Cantare in maltese potrebbe far guadagnare più punti all’Eurovision? Gli esperti pensano di sì

Crediti: Facebook The Busker/ Dean Vuletic e Irving Wolther

Gli accademici dell’Eurovision hanno consigliato a Malta di uscire dalla sua “zona di comfort” e di provare a competere con una canzone maltese autentica e che attiri maggiormente l’attenzione e che rifletta la cultura del Paese.

L’Europa – e l’Australia – avranno gli occhi puntati su Liverpool sabato sera, quando il Regno Unito ospiterà la Gran Finale dell’Eurovision Song Contest 2023.

Uno dei 26 partecipanti sarà incoronato vincitore del concorso, ma Malta non ha alcuna possibilità di farcela dopo che il suo brano non ha superato la fase delle semifinali.

È il secondo anno consecutivo che Malta non riesce a superare la fase finale. Anche l’anno scorso la canzone di Emma Muscat si è fermata in semifinale.

“Voglio elogiare questi ragazzi (The Busker), hanno fatto un ottimo lavoro nel rappresentare Malta, nell’interagire con i media e nel complesso sono molto affascinanti”, ha dichiarato Dean Vuletic a Times of Malta.

il professore Vuletic, docente e ricercatore di storia europea contemporanea all’Università di Vienna, è soprannominato il “professore del concorso canoro” e ha scritto anche un libro intitolato “Postwar Europe and the Eurovision Song Contest”.

Pur trovando la performance dei The Buskers colorata ed energica, Vuletic ha affermato che non è stata autentica.

“Pur avendo prodotto la loro canzone, i Busker non sono riusciti a far emergere il significato di essere maltesi”, ha detto.

“Non c’era nulla di maltese, né in termini di lingua né di cultura, ed è stata spazzata via tra un mare di altre canzoni pop in lingua inglese cantate da altri giovani cantanti maschi”.

The Busker trio after their semi-final performance on Tuesday. Photo: The BuskerIl trio Busker dopo la semifinale di martedì. Foto: The Busker

Ha sottolineato come anche altri due concorrenti, la Lettonia e l’Irlanda, fossero gruppi maschili che cantavano in inglese. I due Paesi si sono esibiti nella stessa semifinale di Malta e, proprio come Malta, non sono riusciti ad arrivare in finale.

Anche Irving Wolther, accademico tedesco e giornalista di Eurovision.de, ha condiviso le stesse considerazioni.

“È la prima volta in molti anni che mi piace la voce di Malta”, ha detto.

“Sebbene la semifinale sia stata collocata in una posizione molto difficile, sono deluso che Malta non sia arrivata in finale”.

Detto questo, Wolther, che nel 2006 ha scritto il primo dottorato sull’Eurovisione, ritiene che Malta, ancora una volta, non abbia mostrato i suoi veri colori.

“Ho la sensazione che Malta stia cercando disperatamente di giocare un ruolo, dimenticando le sue radici. L’Eurovisione consiste nel mettere in mostra il proprio Paese”, ha detto.

Wolther is currently in Liverpool to attend the Eurovision Song Contest. Photo: Irving WoltherWolther si trova attualmente a Liverpool per partecipare all’Eurovision Song Contest. Foto: Irving Wolther

Ripensando ai precedenti concorrenti maltesi, ha detto che ci sono stati molti bravi interpreti, ma nessuna delle canzoni si è distinta.

“Destiny, ad esempio, è un’artista fantastica, ma la sua canzone è intercambiabile, chiunque avrebbe potuto cantarla. Malta deve uscire dalla sua zona di comfort”.

Una canzone maltese sulla migrazione?

Entrambi gli esperti hanno fornito lo stesso messaggio di consiglio: competere con una canzone maltese.

“Bisogna essere memorabili tra 37 canzoni”, ha detto Vuletic.

Egli sottolinea che la tendenza a cantare in inglese è cambiata e ha sottolineato che i Paesi che hanno cantato nella loro lingua nazionale sono passati alla finale.

“I tempi sono cambiati e credo che cantare in maltese attirerebbe maggiormente l’attenzione”.

Wolther è d’accordo.

“Pochissime persone conoscono il maltese e questa sarebbe una piattaforma fantastica per promuovere questa bellissima lingua”, ha detto.

La chiave per catturare l’attenzione del pubblico non è la lingua, ma la sensazione che la canzone suscita e Wolther ritiene che la lingua e il suono maltese lo farebbero in modo interessante.

L’ultima volta che Malta ha gareggiato con una canzone maltese è stato nel 1972, quando Helen e Joseph hanno cantato “L-Imħabba”, piazzandosi all’ultimo posto della competizione.

Wolther ha detto che l’Eurovision può essere una piattaforma per i Paesi per inviare un messaggio forte con mezzi creativi.

“Quali sono i temi rilevanti per Malta? Immaginate una canzone maltese sulla questione dei migranti: se fosse fatta nel modo giusto, catturerebbe l’attenzione della gente”.

Wolther ha detto che l’Eurovision non dovrebbe essere visto come un trampolino di lancio per gli artisti, ma piuttosto come un mezzo per promuovere il proprio Paese.

Vuletic ha affermato che non si tratta necessariamente di vincere, ma di mostrare la cultura del Paese.

“È tutta una questione di autenticità, è questo che la gente vuole ora”.

Il consiglio dei due esperti è in contrasto con quello di un altro accademico, che ha avuto a che fare con i vincitori.

Glenn Fosbraey dell’Università di Winchester ha notato che degli ultimi 20 vincitori dell’Eurovision Song Contest, 17 sono stati cantati in inglese, 17 parlano di relazioni, 13 hanno usato la parola “amore” e tutti e 20 hanno ripetuto i ritornelli.

Vuletic ha osservato che i due migliori piazzamenti di Malta all’Eurovision, nel 2002 con Chiara e nel 2005 con Ira Losco, sono stati entrambi ottenuti con canzoni in inglese, ma ha sostenuto che da allora le tendenze si sono evolute.

“Hanno cantato canzoni pop in lingua inglese, ma è stato più di 20 anni fa, e lo stile dell’Eurovision è cambiato da allora”.

Non un gioco di numeri ma di attenzione

Sebbene i dati dimostrino che i Paesi più piccoli fanno fatica a farsi votare dagli altri Paesi partecipanti, entrambi gli esperti ritengono che la competizione non sia solo una questione di voti.

“Non è un gioco di numeri, ma un gioco di attenzione”, ha detto Wolther.

Vuletic ha detto che non sono solo i voti dei Paesi vicini a determinare il voto finale.

“Guardate il Regno Unito, ad esempio: l’anno scorso è tornato con il botto, ma negli anni precedenti per un po’ di tempo non era andato così bene”, ha detto.

Discussione nazionale su come Malta rappresenta l’Eurovisione

Sia Vuletic che Wolther ritengono che Malta abbia bisogno di una discussione nazionale tra le principali parti interessate per capire come Malta debba rappresentarsi all’Eurovision Song Contest.

“Che cosa si vuole ottenere? Credo che l’emittente televisiva, l’industria del turismo e l’industria musicale dovrebbero riunirsi e discutere su cosa vogliono ottenere dall’Eurovision”, ha detto Vuletic.

“Volete vincere? O solo promuovere la cultura nazionale, attraverso l’uso del maltese? Si vuole una canzone di protesta che attiri l’attenzione e susciti discussioni?”.

D’altra parte, Wolther ritiene che Malta abbia bisogno di una maggiore varietà nei suoi generi musicali e nel suo Festival nazionale dell’Eurovisione.

“Guardando il festival, vedo sempre le stesse ballate cantate da donne, che hanno voci meravigliose, ma le canzoni sono piatte”.

“L’Eurovision significa essere orgogliosi di ciò che si è e non essere come gli altri. Si tratta di essere orgogliosi della canzone che hai scelto e, a un certo punto, questo orgoglio sarà compreso dall’Europa”.