domenica, Febbraio 25, 2024
HomeMaltaCiantar: "Sono un danno collaterale in una montatura contro Fearne"

Ciantar: “Sono un danno collaterale in una montatura contro Fearne”

Una stretta collaboratrice politica di Chris Fearne afferma di essere vittima di una montatura in una “sporca campagna” per screditare il vice primo ministro.

Carmen Ciantar si è dimessa dal suo ruolo di amministratore delegato della Foundation for Medical Services (FMS), poche ore dopo che sono emerse denunce di corruzione da parte dei media pakistani.

In seguito sono emerse altre affermazioni su un sito web con sede a Bruxelles che collegano un presunto pagamento di 3,2 milioni di euro da parte di un acquirente di passaporti russo alla figlia di Ciantar, come parte di una presunta tangente a Fearne.

L’articolo su EU Reporter è stato nel frattempo cancellato.

In un’intervista scritta a Times of Malta, Ciantar ha dichiarato che chiunque sia dietro la campagna sta cercando di incastrare contemporaneamente lei, sua figlia e il ministro della Salute.

“È chiaro che io e mia figlia siamo un danno collaterale. Questa è davvero una campagna sporca per cercare di screditare il vice primo ministro, per il quale ho avuto l’onore di lavorare e della cui integrità non mi ha mai dato motivo di dubitare”.

Ciantar è uno stretto collaboratore politico di Fearne, avendo guidato con successo la sua campagna per la leadership laburista nel 2017.

Pakistan Today ha affermato che Ciantar ha ricevuto 443.500 euro di pagamenti da una società legata a Vitals Global Healthcare (VGH).

A VGH è stata affidata la gestione degli ospedali St Luke’s, Karin Grech e Gozo nel 2015, un anno prima della nomina di Ciantar a CEO di FMS.

La fondazione gestisce progetti sanitari a Malta.

“Non ho ricevuto un soldo da nessuno”

Ciantar afferma che le affermazioni sono una completa menzogna, poiché non ha mai ricevuto un centesimo da nessuno coinvolto nell’affare degli ospedali.

Dice di aver incontrato l’allora direttore della VGH Ram Tumuluri solo una volta “brevemente dopo l’aggiudicazione della gara d’appalto”, e di non aver mai incontrato nessun altro legato a Vitals.

L’appalto è stato assegnato a VGH nel 2015, mentre Ciantar ha assunto il ruolo di responsabile di FMS solo l’anno successivo.

Ciantar era a capo dell’agenzia di fatturazione ARMS di Enemalta, che all’epoca era sotto la responsabilità dell’ex ministro della Salute e dell’Energia Konrad Mizzi.

La donna afferma che Mizzi non l’ha mai coinvolta nell’appalto dell’ospedale, né prima né dopo l’aggiudicazione della gara al VGH.

Nonostante sia stato privato del suo portafoglio sanitario a causa dello scandalo dei Panama Papers del 2016, l’ex primo ministro Joseph Muscat ha mantenuto il controllo generale del contratto e del progetto degli ospedali da parte di Mizzi.

A febbraio, l’accordo VGH/Steward hospitals è stato annullato da un tribunale civile per frode e un’indagine penale si è concentrata su una pista di denaro sospetto che porta a Muscat.

Pochi giorni dopo che le accuse di tangenti al VGH sono emerse su Pakistan Today, un articolo di EU Reporter ha affermato che la figlia di Ciantar, Celine, ha ricevuto un pagamento multimilionario da un acquirente di passaporti russo.

Secondo l’articolo, che nel frattempo è stato cancellato, il pagamento era destinato a Fearne.

Ciantar says her daughter Celine (right) has also been dragged into the ‘dirty campaign’.
Ciantar afferma che anche sua figlia Celine (a destra) è stata trascinata nella “sporca campagna”.

“La verità sta vincendo”

Ciantar afferma che chi è dietro questa “sporca campagna” ha cercato di incastrarla, senza riuscirci.

“Poi hanno tentato di incastrare mia figlia e hanno fallito di nuovo. La verità sta vincendo e continuerà a farlo”.

Proprio come tutte queste “brutte accuse”, Ciantar dice che l’affermazione contro sua figlia è un’altra assoluta e totale menzogna.

Mia figlia non ha un conto bancario all’estero, non l’ha mai avuto, non ha mai ricevuto fondi dal russo che lei ha menzionato e non ha mai sentito parlare di lui”.

Le affermazioni di Ciantar su una montatura portano naturalmente a chiedersi chi ci sia dietro.

L’articolo di EU Reporter cancellato conteneva persino una copia di un documento che mostrava il trasferimento di 3,2 milioni di euro alla figlia di Ciantar.

Ciantar si rifiuta di puntare il dito contro qualcuno, attribuendo invece ai tribunali, alla polizia e ai giornalisti l’onere di andare a fondo della questione.

“Tutto ciò che dirò è che chiunque stia facendo questo ha dovuto ricorrere a siti web stranieri estremamente dubbi o anonimi per commettere questi atti turpi, maligni e criminali”.

“Inoltre, sono delusa dal fatto che coloro che per anni hanno parlato a gran voce di Stato di diritto siano improvvisamente diventati silenziosi quando queste montature cristalline sono ormai sotto gli occhi di tutti”.

Ciantar si è rivolta al commissario di polizia Angelo Gafà, implorandolo di indagare sulle affermazioni che la riguardano.

Ha anche chiesto di testimoniare nell’inchiesta giudiziaria in corso sugli affari del VGH e di Steward.

L’avrei fatto se avessi avuto qualcosa da nascondere?

Ciantar afferma che né la polizia né il magistrato le hanno ancora parlato.

“Come cittadina di una democrazia europea, mi aspetto che le istituzioni scoprano la verità, arrestino i colpevoli e facciano giustizia”.

Ciantar dice che nel momento in cui la prima “montatura” è apparsa sul sito pakistano, si è autosospesa dal suo incarico e ha chiesto al commissario di polizia di indagare su di lei.

“L’avrei fatto se avessi avuto qualcosa da nascondere? Il mio messaggio a queste forze oscure che stanno dietro a tutto questo è semplice: Ho fatto luce su di voi. Ora tocca alla polizia, ai veri giornalisti e ai tribunali trovarvi e stanarvi”.

Spiegando il motivo della sua “autosospensione”, Ciantar dice di aver scelto questa strada sia per poter difendere la sua integrità sia per agire nell’interesse del vice primo ministro e del governo nel suo complesso.

Alla domanda su cosa le servirà per tornare a ricoprire il suo ruolo, Ciantar ha rifiutato di rispondere, affermando di credere fermamente nel giusto processo e che, pertanto, si asterrà dal commentare ulteriormente la questione.

“Quando ho informato il vice primo ministro della mia decisione di autosospendermi, lui ha convenuto che era la cosa giusta e onorevole da fare, aggiungendo che ritiene di non dubitare della mia integrità”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...