lunedì, Giugno 5, 2023
HomeMaltaI genitori della ragazza morta per una malattia rara sono stati giudicati...

I genitori della ragazza morta per una malattia rara sono stati giudicati colpevoli di morte per negligenza

I genitori di una bambina di sette anni morta per una malattia rara nel 2018 sono stati riconosciuti colpevoli della sua morte per negligenza e hanno ottenuto la sospensione della pena.

Sunday e Rashida Aluko sono stati condannati a una pena detentiva di due anni, sospesa per quattro anni, e dovranno pagare le spese processuali di 3.000 euro.

Il tribunale, tuttavia, ha anche rilevato che “il sistema ha fallito con Victoria” e non è riuscito a capire come sia stato necessario il decesso della ragazza perché le autorità emettessero un ordine di cura per i suoi fratelli sopravvissuti.

Victoria è morta nel gennaio 2018 dopo essere stata trasportata d’urgenza in ospedale da una residenza a Å»abbar dove viveva la sua famiglia di cinque persone. Times of Malta aveva riportato come la residenza fosse stata prestata loro dalle suore domenicane, ma non erano sotto la cura di alcuna entità della Chiesa.

Secondo il certificato di morte, la ragazza nigeriana era morta a causa di una malattia rara. Dopo la sua morte, i suoi due fratelli sono stati affidati a un ordine di assistenza.

Alcuni giorni dopo la sua morte, l’allora ministro per il benessere sociale aveva dichiarato che la ragazza aveva una condizione medica preesistente ed era morta di anemia aplastica.

i familiari del caso, che avevano parlato con Times of Malta all’epoca, si erano chiesti perché i bambini non fossero stati presi in custodia quando i genitori avevano mostrato sintomi di problemi di salute mentale o non si erano presentati a scuola.

Si erano lamentati quando si trattava di protezione dei bambini e degli immigrati che erano stati segnalati nel corso degli anni, ma vedevano ancora persone che cadevano nelle crepe del sistema. Gli amici di famiglia avevano anche accusato un fallimento sistematico che vedeva la famiglia rimanere in casa e i bambini perdere la scuola.

sulla morte sono state aperte un’inchiesta giudiziaria e un’indagine indipendente separata.

I genitori sono stati infine accusati di aver causato la morte di Victoria per imprudenza, negligenza, imperizia nella loro arte o professione o inosservanza delle norme.

Nella sentenza emessa lunedì, la corte, presieduta dal magistrato Leonard Caruana, ha affermato che è “evidente che le autorità governative coinvolte non hanno dato a questo caso l’urgenza e l’attenzione necessarie finché non è stato troppo tardi”.

Dal momento in cui la famiglia Aluko si è trasferita nella residenza di Żabbar, è stata seguita dalla Commissione per gli Emigranti, ha osservato la corte. Quando è diventato evidente che i minori non venivano mandati a scuola, diversi assistenti sociali e altri funzionari hanno iniziato a seguire il caso.

“E’ stata necessaria la morte di Victoria per l’emissione dell’ordine di assistenza

“Le numerose e-mail presentate, tuttavia, mostrano un gran numero di tira e molla tra vari enti, come i funzionari della scuola, la Commissione per gli Emigranti, il FSWS-AppoÄ¡ e i Servizi di Protezione dell’Infanzia, tra gli altri.

“La Corte non riesce ancora a capire come, di fronte a questa grave situazione che si è protratta per oltre due anni, ci sia voluta la morte di Victoria Aluko per la richiesta e l’emissione del necessario Ordine di custodia temporanea, quando già nel novembre 2017 si parlava della seria necessità di questo Ordine”.

E sebbene nel novembre 2017 un medico avesse sollevato la necessità di sottoporre i bambini a un esame successivo presso l’ospedale Mater Dei, per qualche ragione sconosciuta, questo esame di controllo non si è mai concretizzato. Inoltre, ha aggiunto il tribunale, più vicino alla data della tragica morte, gli assistenti sociali erano in sciopero e non utilizzavano alcuna forma di comunicazione né organizzavano riunioni multidisciplinari per discutere i casi.

“La corte ritiene tuttavia che, sebbene il sistema abbia fallito nei confronti di Victoria Aluko, la responsabilità ultima per la sua salute sia stata lasciata nelle mani degli imputati, in quanto per legge essi erano ancora congiuntamente investiti della sua cura e custodia”.

Nella sentenza il tribunale osserva che il trasferimento dal villaggio di tende Ħal Far alla residenza di Å»abbar, quando il primo è stato trasformato in un villaggio residenziale per soli uomini, “ha gravemente compromesso la funzionalità della famiglia Aluko”.

Il padre, che a differenza del resto della sua famiglia aveva lo status di rifugiato, è diventato ossessionato dallo status di sua moglie e dei suoi figli a Malta, tanto da credere che non avessero alcun diritto qui, nonostante le continue rassicurazioni da parte degli assistenti sociali e di altri funzionari che non era così e che tutti godevano degli stessi diritti.

“La loro ossessione era così profonda che per un periodo di quasi due anni prima del tragico incidente si sono rifiutati di mandare i figli a scuola e li hanno tenuti in casa per la maggior parte del tempo.

“Era chiaro che il loro status era prioritario rispetto alle esigenze educative, sociali e mediche dei bambini”.

Il tribunale ha anche fatto riferimento all’inchiesta giudiziaria che aveva nominato Mario Scerri come medico legale. Secondo il rapporto di Scerri, Victoria è morta per anemia aplastica e sul suo corpo non c’erano segni di violenza o maltrattamento.

Durante la sua testimonianza, Scerri aveva detto che l’anemia aplastica non rispondeva alle cure e, sebbene potesse essere gestita, il tasso di fallimento era molto alto. La condizione non è stata sostenuta a causa di un trauma.

Secondo il rapporto di Scerri, la ragazza lamentava dolori ai piedi da novembre.

Il tribunale ha osservato che, sebbene la ragazza avesse mostrato segni di anemia, i suoi genitori non le hanno prestato le necessarie cure mediche.

“Se avessero esercitato tempestivamente la loro diligenza, Victoria Aluko avrebbe avuto una possibilità di combattere, anche se minima, per superare questa condizione o, almeno, per ricevere le cure adeguate che avrebbero potuto allungarle la vita”, ha aggiunto il tribunale.

Gianluca Cappitta era l’avvocato difensore.

Il sovrintendente Josric Mifsud ha svolto l’azione penale.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Verstappen amplia il suo vantaggio per il titolo con una vittoria magistrale in Spagna

Il doppio campione del mondo in carica Max Verstappen ha esteso il suo vantaggio nella corsa al titolo di quest'anno a 53 punti domenica, quando ha completato una tripletta guidando la...