martedì, Maggio 28, 2024
HomeMaltaCi avevano avvertito: le persone che avevano previsto il futuro di Malta...

Ci avevano avvertito: le persone che avevano previsto il futuro di Malta mezzo secolo fa

La lettera originale e firmata dell’arcivescovo Michael Gonzi, inviata a Din l-Art Ħelwa nel luglio 1965. Foto: Chris Sant Fournier, per gentile concessione di Din l-Art Ħelwa

Negli ultimi decenni, Malta è stata avvertita, con notevole precisione, di come il paesaggio e la cultura del Paese sarebbero cambiati. Jael Micallef e Mark Laurence Zammit si immergono in lettere e poesie contenenti queste previsioni.

Nel luglio del 1965, l’allora arcivescovo Michael Gonzi mise nero su bianco il monito secondo cui “Malta deve rimanere Malta” se vuole essere “amata dai suoi cittadini e ammirata dagli stranieri”.

Scriveva in un’epoca in cui il Paese era più tranquillo, più verde, più rurale e meno popolato ma, a distanza di più di 60 anni, le sue parole appaiono stranamente profetiche.

“Questi [stranieri] non vengono qui per trovare un’altra giungla d’asfalto, perché ne hanno già abbastanza nelle loro terre. Malta non può essere trasformata in un’altra metropoli perché ce ne sono già abbastanza altrove”, scriveva.

“Le esigenze della vita moderna e dei bisogni economici devono fondersi con lo skyline e il litorale, con il paesaggio e le dimensioni delle isole, in modo che non vi siano sproporzioni o disarmonie”.

Gonzi scriveva ai membri fondatori di una nuova ONG ambientalista, Din l-Art Ħelwa, congratulandosi per i loro sforzi e sottolineando i valori da proteggere.

“Malta non può essere trasformata in un’altra metropoli”.

Nonostante le sue preoccupazioni, lo skyline di Malta è cambiato rapidamente e l’asfalto si è esteso ulteriormente, così come la popolazione in crescita e le sue esigenze economiche.

L’estratto del discorso di Gonzi è stato condiviso di recente nelle chat di WhatsApp, ma non è stato l’unico a vedere il futuro prima di tutti gli altri e a mettere in guardia la gente.

Il miracolo del cemento

Quasi mezzo secolo fa, il poeta ed ecclesiastico Marjanu Vella lanciò un avvertimento sul cemento, che all’epoca stava prendendo d’assalto il mondo delle costruzioni, in quello che ironicamente definì “il miracolo del cemento”.

Affermava che avrebbe cambiato drasticamente e permanentemente il volto degli iconici edifici in pietra calcarea di Malta, larghi e bassi.

Nella sua poesia del 1975 Ħitan tas-Sejjieħ (Muri di macerie), prendeva sarcasticamente in giro le tradizionali case a schiera maltesi, paragonandole a donne grasse, grassocce, basse e poco attraenti “senza senso della figura”, in contrasto con i moderni edifici alti e magri che assomigliano a donne affascinanti.

A prima vista, la poesia sembra celebrare la tecnologia del cemento, ma le sfumature nelle sue descrizioni degli stili di costruzione rivelano chiaramente che Vella stava criticando i progetti moderni, che possono sembrare attraenti a breve termine, ma non sono all’altezza del carattere e dell’identità dello stile tradizionale delle vecchie case maltesi.

Una ricca discarica di rifiuti

Nel 2001, il cantautore Walter Micallef è stato in qualche modo profetico in un’opera letteraria da lui prodotta, in cui ha cercato di prevedere come sarebbe stata Malta nel 2020.

Elfejn u Għoxrin (Duemilaventi) prevede che i maltesi saranno molto più ricchi, ma la terra, un tempo dolce, diventerà “una discarica”.

Le belle facciate nasconderanno ciò che è decaduto all’interno, i bambini nasceranno già faticando a respirare, la pioggia sarà acida, il mare contaminato e il pesce che mangiamo avvelenato, ha predetto.

E coloro che hanno rovinato il Paese fuggiranno verso pascoli più belli all’estero con le loro famiglie e gli amici che hanno contribuito a seminare divisione e odio. Nel frattempo, il resto della popolazione sarà destinata a rimanere a casa, sperando in un futuro migliore, ha scritto.

La finestra azzurra e Air Malta

Su una nota più divertente, l’autore e docente universitario Michael Spagnol sembrava prevedere eventi specifici in una scenetta comica scritta per il suo spettacolo Kelma Kelma Nota Nota nel 2016.

Predisse che la Finestra Azzurra di Gozo si sarebbe “aperta come la porta della città di Renzo Piano”, solo sette mesi prima che l’iconica formazione rocciosa crollasse completamente in mare durante una tempesta invernale.

Aveva anche previsto che la Laguna Blu di Comino sarebbe stata ricoperta di cemento per dare agli operatori lo spazio per mettere le loro sedie a sdraio. Anche se non è stata ricoperta di cemento, gli attivisti spesso criticano gli operatori della Laguna Blu per aver monopolizzato l’area, e il popolare luogo turistico è stato al centro di polemiche due anni fa, quando gli attivisti ambientalisti sono scesi sull’isola e hanno rimosso le sedie a sdraio per protesta.

Spagnol ha anche previsto che Air Malta forse non sarebbe più esistita e, pur non prevedendo la nascita del suo sostituto – KM Malta Airlines – ha aggiunto che Ryanair forse sarebbe diventata la compagnia aerea nazionale.

Ed è quasi esattamente quello che l’amministratore delegato di Ryanair, Michael O’Leary, ha dichiarato a Times of Malta in un’intervista dell’anno scorso: la compagnia aerea irlandese è diventata la compagnia aerea nazionale “non ufficiale”.

Dove hanno sbagliato

Tuttavia, anche se avevano visto il futuro con precisione, non tutto ciò che segnalavano si è avverato.

Nella sua lettera al Din l-Art Ħelwa, ad esempio, l’arcivescovo Gonzi aveva anche avvertito che i nuclei dei villaggi maltesi e i monumenti nazionali avrebbero potuto “cadere in rovina” e perdere il loro valore se non fossero stati preservati.

“I nostri villaggi non devono essere sventrati, il tocco semi-orientale di molti luoghi deve essere rispettato”, aveva scritto nella stessa lettera.

Negli ultimi decenni, i governi sono riusciti in larga misura – attraverso i fondi dell’UE, le politiche di pianificazione e gli schemi finanziari – a conservare il carattere dei centri delle città e dei villaggi e hanno investito milioni di euro nella conservazione e nel restauro di tutti i tipi di edifici antichi – dai templi neolitici, alle case d’albergo, ai teatri, alle chiese e persino alle case residenziali.

Allo stesso modo, nel 1904, lo studioso tedesco Theodor Nöldeke aveva previsto che “la lingua maltese rimarrà probabilmente con noi per molto tempo, anche se è quasi certo che un giorno lascerà il posto all’italiano”.

Questo non è successo. Ancora.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

In immagini: Muscat, Schembri e Mizzi elogiati mentre affrontano accuse di corruzione

Muscat è stato sommerso quando è entrato in tribunale. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat, Keith Schembri e Konrad Mizzi hanno ricevuto un'accoglienza da eroi quando...