mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeMaltaAttualitàUomo scagionato per maltrattamento di animali

Uomo scagionato per maltrattamento di animali

Un uomo è stato scagionato dall’accusa di maltrattamento di animali dopo che non è stato dimostrato un legame materiale tra l’imputato e due cavalli denutriti in una fattoria di Gudja dove viveva il padre dell’imputato.

Le indagini del Dipartimento per la protezione degli animali sono state avviate da una segnalazione sui due animali che sarebbero stati tenuti nella fattoria “in cattivo stato di salute”.

Il 1° maggio 2022, due agenti della protezione animali hanno chiamato Oswald Scicluna, un 50enne residente a Luqa, chiedendo di ispezionare la fattoria quella sera.

Scicluna ha risposto alla richiesta di controllo e ha accompagnato gli agenti che si sono imbattuti nei due cavalli che, sebbene piuttosto magri, sembravano in buona salute, mentre galoppavano e saltavano.

I cavalli non erano legati, ma vagavano nel loro recinto che aveva un pavimento sabbioso e un ampio spazio, con accesso a stanze con porte aperte in modo che gli animali potessero ripararsi all’interno.

Avevano cibo e acqua, ma non lettiere.

Durante l’ispezione, Scicluna ha dichiarato che i cavalli avevano più di 13 anni.

Li nutriva quotidianamente e somministrava loro anche pillole per la sverminazione, ma non ricordava quando aveva chiamato il veterinario per l’ultima volta.

Dopo aver chiamato il loro superiore, gli agenti hanno confiscato gli animali che sono stati portati al RMJ Horse Rescue ed esaminati da un veterinario che ha confermato che, sebbene non soffrissero di particolari malattie, erano denutriti, sottopeso e privi di cure di base.

Sono stati sverminati, gli sono stati puliti i denti, gli sono state somministrate vitamine e sono stati lasciati riposare.

Nel giro di poche settimane le loro condizioni sono migliorate.

Sono state emesse delle denunce penali contro Scicluna per presunta crudeltà verso gli animali e per non aver fornito ai cavalli un trattamento adeguato in termini di legge.

L’imputato si è dichiarato non colpevole.

Le dichiarazioni rilasciate durante il controllo a campione sono state scartate

Nel pronunciare la sentenza, la corte, presieduta dal magistrato Rachel Montebello, ha scartato le dichiarazioni rilasciate dall’imputato durante il controllo a campione quando, pur essendo considerato un sospetto, non gli era stato riconosciuto il diritto di chiedere un parere legale.

Era chiaro che, in quella fase, Scicluna era considerato un sospetto e che le indagini erano in corso nei suoi confronti.

Pertanto, i funzionari dell’assistenza sociale avrebbero dovuto avvertirlo del suo diritto di rimanere in silenzio e di non rispondere a domande che avrebbero potuto incriminarlo.

Invece, affermando di essersi preso cura dei cavalli, si è assunto la responsabilità di questi ultimi facendo dichiarazioni che avrebbero potuto, e di fatto lo hanno fatto, portare a un’azione penale nei suoi confronti.

Alla luce della giurisprudenza consolidata, il tribunale ha scartato tali dichiarazioni poiché erano state rilasciate senza che l’imputato fosse assistito legalmente.

Anche se la confessione extragiudiziale fosse stata considerata come prova, l’accusa avrebbe dovuto produrre ulteriori prove per confermarla.

Tuttavia, una volta considerato tutto, la corte non ha trovato alcuna prova che collegasse l’imputato ai cavalli.

A parte il fatto che la fattoria apparteneva al padre dell’imputato, deceduto pochi mesi dopo l’ispezione, non c’era nulla che collegasse Scicluna agli animali.

Sebbene fosse la persona che aveva risposto alla chiamata della Protezione Animali, non era chiaro come il dipartimento avesse ottenuto il suo numero né perché fosse indicato come il “proprietario” del luogo in cui erano tenuti i cavalli.

Il fatto che si sia recato sul posto non è sufficiente per imporre obblighi all’imputato in termini di legge.

La legge parla di responsabilità per gli animali, non per il luogo in cui sono tenuti.

Gli avvocati dell’imputato hanno prodotto prove che il padre aveva vissuto lì per anni e aveva anche una licenza per allevare mucche, capre e pecore.

Il fratello dell’imputato ha testimoniato che il padre ha vissuto nella casa colonica fino alla sua morte e che i cavalli appartenevano a lui.

Alla luce di queste prove, la corte ha concluso che l’accusa non aveva provato a sufficienza che l’imputato fosse legato alla fattoria e soprattutto ai cavalli.

A parte le sue dichiarazioni agli agenti della protezione civile, che non sono state ammesse come prova, non c’era alcun legame materiale tra l’imputato e i cavalli.

Questo era uno degli elementi che costituivano i reati di cui era accusato e quindi la corte ha pronunciato un’assoluzione.

Gli avvocati Arthur Azzopardi e Charlton Falzon Cascun erano i difensori.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Blog in diretta: Fearne, Scicluna in tribunale nel secondo giorno del caso dello scandalo ospedaliero

Ospedale St. Luke. Due ex ministri e tre segretari permanenti dovranno affrontare le accuse relative allo scandalo degli ospedali mercoledì, quando il tribunale di...