sabato, Marzo 2, 2024
HomeMalta'Feliċ avrà due giorni di fama': Un uomo dice agli amici di...

‘Feliċ avrà due giorni di fama’: Un uomo dice agli amici di aver condiviso un video sessuale virale

Il video hard diventato virale su Facebook è stato girato all’interno del club Luqa boċċi. Foto: Chris Sant Fournier

Un uomo accusato di aver filmato un commensale mentre faceva sesso con una donna al club Luqa boċċi avrebbe ammesso di aver condiviso il video senza il consenso della coppia, ma ha fatto finta di niente dicendo: “Feliċ avrà i suoi due giorni di fama”.

Mark Cachia Zammit, un fattorino 35enne di Birżebbuġa, ha postato questo commento in una chat di gruppo di Messenger dopo che il video di una scena di sesso, girato durante una cena, è diventato virale su Facebook.

L’intero episodio è stato oggetto di accuse penali in quanto principale sospetto dietro le riprese e la condivisione non consensuale del filmato, con i suoi compagni di tavolo convocati come testimoni oculari.

Gli avvocati di Cachia Zammit sostengono che l’uomo non aveva intenzione di fare del male alle presunte vittime, che avevano “tacitamente acconsentito” alle riprese.

Quando il processo è ripreso questa settimana, due amici dell’accusato che hanno assistito allo svolgersi degli eventi quella sera sono stati concordi nell’affermare che Feliċ “ha fatto ciò che ha fatto liberamente” e sembrava “godere dell’attenzione” dei suoi compagni di tavolo.

Ballavano “sempre più intimamente”

Uno dei testimoni ha ricordato di essere arrivato per ultimo al locale quella sera di settembre.

Era stato invitato da Cachia Zammit e quando arrivò, il resto del gruppo era già seduto, in attesa della cena.

Feliċ e la donna erano seduti accanto e “chiacchieravano normalmente”.

Prendendo un drink al bar, aspettò che gli antipasti fossero seguiti dalla portata principale e poi si unì agli altri al tavolo, sedendosi a un’estremità, di fronte al bar.

“Tutti chiacchieravano in piccoli gruppi al tavolo”, ha spiegato il testimone, che ha raccontato di essere stato al cellulare mentre mangiava.

All’improvviso ha sentito gridare.

feliċ e la donna stavano ballando intimamente con i vestiti addosso…”. Feliċ si stava godendo l’attenzione che stava ricevendo”, mentre gli altri al tavolo lo incitavano, ha spiegato.

La coppia è tornata ai propri posti e ha ripreso a ballare, con movimenti “sempre più intimi”.

forza Feliċ! Sei il re!”

“Feliċ sembrava trattenersi mentre lei lo incitava a togliersi i vestiti”, ha detto il testimone, sottolineando che in quel momento lui aveva scelto di concentrarsi sul cibo.

La donna ha condotto Feliċ verso un tavolo da biliardo, che era stato spostato per fare spazio al loro incontro, “e hanno fatto sesso lì” al grido di “vieni Feliċ! Sei il re!”.

Il testimone non era contento della svolta inaspettata degli eventi.

“Sono andato lì per mangiare e sono finito in tutto questo. Pensavo che sarebbe stato solo un pasto, un drink e poi sarei tornato a casa. Ho una ragazza”, ha spiegato il testimone, infastidito dalla seccatura in cui l’aveva cacciato il pasto con gli amici.

Un altro testimone oculare ha raccontato che la coppia “sembrava conoscersi”.

La donna – estranea al testimone – si era presumibilmente unita al gruppo di amici maschi mentre entravano nel locale.

“Sono finiti avvinghiati(gew kobba), abbracciati e baciati”, ha detto il testimone.

E man mano che la situazione si faceva più intima, aumentavano anche i commenti.

Alla domanda su chi ci fosse dietro quei commenti, il testimone ha detto di aver “riconosciuto la voce di Mark Cachia Zammit”.

Data l’angolazione delle riprese del video che è finito sui social media, il testimone ha affermato che la persona che filmava doveva essere Cachia Zammit.

feliċ avrà i suoi due giorni di fama

Quando il filmato è diventato virale la mattina seguente, i presenti al pasto sono rimasti scioccati e hanno affrontato l’imputato al riguardo, come ha sentenziato la corte.

“Tutti sono giunti alla stessa conclusione che l’aveva filmato”, ha detto il testimone.

In seguito, l’imputato avrebbe ammesso il suo errore in una chat di gruppo tra amici, ma ha fatto finta di niente dicendo: “Feliċ avrà i suoi due giorni di fama”.

Durante l’episodio sessuale, il proprietario del bar aveva ordinato alla coppia di fermarsi, dicendo loro di “uscire o andare in bagno”.

Ma quando i suoi ordini sono stati ignorati più volte, ha chiuso l’ingresso del locale ed è tornato a cucinare.

Interrogato sulla coppia al centro dell’attenzione, il testimone ha detto: “Feliċ ha fatto quello che ha fatto liberamente. Nessuno lo ha costretto”.

Inoltre, sembrava essere consapevole di essere ripreso perché “ha iniziato a posare e a salutare, consapevole delle riprese”.

“E la donna?”, ha chiesto il pubblico ministero. “Anche lei?”, ha risposto.

Interrogato dall’avvocato difensore Jason Azzopardi, il testimone ha confermato che anche lui aveva in mano il cellulare al momento dell’incidente.

Stava scorrendo casualmente perché, dopo un po’, aveva perso interesse per ciò che accadeva intorno a lui.

“Era in videochiamata?”, ha incalzato Azzopardi.

“Sì, perché qualcuno mi ha chiamato e io ho risposto. Lui [il chiamante] mi ha chiesto: ‘Cos’è tutto questo rumore?’ E io ho riattaccato”.

Il caso, presieduto dal magistrato Nadine Sant Lia, continua. L’accusa è affidata agli ispettori Paul Camilleri e Kurt Farrugia.

Gli avvocati Jason Azzopardi e Kris Busietta sono i difensori.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE