sabato, Marzo 2, 2024
HomeMaltaGuarda: Perché sto aprendo al pubblico lo studio d'arte di mio nonno...

Guarda: Perché sto aprendo al pubblico lo studio d’arte di mio nonno introverso

Tamara Fenech aprirà al pubblico lo studio di suo nonno Frank Portelli nell’ambito di una performance il mese prossimo. Foto: Karl Andrew Micallef

TAMARA FENECH, nipote dell’artista Frank Portelli, spiega a Fiona Galea Debono perché invita il pubblico dietro le quinte di un pioniere dell’arte moderna a Malta.

Frank Portelli era un uomo riservato e dall'”energia tranquilla”, ma il suo approccio meticoloso alla documentazione della sua arte ha convinto la nipote Tamara Fenech a spalancare al pubblico le porte del suo antico studio.

A vent’anni dalla sua morte, gli spettatori del progetto interdisciplinare Frank u Jien (Frank e io) potranno dare uno sguardo alla mente di Portelli, co-fondatore del Circolo d’Arte Moderna di Malta nel 1951.

Il progetto, che ha registrato il tutto esaurito, si svolge nello studio-archivio dell’artista scomparso ad Attard tra il 15 e il 25 febbraio.

Portelli si è distinto non solo come artista ma anche come designer d’interni ed è diventato famoso per due importanti sviluppi artistici, noti come Cubismo cristallizzato e la serie dei Contorni.

La sua opera fondamentale è La Vie (1951), che raffigura un episodio cruciale della sua vita: la morte del padre in seguito a un intervento chirurgico mal riuscito sette anni prima.

L’artista ha lasciato un tesoro di tutta la sua vita, dai diari ai taccuini, dagli schizzi alle fotografie con didascalia, nel suo studio originale intatto sopra la casa che ha progettato.

“Siamo fortunati ad avere questo spazio. Purtroppo, dietro l’angolo ci sono molti edifici bellissimi, come quello dell’artista Emvin Cremona, che sono abbandonati”, ha detto Fenech.

Tamara Fenech racconta la vita e l’eredità di suo nonno Frank Portelli. Video: Karl Andrew Micallef

“Come famiglia, stiamo cercando di creare dei modelli per altri che facciano lo stesso, perché credo che ci siano molti archivi non sfruttati sull’isola”.

Non è il primo archivio privato che viene reso pubblico, ma è la prima volta che una famiglia prende l’iniziativa di farlo da sola, invece di donarlo a una fondazione.

Pur essendo un uomo molto riservato, l’approccio meticoloso di Portelli nel registrare ogni cosa era un segno che voleva esporlo, sostiene la nipote.

La Fenech ha un bel ricordo del nonno, morto quando lei aveva 12 anni.

Ha ammesso di aver avuto un conflitto interiore sull’opportunità di aprire lo spazio in cui lavorava, che ora ha trasformato nella sua casa.

è stata una delle mie sfide più grandi durante tutto il percorso di archiviazione degli ultimi tre anni, soprattutto ora che ci stiamo avvicinando alla mostra”.

Frank Portelli, co-founder of the Malta Modern Circle, at work. Photo: Frank Portelli/<strong>Facebook</strong>Frank Portelli, cofondatore del Malta Modern Circle, al lavoro. Foto: Frank Portelli/Facebook

“Continuo a pormi la domanda, che mi ha messo in ansia: come posso continuare a onorare lui e la sua natura tranquilla, selettiva e di alti principi, celebrando al contempo il suo lavoro?”.

Rimanere fedeli alla propria visione

Fenech è stata rassicurata da familiari e collaboratori sul fatto che lasciare un archivio come lui ha fatto significa che Nannu aveva intenzione di farne qualcosa.

“Controllerò sempre questo aspetto; non mi allontanerò troppo da ciò che è nannu … Non è stato in grado di promuovere se stesso nel modo che crediamo meritasse”.

“Non sono un esperto di archiviazione, ma con l’esperienza che ho avuto negli ultimi tre anni, capisco che aprire un archivio non sfruttato è un’esperienza enorme e scoraggiante per un membro della famiglia”, ha detto Fenech.

Nannu è morto 20 anni fa e solo ora possiamo condividere frammenti del suo archivio”, ha aggiunto.

Two of Frank Portelli's paintings in his style of Crystallised Cubism. Photo: Karl Andrew MicallefDue dipinti di Frank Portelli nel suo stile di Cubismo cristallizzato. Foto: Karl Andrew Micallef

“Quando un artista lascia questo mondo e il suo studio intatto, per la famiglia è un grande tributo emotivo”, ha detto Fenech.

Tra le altre sfide, c’è stata quella di trovare i fondi e l’energia necessaria per portare a termine il progetto.

Credo che ci siano molti archivi non sfruttati sull’isola”, ha dichiarato Tamara Fenech

“Sento che la serendipità mi ha portato qui; che Nannu mi ha letteralmente scelto e collocato”.

Il fatto che la sua famiglia fosse aperta alla sua idea è stata una grande spinta, ha detto Fenech.

Lo spazio sacro

Portelli trascorreva ogni singola ora di veglia nel suo studio, il suo “rifugio sicuro e spazio sacro”.

“Era pieno di cose dappertutto – un vero e proprio studio d’artista; super organizzato ma con quel disordine creativo che solo lui era in grado di capire dove fosse.

Some of the documents in the studio. Photo: Karl Andrew MicallefAlcuni dei documenti presenti nello studio. Foto: Karl Andrew Micallef

“Mi sono sempre sentito curioso e incuriosito da ‘cosa c’è in tutte queste scatole e su questi scaffali'”, ha detto.

“Ho sempre pensato che in questo spazio ci fosse molto di più del suo lavoro, e con l’archivio ora stiamo dimostrando che c’è molto di più della sua arte”.

Una cosa che il team ha capito dall’archivio è che Portelli e i suoi contemporanei volevano superare i limiti.

“Anche se stiamo parlando degli anni ’40 e ’50, vogliamo ancora le stesse cose: standard più elevati per il nostro Paese e che le cose cambino”, ha detto Fenech.

Nannu aveva la sensazione che Malta fosse sempre in ritardo, che dovesse mettersi al passo con il resto del mondo. Era preoccupato per il tempo: Sarebbe stato troppo tardi una volta che ci fossimo messi al passo? Capiva che eravamo in ritardo rispetto al resto del mondo”.

Quando si guarda un archivio, bisogna farlo nella sua interezza e vedere come una cosa porta all’altra; come le sue opere d’arte riflettono i pensieri del suo diario, ha detto Fenech.

Il progetto è stato avviato nel 2007, quando la ricercatrice e storica dell’arte Elizabeth Isabelle Borg ha svolto la sua tesi di master su Portelli e ha trascorso quattro anni nel suo studio, così come lo aveva lasciato alla sua morte nel 2004.

<img src="https://cdn-attachments.timesofmalta.com/235d41151cf3ebbc5475b35499096a3de96fddb7-1706957767-b2deaf77-1920×1280.jpg" width="630" height="354" title="Tamara Fenech with Frank Portelli’s seminal artwork La Vie (1951). Photo: Karl Andrew Micallef” alt=”Tamara Fenech with Frank Portelli’s seminal artwork La Vie (1951). Photo: Karl Andrew Micallef” />Tamara Fenech con l’opera fondamentale di Frank Portelli, La Vie (1951). Foto: Karl Andrew Micallef

Il suo archivio dimostra che, in un’epoca in cui gli artisti erano per lo più commissionati dalla Chiesa, Portelli si spingeva oltre i confini e portava la politica nella sua arte. Era un’epoca in cui una nuova generazione di artisti iniziava ad affrontare temi sociali e Portelli non si sottraeva a questo, perché l’arte doveva avere un significato.

I libri che leggeva erano sempre un po’ più “avanti”, così come le luci e i mobili che l’interior designer importava.

Colmare le lacune della storia dell’arte a Malta

Il prossimo spettacolo teatrale, Frank u Jien (Frank e io), ha lo scopo di portare Portelli al pubblico di oggi e non è solo un progetto personale.

“Sappiamo anche che quando si condivide un’opera così grande, c’è spazio per l’ispirazione di chi la riceve e si colmano anche le lacune sulla storia dell’arte a Malta, in particolare in quel periodo”, ha spiegato Fenech.

Frank Portelli’s studio was where he spent most of his life. Photo: Karl Andrew MicallefLo studio di Frank Portelli, dove ha trascorso la maggior parte della sua vita. Foto: Karl Andrew Micallef

Antoine Camilleri, Gabriel Caruana, Victor Diacono e un po’ più tardi Pawl Carbonaro erano tutti “giganti” di quell’epoca, ma Portelli era sempre il più riservato.

Frank u Jien è iniziata nel 2020, in vista del centenario di Portelli nel 2022, come progetto di ricerca e sviluppo, coinvolgendo il curatore Andrew Borg Wirth.

“Non volevo una mostra a pareti bianche con i suoi dipinti e un cartello che li spiegasse. Abbiamo quindi optato per un’opera site-specific in questo spazio. Mi ero appena trasferita, quindi non ero molto legata alla mia casa e questo mi ha aiutato”, racconta Fenech.

Il fulcro è l’inizio degli anni Cinquanta, quando Portelli era appena tornato da Londra, si era sposato, aveva avuto il suo primo figlio e aveva dipinto La Vie.

Sono stati scelti dieci manufatti che hanno contribuito alla stesura del copione e che faranno parte della scenografia – un intimo teatro a tutto tondo.

Lo spettacolo, che ha registrato il tutto esaurito, con la regia di Becky Camilleri e la sceneggiatura in maltese di Maria Theuma, si colloca a metà strada tra il teatro e la mostra, e il programma prevede anche un tour dell’archivio e una conferenza pubblica.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE