggio da europarlamentare per i laburisti, come è accaduto nel 2019 quando il divario ha superato la soglia dei 42.000 voti.

La quota del PN è in calo, il PL resta fermo

I risultati suggeriscono che, mentre l’affluenza è in aumento, il PN non riesce a catturare nessuno di questi nuovi elettori, con la sua quota di voto complessiva che è scesa leggermente dal 40,7% al 40,4% nell’ultimo mese.

Anche il PL non ha guadagnato nulla, vedendo la sua quota di voto rimanere ferma al 50,8% nell’ultimo mese, sebbene sia scesa da un massimo di poco superiore al 52%.

In compenso, le cose stanno migliorando per i candidati indipendenti e i terzi partiti, che hanno visto crescere leggermente la loro quota di voti dall’8,5% di aprile all’8,8% di oggi.

Se nessuno dei candidati indipendenti e dei terzi partiti dovesse essere eletto, i voti ereditati potrebbero ricadere su uno dei due partiti principali, con la probabilità che il divario tra loro aumenti ulteriormente.

Il sondaggio, condotto dalla società di ricerche di mercato Esprimi, ha raccolto le risposte di 650 persone di età pari o superiore ai 16 anni tra il 22 e il 30 maggio, nel bel mezzo del dramma politico legato al rinvio a giudizio dell’ex primo ministro Joseph Muscat e di diversi ex e attuali membri del gabinetto e funzionari governativi.

Il sondaggio utilizza l’apprendimento automatico per prevedere il voto degli intervistati indecisi – una tecnica che è riuscita a prevedere il risultato delle elezioni del 2022.

I risultati suggeriscono che gli eventi epocali della scorsa settimana non hanno avuto quasi alcun impatto sulle intenzioni di voto del pubblico.

Il PL conquista i non votanti, mentre il PN si aggrappa a un numero maggiore di elettori precedenti

Il sondaggio suggerisce che il Labour sta facendo un lavoro migliore nel riconquistare le persone che non hanno votato alle elezioni generali del 2022, con quasi il 12% di loro che ha dichiarato di voler votare PL, rispetto al poco più del 6% che ha dichiarato che voterà PN.

Uno su dieci dichiara che sosterrà un candidato indipendente, mentre il 6% opterà per Imperium Europa e poco più del 2% per ADPD. Più di un terzo, il 38%, dichiara che rimarrà fedele alla propria decisione precedente e ancora una volta resterà a casa il giorno delle elezioni.

Sebbene PL stia conquistando con successo i non votanti del 2022, sta facendo più fatica a tenersi stretti quelli che hanno votato per il partito alle ultime elezioni.

Un decimo di loro afferma che non voterà affatto questa volta, mentre un altro 12% si dichiara ancora indeciso. Poco più di due terzi (68%) prevede di votare ancora una volta per il PL, con una manciata di elettori che dichiarano di voler disertare le urne per candidati indipendenti (4%), PN (3,7%) o Imperium Europa (1,5%).

Gli elettori del PN del 2022 sembrano essere più fedeli al loro partito, con oltre tre quarti di loro (76%) che affermano che voteranno ancora una volta in blu e praticamente nessuno di loro diserterà verso i laburisti.

Tuttavia, circa il 6% ha dichiarato di voler sostenere candidati indipendenti, mentre un altro 2% ha optato per ADPD e Imperium Europa.

Il PL è più forte in tutte le fasce d’età, i partiti si dividono il primato nelle regioni

Il PL rimane il partito più popolare in tutte le fasce d’età. Sebbene detenga un leggero vantaggio sul PN nella maggior parte delle fasce d’età, gli elettori di età compresa tra i 25 e i 34 anni e quelli di età superiore ai 65 anni hanno il doppio delle probabilità di sostenere il PL.

Il PN ha una performance particolarmente negativa nella fascia d’età compresa tra i 25 e i 34 anni, con solo il 12% che dichiara di sostenere il partito, meno di coloro che dichiarano di non voler votare affatto.

Il sondaggio suggerisce che i candidati indipendenti stanno ottenendo livelli simili di sostegno tra gli elettori di tutte le età, ad eccezione di quelli di età superiore ai 65 anni, che insistono sul fatto che voteranno per uno dei due partiti principali.

L’ADPD, invece, registra un solido sostegno tra i giovani elettori di età inferiore ai 24 anni, ma vede crollare il proprio consenso tra gli elettori più anziani.

Le cose sono un po’ più equilibrate quando si parla di elettori nelle diverse regioni di Malta, con i due partiti principali che si dividono il vantaggio in tre regioni a testa.

Il PN mantiene un leggero vantaggio a Gozo (26% contro il 24% del PL) e nell’area portuale settentrionale (27% contro il 23% del PL) e detiene un vantaggio di 14 punti nel nord del Paese.

Ma il PL detiene un vantaggio ancora più forte nelle altre tre regioni, con 28 punti di vantaggio nel sud-est e nella zona portuale meridionale, e 20 punti nell’ovest.

Il divario si ridurrebbe in caso di elezioni generali

Secondo il sondaggio, il divario tra i due partiti si ridurrebbe da poco più del 10% al 7% se domani si tenessero le elezioni generali, anziché quelle europee.

Ciò significa che il Labour vincerebbe le elezioni generali con circa 21.500 voti, raccogliendo poco meno del 52% dei voti, rispetto al 45% del PN.

Queste cifre sono rimaste praticamente invariate nell’ultimo mese, con nessuno dei due partiti che ha guadagnato o perso in modo significativo. Tuttavia, è probabile che queste percentuali cambino una volta che le elezioni generali si avvicinano.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE