giovedì, Maggio 30, 2024
HomeMaltaCronacaIl responsabile del Consiglio Nazionale del Libro nega le accuse di Mark...

Il responsabile del Consiglio Nazionale del Libro nega le accuse di Mark Camilleri

Il presidente del Consiglio nazionale del libro, Mark Camilleri, ha negato le accuse del suo predecessore – che ha lo stesso nome – secondo cui il Consiglio starebbe discriminando la sua casa editrice.

Domenica pomeriggio, l’autore di Ġaħan Fl-Aqwa Żmien ha affermato che il Consiglio sta cercando di fornire risorse ai concorrenti e di sostenerli direttamente.

Camilleri gestisce una casa editrice indipendente, Dar Camilleri, lanciata nel 2021.

Ha dichiarato che Dar Camilleri non parteciperà all’annuale Malta Book Festival, che si terrà a ottobre, ma organizzerà una propria serie di eventi librari negli stessi giorni.

Dar Camilleri, ha detto, cercherà anche di ricorrere alle vie legali per chiedere al Consiglio danni materiali.

In una risposta alle domande, l’attuale responsabile del Consiglio ha dichiarato a Times of Malta che il Consiglio offre le stesse opportunità a tutti gli interessati.

Il Consiglio Nazionale del Libro smentisce categoricamente tutte le accuse mosse da Dar Camilleri e continuerà a offrire le stesse e pari opportunità a tutti gli attori del settore per quanto riguarda i fondi, le iniziative, la partecipazione a livello locale e all’estero, ai festival e alle fiere del libro“, ha dichiarato.

Il suo predecessore ha anche affermato che l’attuale presidente non ha esperienza nel settore e non ha competenza. Ha chiesto che si dimetta con “effetto immediato“.

Il capo del Consiglio ha detto di non avere altro da aggiungere.

Non è la prima volta che l’ex presidente attacca il suo omonimo. Già nel 2021 Camilleri aveva sostenuto che gli era stato negato un incarico poiché il Consiglio, allora appena nominato, era pieno di lealisti del Partito Laburista.

Allora disse che il suo successore non permetteva che il suo romanzo, allora in uscita, venisse pubblicato sul sito web del Consiglio a causa delle “accuse” che conteneva.

Il nome dell’ex presidente è finito sui giornali nelle ultime settimane dopo aver pubblicato le trascrizioni di alcuni messaggi tra Rosianne Cutajar e l’uomo d’affari Yorgen Fenech. I messaggi mostravano che i due erano intimi e in rapporti molto stretti.

Camilleri vive attualmente fuori Malta e la polizia ha ordinato di procedere contro di lui per aver pubblicato i messaggi in violazione di un’ordinanza del tribunale.

Camilleri è anche l’autore di “A Rent Seeker’s Paradise“, che ha suscitato polemiche quando è stato messo in vendita nel 2021. Il libro critica il governo laburista e i suoi legami con la corruzione e il malgoverno.

Nella stessa pubblicazione Camilleri ha affermato che Cutajar ha avuto una relazione con Fenech per favorire la sua carriera politica e che ha ricevuto da lui “denaro corrotto“.

Cutajar ha citato in giudizio Camilleri per queste affermazioni.

Settimane dopo la pubblicazione delle chat e delle polemiche, all’inizio di questo mese. La candidata mantiene il suo seggio parlamentare come indipendente.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Donald Trump condannato per tutti i 34 capi d’accusa nel processo per il denaro sporco

Donald Trump è stato condannato per tutti i capi d'accusa nel processo per l'uso di denaro sporco. Foto: AFPUna giuria di New York ha...