domenica, Aprile 14, 2024
HomeMaltaAttualitàL'UE decide di aumentare l'uso delle energie rinnovabili: le conseguenze per Malta

L’UE decide di aumentare l’uso delle energie rinnovabili: le conseguenze per Malta

L’Unione Europea ha raggiunto un accordo oggi per raddoppiare quasi la quota di energie rinnovabili nel consumo energetico dei 27 Paesi entro il 2030, nell’ambito degli sforzi per diventare neutrali rispetto alle emissioni di carbonio e abbandonare i combustibili fossili russi.

L’accordo politico provvisorio, raggiunto dopo una notte di negoziati tra il Parlamento dell’UE e gli Stati, mira a portare la quota di energia rinnovabile al 42,5%, dal 22% attuale.

Il Times of Malta ha riferito all’inizio di questa settimana di come le imprese e le famiglie maltesi potrebbero essere danneggiate se Malta non aumentasse presto le sue fonti di energia rinnovabile e se l’UE costringesse il governo a porre fine alle sovvenzioni a tappeto sui consumi il prossimo anno.

Malta spende più di 400 milioni di euro all’anno in sussidi per ammortizzare il costo dell’energia. Ciò sta spingendo il deficit nazionale oltre il limite fissato dall’UE, il che potrebbe far scattare una procedura per deficit eccessivo. Se ciò accadesse, il Paese sarebbe costretto a ridurre i sussidi energetici, eventualmente limitandoli alla popolazione più vulnerabile, hanno dichiarato i funzionari governativi.

L’UE ha fissato l’ambizioso obiettivo di diventare un’economiaclimaticamente neutrale” entro il 2050, con emissioni nette di gas serra pari a zero.

La mossa arriva anche quando l’UE ha cercato di ridurre la sua dipendenza dai combustibili fossili russi dopo che Mosca ha tagliato le forniture di gas l’anno scorso e il blocco ha posto divieti sul greggio trasportato via mare e su altri prodotti petroliferi provenienti dal Paese.

La cifra rappresenta un compromesso tra la quota del 45% di energie rinnovabili, richiesta dai legislatori e dalla Commissione europea, il ramo esecutivo dell’UE, e il 40% preferito dagli Stati.

Il precedente obiettivo per il 2030 era stato fissato al 32%.

La proposta di direttiva mira a ridurre la burocrazia per i progetti di energia rinnovabile.

L’obiettivo è quello di “accelerare la diffusione delle energie rinnovabili” come parte del piano dell’UE “per diventare indipendente dai combustibili fossili russi, dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia”, si legge in una dichiarazione del Consiglio dell’UE che rappresenta i governi del blocco.

Le aziende si sono lamentate del fatto che la burocrazia ha rallentato lo sviluppo di queste infrastrutture.

Dibattito sul nucleare

L’accordo include l’idrogeno, l’energia nucleare e la biomassa nell’elenco delle fonti di energia rinnovabile, insieme alla tecnologia solare ed eolica.

La biomassa deriva da materiale organico come alberi, piante e rifiuti urbani e comprende la combustione di legna per produrre elettricità.

I Paesi scandinavi difendono questa pratica, ma i gruppi ambientalisti la criticano per il suo impatto sulle foreste.

Pascal Canfin, presidente della commissione ambiente del Parlamento europeo, ha dichiarato che l’accordo stabilisce regole severe sull’utilizzo della biomassa.

“L’uso della biomassa è meglio regolamentato, anche se il Parlamento ha voluto spingersi oltre”, ha dichiarato Canfin, del gruppo politico centrista Renew.

Markus Pieper, del Partito Popolare Europeo di destra, ha affermato che l’accordo rende la biomassa “verde al 100%”.

Canfin ha affermato che l’accordo “riconosce anche il ruolo specifico del nucleare (energia) che non è né verde né un combustibile fossile”.

L’inclusione dell’energia nucleare è stata oggetto di un acceso dibattito nelle ultime settimane.

La Francia, uno dei principali produttori di energia nucleare, e i suoi alleati volevano che l'”idrogeno a basse emissioni di carbonio”, prodotto utilizzando l’energia nucleare, avesse lo stesso status dell’idrogeno prodotto da fonti rinnovabili come l’energia solare ed eolica.

Un gruppo guidato dalla Germania si era opposto all’inclusione dell’idrogeno prodotto dall’energia nucleare, temendo che avrebbe rallentato gli investimenti nelle energie rinnovabili.

Alla fine è stato raggiunto un accordo dopo che la Svezia, che detiene la presidenza di turno dell’UE, ha proposto un compromesso.

Canfin ha dichiarato che l’accordo significa che la Francia potrà utilizzare l’energia nucleare e non sarà costretta a costruire infrastrutture per le energie rinnovabili per produrre idrogeno per l’industria e i trasporti.

“Era una condizione imprescindibile per il sostegno della Francia all’accordo finale”, ha dichiarato Canfin.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE