Malta-Svizzera: passaggio di testimone per la Presidenza del Consiglio di Sicurezza dell’ONU

Nel corso di un incontro ufficiale in Svizzera, il Ministro degli Affari Esteri ed Europei e del Commercio Ian Borg ha condiviso con la Svizzera le esperienze e gli insegnamenti che il Paese ha maturato durante la Presidenza del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite dello scorso febbraio. La Svizzera è l’unico Paese del continente europeo, oltre a Malta, ad essere stato eletto in questo Consiglio per il mandato 2023-2024. Il Ministro Borg, durante un incontro bilaterale con il Ministro degli Affari Esteri svizzero Ignazio Cassis, ha sottolineato come Malta voglia continuare ad essere un partner onesto a favore della pace e della sicurezza.

Alla luce del fatto che il prossimo maggio la Svizzera presiederà la Presidenza del Consiglio, la discussione è stata quindi finalizzata ad approfondire la collaborazione tra i due Paesi. Durante l’incontro la Svizzera ha anche presentato le sue priorità per questo mandato.

Durante l’incontro si è discusso anche delle relazioni bilaterali tra i due Paesi. “Dopo aver ottenuto dalla Svizzera, verso la fine dello scorso anno, un finanziamento di oltre 3,5 milioni di euro per rafforzare il settore sanitario, oggi cerchiamo di far crescere ulteriormente e ampliare il forte potenziale turistico che già esiste tra i due Paesi”, ha sottolineato il Ministro Ian Borg. Ha inoltre sottolineato che Malta è ben nota in Svizzera come una delle migliori destinazioni per l’apprendimento dell’inglese e che quindi questa collaborazione dovrebbe continuare ad essere rafforzata.

I due ministri hanno anche discusso della Fondazione Diplo, una ONG congiunta dei due Paesi che si occupa di politiche per i piccoli Stati in via di sviluppo. Sia Malta che la Svizzera hanno mostrato il loro impegno affinché questa fondazione venga ulteriormente rafforzata e continui a svolgere un ruolo determinante nell’elaborazione della politica estera.

Da parte sua, il Ministro degli Affari Esteri svizzero Ignazio Cassis ha elogiato Malta per come ha gestito la sua Presidenza lo scorso febbraio e ha dichiarato che non vede l’ora di continuare a lavorare su quanto di buono è stato fatto, durante il prossimo mese. Ha dichiarato che la Svizzera si concentrerà sul tema della pace sostenibile e che, come Malta, è un Paese neutrale.

Si è discusso anche della situazione in Ucraina, del ruolo delle donne per la pace e la sicurezza, del cambiamento climatico, dell’immigrazione e delle relazioni tra l’Unione Europea e la Svizzera.