sabato, Aprile 1, 2023
HomeMaltaAttualitàKevin Gatt: "Un ambiente costruito più resiliente"

Kevin Gatt: “Un ambiente costruito più resiliente”

L’istituzione del Progetto Verde, con un budget di 700 milioni di euro per un periodo di sette anni, offre grandi speranze a coloro che hanno manifestato la necessità di un ambiente costruito più resiliente e sostenibile.

Un ambiente costruito più resiliente e sostenibile implica progetti che massimizzano gli obiettivi economici, sociali e ambientali. La resilienza e la sostenibilità non si limitano alla dimensione ambientale, ma sono anche orientate a migliorare la dimensione socio-economica delle località. Una località socio-economicamente fiorente dà un senso di appartenenza a residenti, operatori e visitatori, favorendo ulteriori investimenti.

Il “verde” del Progetto Verde può, ironicamente, essere una potenziale limitazione della forma mentis sia nella progettazione che nelle aspettative degli interventi selezionati. Il concetto di “città verde” nella sua forma più pura si basa spesso su soluzioni basate sulla natura. Tuttavia, oggi il verde dovrebbe comprendere anche tecnologie e sistemi puliti che possono rendere le nostre località più ricche in tutti i sensi.

Dobbiamo quindi guardarci le spalle e dimostrare un’ambizione che sia all’altezza delle sfide della sostenibilità di oggi. Lo sviluppo fisico ha portato a pressioni sui cicli naturali. È quindi fondamentale rafforzare i cicli naturali e i servizi ecosistemici attraverso progetti solidi, non solo con la piantagione di alberi e arbusti, ma anche con infrastrutture verdi e blu, mobilità e sfide di decarbonizzazione.

Le infrastrutture verdi e blu contribuiscono al benessere socio-ecologico in termini di ricreazione, relax e varie forme di esercizio fisico. Migliorano l’aria che respiriamo, raccolgono acqua e possono anche fornire una produzione alimentare su piccola scala.

Inverte l’impatto dell’urbanizzazione, aumentando al contempo l’estetica dell’area di intervento, sotto forma di aree paesaggistiche ad alto grado di permeabilità, piuttosto che di asfalto e cemento. Queste aree forniscono ombreggiatura, riducono i guadagni di calore e gestiscono l’acqua piovana vicino al luogo in cui viene generata.

In caso di tempo asciutto, questi spazi possono essere utilizzati anche per scopi ricreativi. Non possiamo più fare a meno di sfruttare gli appezzamenti di terreno designando solo l’uso a livello del suolo, ma dobbiamo sfruttare i livelli sotterranei di questi spazi per la gestione dell’acqua e dei rifiuti, rendendoli anche centri di eccellenza ambientale.

I progetti devono anche favorire una nuova forma di mobilità sostenibile e promuovere una cultura delle fonti energetiche più pulite, massimizzando tutte le forme di intervento che possono contribuire alla decarbonizzazione.

Gli spostamenti più ecologici dovrebbero essere ricercati nel nucleo della località, individuando parcheggi fuori città integrati da sistemi di navette verso la località per consentire questa transizione.

Si dovrebbe dare priorità agli spostamenti in bicicletta e a piedi, disegnando percorsi collegati che permettano di convergere verso i centri di gravità all’interno della località. In questo modo, dovremmo sperimentare iniziative come lo scuolabus a piedi, che potrebbe dare il via all’inculcazione di una nuova tendenza alla mobilità.

L’ambiente costruito di oggi presenta spesso uno spazio sterile che obbliga i residenti a spostarsi dalla località per trovare lavoro, servizi, svago e divertimento. Questo tipo di infrastrutture abbellisce le località, rendendole più attraenti per gli affari, crea spazi tematici per la ricreazione all’interno della località e ne migliora la dimensione ambientale, compensando così l’impatto dello sviluppo sui cicli naturali.

Il Progetto Verde ha l’opportunità di trasformare le località in fiorenti ecosistemi economici, sociali e ambientali. Il Progetto Verde può davvero cambiare le carte in tavola nella buona governance urbana, comprendendo i diversi programmi degli stakeholder, attenuando le differenze e offrendo soluzioni eque che possano rispondere alle preoccupazioni prevalenti senza compromettere i principi di sostenibilità e resilienza.

Non è il momento di polarizzare le soluzioni in bianco e nero, ma di far prevalere diverse sfumature di grigio. Un approccio partecipativo con attori e comunità consolidate e meno consolidate nella fase di progettazione garantirà inclusività e capacità di risposta.

Il Department of Spatial Planning and Infrastructure della Faculty for the Built Environment è stato sensibile alla necessità di promuovere l’apprendimento in questo campo con gli studenti. Negli ultimi tre anni, tutor e studenti hanno avanzato proposte per una San Ġwann, Fgura e Swieqi più verde.

Abbiamo studiato la reazione degli attori locali a una San Ġwann più verde e sostenibile, nonché la percezione del pubblico nei confronti di edifici e spazi verdi. I nostri studenti, futuri progettisti di questi spazi, hanno ottenuto risultati superiori alle aspettative.

I consigli locali invitati a partecipare alle presentazioni degli studenti hanno dimostrato un’accoglienza molto calorosa nei confronti di queste proposte. L’appetito c’è e va soddisfatto.

Il Department of Spatial Planning and Infrastructure della Faculty for the Built Environment augura al Progetto Verde ogni successo e si mette a disposizione per qualsiasi supporto.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

I lavori a rischio a causa dell’intelligenza artificiale

L'intelligenza artificiale (IA) sta cambiando il modo in cui le aziende lavorano, aumentando l'efficienza e migliorando la produttività. Tuttavia, ci sono alcune professioni che...