venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaCorruzione al primo posto, ma il caso Vitals ha un impatto misto:...

Corruzione al primo posto, ma il caso Vitals ha un impatto misto: Sondaggio del Times di Malta

La folla si è radunata martedì fuori dal tribunale in segno di sostegno a Joseph Muscat. Foto di repertorio: Matteo Mirabelli

La corruzione è salita in cima alle priorità degli elettori nelle ultime settimane, mentre guardavano il dramma giudiziario dell’inchiesta Vitals, come mostra un nuovo sondaggio del Times of Malta .

Ma se questo cambierà la direzione in cui gli elettori voteranno è più che altro un’incognita.

Quasi un quarto degli elettori, il 24%, afferma che la corruzione è il tema che li spingerà a votare. In aprile, quando si è svolto un sondaggio simile, la percentuale era solo dell’8%.

Ma il sondaggio mostra anche che gli elettori di diversi partiti hanno opinioni molto diverse sull’argomento, suggerendo che mentre il tema della corruzione risuona con alcuni elettori, ha un effetto drasticamente diverso su altri.

Come previsto, la maggioranza (52%) di coloro che intendono votare per il PN alle elezioni della prossima settimana afferma che la corruzione è la loro principale priorità.

Lo stesso vale, anche se in misura minore, per coloro che sostengono l’ADPD (38%), i candidati indipendenti (30%) e Imperium Europa (18%), nonché per gli elettori ancora incerti su chi sostenere (23%) o che non hanno votato alle ultime elezioni generali (21%).

Ma la questione si registra a malapena tra gli elettori laburisti, con poco più del 3% che afferma che la questione della corruzione determinerà il loro voto. Altre questioni, in particolare il costo della vita (15%) e l’economia (13%), hanno molte più probabilità di mandarli alle urne.

Ciononostante, il sondaggio mostra che il quadrante si è a malapena spostato sul voto complessivo rispetto a un precedente sondaggio tenutosi ad aprile, con i laburisti che mantengono un vantaggio di 10 punti percentuali.

Il sondaggio è stato condotto dagli esperti di mercato Esprimi, che hanno intervistato 650 intervistati tra il 22 e il 30 maggio, proprio quando il caso Vitals ha raggiunto il suo culmine con l’incriminazione di diverse figure governative di spicco.

La maggior parte dichiara che il caso Vitals non avrà un impatto sul voto

Quasi la metà degli elettori, il 48%, afferma che le notizie emerse dal caso Vitals, tra cui il rinvio a giudizio di alcuni importanti funzionari governativi ex e attuali, non hanno influenzato il loro voto.

Circa il 40%, invece, afferma che il caso influenzerà il suo voto. Nel frattempo, più di un elettore su dieci (12%) dichiara di essere ignaro del caso e di non seguirne gli sviluppi.

Quasi due terzi delle persone che hanno intenzione di votare per il Labour la prossima settimana affermano che i recenti sviluppi non hanno spostato affatto la scelta del voto, anche se poco più di uno su cinque afferma di averlo fatto.

Ciò suggerisce che, mentre prima pensavano di astenersi o di votare per un altro partito, i recenti sviluppi li hanno portati all’ovile.

Gli elettori del PN, invece, si dividono quasi equamente tra coloro che affermano che il caso Vitals ha influenzato la loro decisione (50%) e coloro che affermano che non lo ha fatto (46%).

Gli elettori che sosterranno i candidati indipendenti sono più convinti della questione, con quasi due terzi di loro che affermano che il caso influenzerà il loro voto.

Il sondaggio indica chiaramente che gli elettori del PN sono molto più desiderosi di seguire il caso in primo luogo, con solo il 4% di loro che dice di non sapere cosa comporta il caso. Si tratta di una percentuale tre volte inferiore rispetto al 13% degli elettori del PL e al 12% di tutti gli elettori.

Donne e giovani meno interessati al caso

Il sondaggio suggerisce anche che la questione ha avuto poca risonanza tra alcuni gruppi demografici. Quasi una donna su cinque e gli elettori di età inferiore ai 35 anni affermano di non essere al corrente degli sviluppi del caso.

Mentre quasi la metà (47%) degli elettori sotto i 25 anni che seguono il caso afferma che gli sviluppi influenzeranno il loro voto, il contrario è vero per le donne: solo un terzo afferma che la questione Vitals ha avuto un impatto, mentre la metà afferma che non lo avrà.

Le persone in età lavorativa tra i 35 e i 65 anni sembrano essere il gruppo più attento al caso, e solo pochi dicono di non essere al corrente di quanto sta accadendo.

Circa il 55% delle persone di questo gruppo sostiene che i recenti sviluppi non avranno alcun effetto sul loro voto, ben più del 39% che afferma che lo avranno.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE