mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeMaltaNuove testimonianze sul tragico incidente in moto di Mdina

Nuove testimonianze sul tragico incidente in moto di Mdina

Marie Claire Lombardi è morta quando la sua moto ha sbandato su dei resti di olive che si ritiene siano caduti da un furgone.

Un autista ha descritto alla polizia di aver visto un “uomo con i capelli bianchi” raccogliere una cassa di Pitkalija caduta pochi minuti prima che la motociclista sbandasse su delle olive rovesciate nello stesso punto e morisse a causa delle ferite riportate, ha dichiarato un tribunale.

Il resoconto √® stato fornito da un sergente di polizia durante la compilazione delle prove contro l’autista del furgone, Joseph Cortis, 79 anni, che si dichiara non colpevole per l’omicidio involontario della motociclista.

Il sergente della stazione di polizia di Rabat ha testimoniato che il 26 ottobre, quattro giorni dopo l’incidente, ha ricevuto una telefonata da una donna che le ha spiegato che stava passando davanti all’incrocio tra la strada di Rabat e la strada che porta a Buqana, quando ha notato una cassa di Pitkalija sulla strada.

Ha anche notato un furgone blu fermo che rallentava il traffico.

La testimone oculare ha descritto un “uomo dai capelli bianchi” che si √® chinato per raccogliere la cassa.

Il giorno dell’incidente, l’agente ha raccontato di essere appena arrivata alla stazione di polizia di Rabat, in servizio notturno dalle 18:30, quando sono arrivate le chiamate per l’incidente nella zona “tańßt l-Imdina” (sotto Mdina).

Si è precipitata sul posto con un collega e ha trovato la moto della vittima sulla strada che porta a Buqana. Marie Claire Lombardi era già stata portata in ospedale.

La trafficata strada è stata chiusa con il nastro della polizia.

L’agente ha detto di aver notato “una specie di materiale a terra” che, a un esame pi√Ļ attento, si √® rivelato essere “resti di olive“.

La poliziotta ha fotografato il materiale con il suo cellulare e ha immediatamente informato i suoi superiori.

Le immagini saranno mostrate in tribunale nella prossima seduta.

Le informazioni provenienti dall’ospedale indicavano che la vittima era in condizioni critiche e in pericolo di vita.

Il sergente ha cercato di identificare la motociclista per poter informare i suoi parenti prima che venissero a conoscenza dell’incidente attraverso altre fonti.

Si è quindi recata a casa della vittima, dove il marito di Marie Claire, Aldo, le ha aperto la porta. In seguito lo ha accompagnato in ospedale.

All’arrivo, un medico ha dato la notizia che Marie Claire non ce l’aveva fatta, ha ricordato la testimone, mentre il marito della vittima √® scoppiato a piangere in tribunale, confortato dai parenti, tra cui la cognata, presenti all’udienza.

Sotto il controinterrogatorio dell’avvocato della difesa, il testimone ha detto che la “macchia” di olive schiacciate si trovava sulla strada di ń¶emsija.

C’erano due chiazze di dimensioni considerevoli. Quando le √® stato chiesto di fornire una stima approssimativa delle loro dimensioni, ha detto che erano pi√Ļ grandi della circonferenza del banco dei testimoni, ma che avrebbe potuto produrre le foto che aveva scattato quel giorno.

Il tribunale deve fissare un sopralluogo sulla scena dell’incidente.

Il caso proseguir√† in ottobre. L’ispettore Roderick Attard ha condotto l’accusa. L’avvocato Patrick Valentino era il difensore. L’avvocato Arthur Azzopardi √® comparso come parte civile.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

La capitale indiana registra la temperatura pi√Ļ alta di sempre, 49,9 gradi Celsius

Un bambino gioca con l'acqua durante una calda giornata estiva a Chennai il 28 maggio 2024. Foto: R.Satish Babu / AFPLe temperature nella capitale...